Mancini: Sacelit, un\'enorme opportunità...sprecata

mancini sindaco 03/03/2010 - Ecco cosa l’attuale (e prossima, se verrà riconfermata) amministrazione vuol fare dell’area della ex Sacelit Italcementi (riportiamo un estratto dal bimestrale comunale).

Sarà edificato un complesso residenziale composto da 168 appartamenti (il cui costo sarà di 6-7mila euro a metro quadro), un albergo a 5 stelle con 99 camere (con un Casinò?) e un nuovo (e quanto utile?) centro commerciale. Si parla pure del Museo della città, ma a questo proposito – ammesso e non concesso che quella sia la collocazione giusta – non c’è un soldo a preventivo né è stato elaborato alcun progetto (siamo, quindi, di nuovo alla propaganda allo stato puro…). In tale contesto, il progetto della costruzione di un quartiere e di un albergo di lusso rischiano di compromettere le potenzialità del turismo senigalliese.


Un’area da urbanizzare vasta cinque ettari, collocata sul mare e in prossimità del centro città, rappresenta una ricchezza enorme non tanto in termini finanziari, ma di risorsa su cui costruire il futuro di Senigallia. Questa area dovrebbe essere destinata ad attività collegate al turismo ed alla cultura, che siano in grado di restare in esercizio per tutto l’anno e che costituiscano una attrattiva stabile verso Senigallia. L’idea è quella di un progetto di “Cittadella Tematica” (ed esempio, “La Città della Scienza” di Bagnoli o il “Porto Vecchio” di Genova) dedicato ad un tema originale, consono alla città, che non rappresenti un doppione di altre esperienze, ma un progetto da avviarsi in relazione con la Comunità Europea, in un quadro di collaborazione tra pubblico e privato. Perché destinare questa area (rinunciando a migliori opportunità per la città) ad una edilizia di tipo finanziario? Si tratterà di una occasione di investimento che farà diventare ancora più ricchi i pochi ricchi che ci sono, in assenza di ricadute positive sull’insieme della città. Con questo tipo di urbanizzazione, il risultato sarà un nuovo quartiere vissuto, nella migliore delle ipotesi, due mesi l’anno….e poi?


Vuoto e desolazione. Come dicevamo, ci potremmo mettere del nostro, qualificando le nostre peculiarità, magari prendendo esempio da altre realtà che hanno sviluppato progetti esemplari che hanno portato lavoro e turismo dodici mesi l’anno; così si farebbe conoscere Senigallia sempre di più, portandola a diventare un punto di riferimento per almeno tutta la riviera adriatica, dal punto di vista fieristico, turistico e commerciale (cosa che è già stata fatta in passato). Possediamo una lunga e gloriosa storia (il prossimo anno ricorrerà la 546esima edizione della Fiera di Sant’Agostino). La Storica Fiera di Senigallia (si legge nel sito del Comune) contribuì nel passato a far conoscere la città in gran parte del mondo, raggiungendo il massimo sviluppo nel XVIII secolo. A tutela degli interessi dei mercanti a Senigallia nel \'700 erano presenti numerosi Consolati esteri.


Erano rappresentate diplomaticamente Austria, Danimarca, Prussia, Svezia, Belgio, Francia, Inghilterra, Turchia ed altri Stati. Ai forestieri, raggruppati per lo più secondo la nazionalità cui spesso corrispondeva una specializzazione mercantile, venivano assegnate aree e botteghe in affitto. Ancora oggi nel rione del Porto possiamo trovare, ad esempio, le vie Cattaro, Siria, Samo, Corfù, Smirne, Rodi. Quanti altri comuni possono vantare un così illustre primato? Perché dobbiamo ridurre la nostra cittadina ad uno squallido e improduttivo contenitore immobiliare? A Genova per riqualificare il Porto Antico si è costituita una società (posseduta a maggioranza dal Comune) con l\'obiettivo di restituire quell’area alla città, rendendola vivibile e godibile tutto l\'anno (risultato che si sta ampiamente raggiungendo). Tutto ciò attraverso la realizzazione di iniziative culturali, lo sviluppo dell\'attività congressuale e la costruzione di strutture di interesse generale per creare un polo di attrazione turistica, sia nazionale che internazionale. Nel corso degli ultimi anni, questi obiettivi sono stati perseguiti attraverso una politica di riempimento e di occupazione degli spazi graduale e ponderata, all\'insegna della qualità e della coerenza delle concessioni. Quindi è stata restituita l\'area alla città, trasformandola in uno spazio da vivere tutto il giorno. In pochi anni sono nate le nuove infrastrutture (L’Acquario, Il Centro Congressi, La Città dei bambini e dei ragazzi, La Biblioteca per i giovani, il Museo Luzzati), i progetti ludico culturali, le iniziative sociali e le attività commerciali che hanno attirato i visitatori e rivitalizzato il vicino centro storico.


