In Consiglio un ordine del giorno sull\'Enoteca Regioale

Partito Democratico 2' di lettura 22/02/2010 - Il Partito Democratico ha presentato un ordine del giorno al prossimo consiglio comunale in merito al futuro dell\'Enoteca Regionale di Jesi.

PREMESSO
che la Regione Marche ha istituito l’Enoteca Regionale con sezioni a Jesi e Offida ;
che l’Enoteca Regionale ha come compito quello di promuovere l’azione di valorizzazione dei vini di qualità delle Marche;
che l’Enoteca Regionale ha inoltre il compito di sviluppare la divulgazione delle caratteristiche dei vini, in sinergia con i prodotti agro-alimentari tipici della Regione, al fine anche di conservare e documentare la cultura vitivinicola e rurale;

che nel corso di questi anni l’Enoteca Regionale sez.di Jesi ha dato prova di svolgere il proprio ruolo, come dimostrano le numerose iniziative che sono state promosse, dimostrandosi così anche un valido strumento di promozione turistica del territorio;
che l’Amministrazione Comunale ha costituito presso l’edificio comunale di Palazzo Battaglia vecchio il “Teatro dei profumi e dei sapori” , in collaborazione con : 15 comuni della media e bassa Vallesina, il Sistema Turistico della Marca Anconetana, l’Enoteca Regionale sez. di Jesi, Italcook, AIS ed altri, - per la promozione economico-turistica dei prodotti enogastronomici del territorio locale e della Provincia di Ancona ;

CONSIDERATO
che a seguito della nuova direttiva comunitaria “ocm vino” sono mutate le normative di riferimento per lo sviluppo e promozione di questa eccellenza agroalimentare nazionale;
che il Comune di Jesi ha regolarmente emanato ed esperito tutte le procedure di bando pubblico, ai sensi della LR 5/95, per la gestione dell’Enoteca di Jesi e che lo stesso è andato deserto;
che ad oggi l’Enoteca Regionale di Jesi, vista la rinuncia del precedente gestore ed il risultato del bando, si è trovata nella situazione di dover sospendere la propria attività;
che l’Amministrazione Comunale ha intrapreso un proficuo confronto con la Regione, l’Istituto Marchigiano di Tutela e l’Assivip, per consentire la riapertura dell’Enoteca e l’avvio di una collaborazione proficua e duratura;

che nel frattempo anche altre città della Provincia si sono rese disponibili ad accogliere la sede dell’Enoteca Regionale oggi presente a Jesi;
che l’Enoteca Regionale di Jesi costituisce un patrimonio per la nostra città e vetrina di prestigio per uno dei prodotti più rappresentativi del nostro territorio: il Verdicchio del Castelli di Jesi, primo vino della Regione Marche e recentemente primo bianco d’Italia;

RIBADISCE
che la sede dell’Enoteca Regionale debba rimanere nel Comune di Jesi;
IMPEGNA
Il Sindaco e la Giunta Comunale a:

1)A proseguire il confronto intrapreso tra gli Enti e le associazioni di categoria, al fine di arrivare alla riapertura dell’Enoteca Regionale, intraprendendo tutte le iniziative che si renderanno necessarie.
2)A tenere informato il Consiglio Comunale degli sviluppi del confronto in atto con la Regione, l’Istituto Marchigiano di Tutela e l’Assivip.

da Andrea Binci
consigliere comunale Pd





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-02-2010 alle 17:37 sul giornale del 23 febbraio 2010 - 1067 letture

In questo articolo si parla di politica, jesi, partito democratico, Andrea Binci