Mangialardi presenta la lista civica Vivi Senigallia

vivisenigallia 2' di lettura 18/02/2010 - Sono quattro le liste che appoggiano la candidatura a sindaco di Maurizio Mangialardi, assessore uscente del Pd. Ieri la presentazione della prima lista ufficiale della coalizione Vivi Senigallia.

Trenta nomi, per personaggio della società civile, che si affiancheranno alle liste partitiche in corso di formazione da parte di Pd, la Città Futura (che comprende Verdi, Sel e Comunisti Italiani) e Italia dei Valori.



“Sono molto contento e onorato che un gruppo di persone, tutte le società civile, si siano messe insieme per un progetto politico che parte dalla buona amministrazione compiuta in questi dieci anni
-spiega Mangialardi- ma che sa guardare anche al futuro di questa città”. Una compagine di centro sinistra con cui Mangialardi punta alla vittoria al primo turno. “Al ballottaggio non ci pensiamo perchè il nostro obiettivo è vincere al primo turno -aggiunge il candidato sindaco- resta comunque ovvia la nostra apertura al dialogo con chiunque in questa campagna elettorale sappia tenere basso il profilo della polemica e non ricorra a facili strumentalizzazioni. Noi parliamo alla gente e con loro ci confrontiamo”.


In quanto alla lista civica che sostiene la candidatura di Mangialardi, alla guida di Vivi Senigallia c\'è Rossana Berardi, presidente del Consiglio delle Donne. “Abbiamo presentato questa lista per dare un contributo di idee da parte di cittadini che a loro volta si fanno portavoci delle istanze della comunità -precisa la Berardi- questa lista è la vera novità civica delle elezioni perchè eterogenea e variegata, composta da giovani, adulti, professionisti, donne e senigalliesi in genere”.


Questi i nomi che compongono la lista Vivi Senigallia, presentata ieri con l\'ausilio anche di un traduttore simultaneo della Lis per la presenza di un candidato sordomuto. Rossana Berardi, capolista, Serena Bacchiocchi, Roberto Baroni, Lorenzo Beciani, Mauro Bedini, Marinella Betti, Maria Cristina Bonci, Alessandro Bracci, Alessio Burattini, Catrine Caroli, Pasquale De Riccardis, Cecilia Delvecchio, Massimo Felicissimo, Mario Fiore, Alessandra Frulla, Massimo Gerini, Mibbio Greganti, Massimo Mazzaferri, Andrea Mazzoli, Maurizo Memè, Nanni Minardi, Elisabetta Palma, Diego Pieroni, Dario Romano, Erika Rossetti, Patrizia Servizi, Mimmo Shamin, Tunde Stift e Gerardo Tricarico. Presentato anche il logo della lista civica Vivi Senigallia. Uno sfondo arancione con la Rotonda a Mare simbolo della spiaggia di velluto. Ufficializzata anche la sede elettorale che aprirà i battenti in pieno corso II Giugno. In quanto ai punti cardine della lista, in primo piano il turismo e il commercio con incentivi al turismo sportivo e la creazione di un consorzio di commercianti del centro storico. Per le politiche sociali il potenziamento dei centri di aggregazione giovanile mentre in tema ambientale torna la proposta di chiudere almeno una domenica al mese il centro storico alle auto.







Questo è un articolo pubblicato il 18-02-2010 alle 23:45 sul giornale del 19 febbraio 2010 - 8228 letture

In questo articolo si parla di giulia mancinelli, politica, vivi senigallia


Considerando che tutti costoro avrebbero votato Pd e dintorni, mi chiedo, qual è il valore aggiunto che questa lista dà alla coalizione?<br />
Quelle due righe pseudoprogrammatiche finali?<br />
<br />
Leggo che c\'è anche una nota velina de noantri.<br />
<br />
Il berlusconismo. Tutti lo criticano, tutti lo imitano.<br />

Commento modificato il 19 febbraio 2010

il consiglio delle donne prevede che lo stesso sia apolitico, quindi immagino che la presidentessa Berardi abbia già rassegnato le dimissioni, giusto????<br />
Laura Lavatori