A Bagnoli invece è stato progettato un sistema articolato di strutture e servizi sui suoli dell’ex Polo industriale, nella zona occidentale di Napoli. Nel quartiere con un’antica tradizione operaia, sta sorgendo progressivamente un Centro della Scienza, un Centro Congressi ed un Incubatore Tecnologico di imprese. Le attività riferite ai differenti ambiti di intervento di Città della Scienza sono sviluppate sinergicamente nell\'esercizio delle sue tre funzioni: l\'Innovation Factory, International House e Programmi Istituzionali. L’obiettivo finale è quello di orientarsi alla creazione e allo sviluppo d’impresa, all’innovazione ed al trasferimento tecnologico, alla cooperazione territoriale euro-mediterranea ed all’internazionalizzazione del sistema regionale. Tali obiettivi sono perseguiti con il ricorso ad una metodologia d’intervento che mette insieme persone e business, istituzioni e saperi. Riflettiamoci….

Roberto Mancini (Candidato a Sindaco per Senigallia)
Paolo Battisti (Candidato al Consiglio Comunale per Senigallia nella “Lista Mancini Sindaco – Partecipazione”)





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-03-2010 alle 12:12 sul giornale del 04 marzo 2010 - 4594 letture

In questo articolo si parla di rifondazione comunista, roberto mancini, politica, amministrative 2010


Noto che Mancini cita due comuni governati dal centro-sinistra.<br />
Evidentemente c\'è centro-sinistra e centro-sinistra.<br />
<br />
.<br />
<br />
Ho fatto un conto, stando stretto: 168 appartamenti di 55 mq (minimo dei regolamenti) a 6000 Euro/mq fanno:<br />
<br />
CINQUANTACINQUE MILIONI DI EURO<br />
<br />
A fronte di questo giro d\'affari, con questo progetto, si porteranno ZERO o pochissimi turisti in più.<br />
<br />
Quanto ha ragione questo comunicato!<br />
<br />
.

A Napoli poi, nella tanto bistrattata Bagnoli, c\'è già un centro multifunzionale con piscine, terme, teatro, ristorante, bar, centro commerciale e parcheggi interrati tutto assieme.<br />
E tutto anche alimentato da impianti solari fotovoltaici.<br />
Già solo quello, con le sue forme architettonicamente innovative e tutte quelle funzioni, è capace di attrarre molta più gente di quanto mai farà l\'intero complesso ex Sacelit.<br />
Tantopiù che, ad avere una visione lunga, si poteva chiudere al traffico anche via Costa (cercando altre soluzioni) e tentare un intero camminamento pedonale/ciclabile che partendo dal Portone poteva arrivare a piazza saffi, quindi tutto il corso, attraversare il ponte, fare via Carducci e via costa e, con il sottopasso in esecuzione, arrivare a mare: tutto senza quasi scendere dalla bicicletta, e rivitalizzando anche quella via oltre porta Fano.<br />
Ma bisogna avere anche il coraggio di scelte impopolari.

D\'accordo con Daniele Sole... :)

