Qualità dell\'aria, la Provincia: \'Subito interventi o c\'è il rischio di pesanti sanzioni\'

24/02/2010 - I ripetuti superamenti dei livelli di inquinamento da polveri sottili hanno spinto la Provincia di Ancona a convocare un tavolo con i comuni del territorio interessati dal fenomeno per individuare e avviare soluzioni concertate, condivise e soprattutto efficaci.

Anche perché, come ha rilevato l\'assessore all\'Ambiente della Provincia di Ancona Marcello Mariani, i primi dati del 2010 preannunciano un anno difficile per la qualità dell\'aria, e sembrano consolidare il trend negativo degli ultimi anni. Situazione critica per quanto riguarda il Comune di Ancona, che a giugno 2011 vedrà scadere le proroghe concesse dall\'Unione europea, e sul quale grava il rischio di pesanti sanzioni economiche, con possibili risvolti penali, se permarrà lo stato di inadempienza nei confronti delle disposizioni comunitarie.


\"La base da cui partire - afferma l\'assessore Mariani - deve essere che la salute pubblica non è contrattabile, né monetizzabile. Allora è necessario mettere in campo azioni immediate e di ampio respiro per intervenire su tutti gli aspetti che influiscono sull\'inquinamento atmosferico, dal traffico stradale al riscaldamento domestico, dalle emissioni industriali a quelle del porto di Ancona, per il quale avanziamo da tempo la richiesta di realizzare banchine elettrificate che consentano di diminuire drasticamente l\'inquinamento delle navi da crociera ormeggiate. Insomma, dovrebbe essere chiaro a tutti che investire fondi su progetti di risanamento della qualità dell\'aria con interventi puntuali, ad esempio a sostegno della mobilità pubblica, è meglio che sperperarli per pagare sanzioni che ricadrebbero sui cittadini senza apportare alcun miglioramento ambientale\".








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-02-2010 alle 15:34 sul giornale del 25 febbraio 2010 - 1775 letture

In questo articolo si parla di provincia di ancona, politica, ancona


Massimo Gianangeli

Beh, come primo intervento preso, in questa situazione di gravi supermenti dei valori delle polveri sottili, avete preso quello di aggiungerne altre 9.6 t/anno (ripeto 9.6 tonnellate di polveri!!!) con i nuovi impianti Sadam per i quali 10 giorni fa avete firmato l\'accordo di riconversione.<br />
<br />
Siete sempre più credibili.<br />
Complimenti.<br />
<br />
MASSIMO GIANANGELI

Ipocrisia portami via ... anzi... ipocrisia portaLI via...

Ill.mo Assessore Mariani,Lei ben conosce le problematiche che ha prodotto il posizionamento del ponte Zavatti ,senza alcuna opera di mitigazione sia acustica che per le polveri sottili,nella zona PEEP MISA e ben saprà le numerose richieste d\'intervento dei residenti ad oggi non è stato realizzato nulla neanche una semplice piantumazione di alberi,tanto per intenderci come API Falconara o una siepe di alloro.Giusto quello che Lei ha affermato che la SALUTE PUBBLICA NON E\'contrattabile ne monetizzabile.Lei se vuole può intervenire per risolvere la grave problematica della zona.Grazie anche a nome dei residenti

Quando nel Comune di Senigallia mancano le idee e le proposte concrete, la qualità dell\'aria va a farsi benedire. Si è presentato un Piano Urbano del Traffico che da solo linee di indirizzo con proposte di nuove piste ciclabili e trasporti pubblici a chiamata. E\' vero che si parla di una maggior pedonalizzazione del centro storico ma i veri problemi di inquinamento di Senigallia sono ben altri. Vedasi zona Penna, rotatoria Ospedale e tutta la zona Ponte Portone,Zavatti e G. Bruno. Un discorso a parte merita il trasporto urbano dove con pochi bus con cambio continuo dei display degli stessi, si vuole coprire un\'intera città. Se veramente vogliamo diminuire le polveri sottili, dobbiamo ricreare in maniera seria un servizio urbano per incentivarne l\'uso a scapito del traffico privato facendo scelte definitive se in centro ci si vuole arrivare con il bus o con l\'auto. Un pochino di umiltà in più non guasta mai chiedendo alle città limitrofe cosa hanno fatto in tema di trasporto urbano. Vedasi Jesi e Fano.