\"questa lista è la vera novità civica delle elezioni perchè eterogenea e variegata....\"!<br />
<br />
E chi lo ha stabilito? Lei? <br />
<br />
Totò direbbe: \"Ma ci faccia il piacere\"!<br />

Questo è il primo caso in cui una lista civica nasce per mano di un partito.<br />
Ma chi volete prendere in giro?<br />
Il tutto solo per fingere di avere un appoggio più \"largo\" di quello che vi si sta sgretolando sotto i piedi.<br />
Voglio vedere, comunque, se verrà data risposta all\'interessante domanda posta da Laura.<br />
Condivido, con Anna, il buon Totò: \"Ma ci faccia il piacere\"!

ecchecavolo melgaco!<br />
Mi tocca darti ragione! ;-)<br />
<br />
\"Il berlusconismo. Tutti lo criticano, tutti lo imitano\".<br />
<br />
...non tutti, ma il contagio è ampio...

Pagina 37 del bignami \"Come racimolare i voti che non t\'aspetti e dormire sonni tranquilli\".<br />
Una lista fatta un pò col rastrello, qualche personaggio nuovo e interessante e qualche altro francamente risibile... <br />
Senz\'altro una bella trovata di Mangialardi per accaparrarsi quel migliaio di voti in più che l\'aiuteranno a portare a casa il risultato.<br />
Perchè è vero, questi magari avrebbero votato tutti PD & dintorni, ma tanti dei loro amici, colleghi, parenti probabilmente no...<br />

Spero che le persone della lista verranno valutate per le competenze e l\'apporto che daranno alla coalizione e a tutti i cittadini.<br />
Io ci credo vivamente, per questo elezioni lavorerò sul piano delle idee, delle esperienze e dell\'innovazione. <br />
<br />
Dario Romano

Penso che uno dei punti del programma di Marcantoni possa essere il seguente:<br />
\"Con noi, tutti gli sprechi, compresi i finanziamenti ad aggregazioni inutili come il Consiglio delle donne saranno azzerati\".<br />
<br />
Così ci finanziamo il sociale, come dice Perini

mafatevela finita

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Tutti devono abbassare i toni.anche gli autori del comunicato.Non possono intimare coercitivamente gli altri ad abbassare i toni se non li abbassano prima loro,se sono loro i primi ad essere allergici alle critiche politiche civili.

Io intimerei ad qabbassare in toni sia la coalizione di Mangialardi che quella di Paradisi,perché la politica non è un pollaio dove vince il gallo che canta e lancia più procloami di vittoruia.Non dovrebbbe essere così.poi,non c\'ìentra niente,ma a Palazzo Gherardi va più che bene che ci siano degli appartamenti.Non ne vedo altra destinazione d\'uso più idonea.è angusto come luogo d\'incon tro pubblico,veramente tetro.Storicamente non è stato mai un luogo d\'incontro pubblico.C\'è già e quindi non aggiunge altro cemento.Tutta loa zona di Piazza del Duca e del foro Annonario è molto più presentabile per convegni,mostre ed altri tipi di iniziative.Palazzo Gherardi non ha mai avuto storicamente una funzione importante nella vita pubblica cittadina.è una residenza,punto e basta,al pari dell\'ex scientifico.L\'impatto visivo dalle finestre sul quertiere del porto,il quartiere dove abito io,non è bello.L\'aula magna è un luogo tetro.Lo stilen neoclassico si nota solo nelle ringhiere della scalinata e mal si adatta col resto dell\'edilizia storica saenigalliese.

Da come se ne parlava,mi aspettavo personaggi politicamente più attrattivi,potrò sbagliarmi,ma faccio una previsione;900-1200 voti di cui il 70%già angeloniani,non penso che Mangialardi con questa lista possa\" politicamente\" fare sonni tranquilli.<br />
Cordialmente

Più che una lista civica mi pare una puntata di un programma di Maria de Filippi...<br />
<br />
Scegliete voi quale...