Da cittadino che ama Senigallia e che non è mai stato invischiato in politica (per scelta personale): ma perché costruire case e albergo nella Sacelit-Italcementi? Non credete che la proposta del candidato Mancini (che io non voterò comunque come Sindaco, ma per altri motivi)sia apprezzabile? Ho l\'impressione che l\'ansia di cementificare dell\'amministrazione uscente possa costare alla stessa qualcosa, in termini elettorali. Penso che si possa ben dire che gli appetiti dei costruttri siano stati ben soddisfatti negli ultimi 10 anni(e anche per quanto riguarda il futuro, viste le trasformazioni urbanistiche alle quali dovremo assistere). Non sarebbe il caso di pensare un po\' anche a rendere più bella Senigallia e più vivibile per i suoi cittadini,senza ipotecare il futuro dei nostri figli con scelte che in tanti non condividono? E vi prego, piantatela con la menata della città di lungo corso, con le ciclabili che tali sono solo nella mente del nostro assessore verdognolo, con l\'inaugurazione del porto, con le innumerevoli inaugurazioni delle rotonda, con i ponti sul Misa, la piscina delle Saline. il parco delle Saline che appare e scompare e la \"Nuova gioventù\" (ma l\'avete mai sentito un senigalliese che la chiama così)? Scusatemi se sono stato prolisso, ma avevo proprio voglia di dire qualcosa di mio.

suddito tuttacanna

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Prima di tutto c\'è da dire che l\'area ex-Sacelit è privata. Pertato il proprietario, come è consuetudine, può sfruttarla come vuole.<br />
<br />
Semmai verrebbe da dire perchè il Comune in tutti questi anni non abbia mai pensato di prenderla per renderla tutta pubblica o solo in parte.<br />
<br />
Premesso ciò passiamo ai \"fatti\" e (ai misfatti):<br />
<br />
1)-L\'illustre architetto Portoghesi ha sempre dichiarato di aver preso spunti dalla stessa Senigallia. In realtà a guardarlo bene (dal plastico) più che sulla spiaggia di velluto sembra di stare a Saigon. L\'edificio pare ottimo per una cartolina inviata da una resort del sud-est asiatico.<br />
<br />
2)-Al cittadino senigalliese che esce di mattina per andare a comprare 3 etti di sardoni e un filoncino di pane oppure a quell\'altro che va a prendere il treno alla stazione per andare a lavorare ad Ancona o a Pesaro che cosa gliene importa di 168 appartamenti a 6-7-8mila Euro/mq e di un hotel 5 stelle lusso con 99 camere??? Sono opere che servono alla città oppure ingrassano solo 3-4 portafogli??<br />
<br />
3)-Nuovi porti con posti per yachts e panfili. Ben 3 hotels a cinque stelle (ex-Sacelit, ex-Enel, ex-Hotel Marche), diverse centinaia di appartamenti turistici, viabilità modificata con opere fantascentifiche. Ma qualcuno ha calcolato il ritorno??? Si riempiranno o no?? Saranno usati oppure rimarranno vuoti??? E se le cose non dovessero andare bene?? Cosa ci facciamo con una città di questo tipo??<br />
<br />
4)-Ammettiamo che arrivi questa clientela VIP per la quale si sta preparando la città in stile Montecarlo (non possiamo fare a meno di augurarcelo)...Siamo sicuri che la città \"popolare\" <br />
quella dei guatti e della porchetta a 100mt. di distanza sia di loro gradimento?? Che cosa potrebbe succedere se la città si spaccasse con i ricchi turisti venerati da una parte e confinati nei loro recinti e tutto il popolino vivente dall\'altra??? E\' questo il tipo di Senigallia che vogliamo?<br />
<br />
5)- Il Comune ha già calcolato (non so se è a bilancio) che il costruttore Lanari dovrà sborsare 20 milioni di Euro solo per le opere di urbanizzazione?? Aggiungendo poi materiali, manodopera, varie ed eventuali, imprevisti quanto andrebbe a spendere per l\'intera realizzazione??<br />
E per decidere di far ciò quanto avrebbe previsto di incassare per l\'intera operazione finanziaria??<br />
Non credo che lo faccia per noccioline (qualche decina di migliaia di Euro di guadagno)<br />
Detto questo vi potrete immaginare quanto costerà alla vendita un appartamento di 55mq. in questo progetto.<br />
<br />
Questi sono alcuni delle decine di quesiti che si potrebbero sollevare per la ex-Sacelit come per tutte le altre grandi opere previste.<br />
<br />
Se ne volete sapere di più, basta rimanere sintonizzati sulle giuste frequenze...<br />
<br />
L. Fiorentini<br />
PROGETTO GIOVANI per MARCELLINI<br />

Al di là del merito delle cose che dice Signor Fiorentini (dove su alcune cose posso convenire), dove si è mai visto che uno pubblica un commento (non entrando nel merito e nella specificità dei contenuti dell\'articolo stesso) ma sfruttando lo stesso per farsi pubblicità pro domo sua firmandosi oltretutto come parte politica? <br />
<br />
Ma idee vostre da sviluppare come articoli non ne avete.... Il Signor Pinto da sempre spazio a tutti.<br />
<br />
Bah....<br />
Ma non sarebbe un commento off.topic? Non riguarda i contenuti dell\'articolo....<br />
<br />
Gianni Cambareri

Miramare, nel tuo esser prolisso hai tuttavia racchiuso il mio pensiero e quello che penso sia di molti altri cittadini; considerazioni semplici ma ineccepibili.


Lorenzo, trovo piuttosto scorretto il fatto che commenti un comunicato stampa di Mancini con un tuo comunicato stampa firmato come candidato Consigliere<br />
<br />
l\'altro giorno hai colto l\'occasione di un mio articolo sulla disabilità per farti propaganda, cercando di far intendere che ti stavi occupando da tempo del problema<br />
<br />
qualche giorno fa hai dileggiato il tentativo che abbiamo fatto di formare la lista a 5 stelle, affermando che \"tutti si sono buttati in liste e listarelle varie\"<br />
<br />
e tu, che hai partecipato alle riunioni senza dire una parola, dove sei andato, in una maxi - coalizione?<br />
<br />
come ha scritto Lorenzo Franceschini, da Stanco in vacanza a Senigallia sei diventato Stanco in campagna elettorale a Senigallia<br />
<br />
non entro nel merito dei tuoi dubbi sull\'ex Sacelit: erano dubbi che esponevamo un anno fa, io e altri commentatori e bloggers, seguendo con interesse anche gli articoli di Paolo Landi sull\'argomento<br />
<br />
l\'area ex Sacelit è stata approvata dal Consiglio comunale nel novembre scorso, in assenza del candidato Marcellini e superando una muraglia di emendamenti dell\'Opposizione e di Mancini - Bacchiocchi<br />
<br />
però vedo con preoccupazione che anche tu trovi eccessivi i 20 milioni di Euro delle opere di urbanizzazione prescritti alla Fortezza Srl<br />
<br />
sappi che gran parte di quei soldi serviranno per realizzare opere di accesso all\'area, opere di cui Senigallia avrebbe volentieri fatto a meno<br />
<br />
quella richiesta non è un capriccio o una punizione<br />
<br />
i 20 milioni saranno poco più di 10, perchè normalmente i computi metrici sono ottimistici e in questa fase recessiva le ditte lavorano anche con ribassi del 35%<br />
<br />
anche tu, assieme a Marcantoni, sei convinto che il prezzo di un appartamento lo faccia il costo di costruzione<br />
<br />
nulla di tutto ciò: i prezzi degli appartamenti li fa il mercato immobiliare, qualunque sia il costo di costruzione, che è una variabile indipendente<br />
<br />
se un luogo è appetibile le case costano care, anche se sono fatte di cartone e vinavil<br />
<br />
quando un costruttore non guadagna non aumenta i prezzi delle case, non può farlo: o si accontenta di guadagnare meno o ferma i lavori, in attesa di una congiuntura più favorevole<br />
<br />
se vuoi una dimostrazione guarda all\'area ex VECO: i permessi sono pronti da tempo, ma il costruttore temporeggia, perchè il mercato immobiliare è sfavorevole, aspetta che si riprenda per cominciare a costruire<br />

Maddechè, evidentemente il Sig. Fiorentini è uno di quelli che crede che per far campagna elettorale basti attaccarsi al tram degli altri.<br />
<br />
Oppure che sia sufficiente sputare nel piatto dove si sarebbe voluto mangiare (lista a 5 stelle) senza peraltro dare un contributo significativo.<br />
<br />
Ma tant\'è, nessuno è perfetto.<br />
<br />

Ma quanta carne al fuoco!!<br />
<br />
Gianni Cambareri è un pezzo che si sfoga con me...non so che cosa gli ho fatto di male e che cosa vuole...<br />
Se me lo volesse dire di persona mi farebbe piacere. Mi troverebbe anche nella sede di Marcellini tutte le sere. Basterebbe che entrasse chiedesse di me senza neppure presentarsi e potremmo scambiare due chiacchiere anche fuori se il luogo fosse di suo fastidio...<br />
Comunque sia nessuno lo insulterebbe come ha fatto lui con me utilizzando questo stesso strumento (i commenti) che utilizzo io per far conoscere la mia opinione.<br />
<br />
A Paolo dico naturalmente che non credo che il prezzo finale di un appartamento sia calcolato in base ai costi di produzione. Assolutamente no. E non c\'è bisogno di spiegare il perchè. Il solo costo della mano d\'opera e dei materiali grezzi si commentano da soli. In ogni modo 20 milioni di Euro sono già un bella briscola fissa, \"di partenza\", ancor prima della realizzazione. Un bel \"coperto\", come quello del ristorante...<br />
<br />
Lorenzo Franceschini scrive di me??? Sono contento...ne prendo atto...è la prima volta che lo fa...Poteva farlo tante altre volte lui e voi quando trattavo temi di mobilità pubblica e ecologia, per esempio. Dove eravate quando ho pubblicato la proposta lo scorso luglio per la statale??? Io quando c\'era da firmare per la messa al bando delle buste di plastica ci sono venuto apposta per sostenere la campagna con tanto di viaggio in auto andata e ritorno 20km. Senza tanti se o ma...Senza domandarmi chi fosse stato il promotore, ecc..<br />
<br />
Quando tenevate le riunioni della lista a 5 stelle vi dissi che venivo in qualità di spettatore, osservatore, che guardava con piacere la costituzione di questa nuova entità...E così era. Non ci inventiamo ora la fantascienza arrampicandoci sugli specchi.

Commento modificato il 05 marzo 2010

L\'ultima volta che partecipai in silenzio, mentre qualcuno parlava, proprio tu avvisai tutto il gruppo (4-5 persone) con tale espressione: \"Ragà, stamo zitti che questo è capace che domani ce sputtana sui blogs\". In realtà rimasi alquanto deluso di questa tua considerazione poichè da sempre avrei auspicato una grande coalizione fatta di blogs, associazioni, e tante realtà tutte insieme. Chiedi a Laura se ti fidi di più. Quella volta per quanto mi riguarda significò il mio \"basta\". Adesso cercate di difendere quello che non esiste dando la colpa a me perchè ho risposto alla domanda di chi si chiedeva giustamente dove fossero finiti i grillini???<br />
<br />
Spiegatelo voi allora...Puoi spiegarlo anche tu Claudia che sentenzi cose senza avermi mai neppure conosciuto. A me non interessava entrare in questa lista a 5 stelle. Ci sono state altre riunioni?? C\'è stato qualche passo in avanti?? Ritengo però che se qualcuno avesse fatto magari un passo indietro ammettendo di non riuscire a concludere e lasciando il passo a qualcun\'altro più interessato e forse capace (che non sono io e che non saprei a chi riferirmi!!!) forse le cose sarebbero andate diversamente.<br />
<br />
L\'altro giorno tu Paolo hai presentato con un comunicato tre candidati consiglieri di tre liste e schieramenti diversi. Io mi sono presentato facendo sapere solo che non eravate gli unici ad aver preso in esame la problematica delle barriere architettoniche...Ma non mi sembra che mi sia scappato detto VOTA ANTONIO LA TRIPPA!!<br />
<br />
Qui ho espresso il mio parere e non ho neppure attaccato Mancini...non c\'è proprio motivo di farlo.<br />

A questo punto spiegatemi voi perchè se parla La Piaga di Velluto tutto è lecito...Se un candidato come Di Capua (un\'altra persona che stimo) posta un commento ricordando di essere candidato per una lista della coalizione Mangialardi nessuno parla...Se si tratta di qualsiasi coalizione ad eccezione di quella per Marcellini lo scandalo non esiste...<br />
<br />
Avete numeri di telefono, e-mails e sapete dove trovarmi. Se pensate di aver ragione da vendere ed io torto marcio, dimostratemelo. <br />
<br />
Avrò l\'umiltà di riconoscere i miei errori e pubblicarli pure.<br />
<br />
Lorenzo Fiorentini


Lorenzo, ti do una notizia così la smetti di sparare dati a capocchia: indicativamente il costo di costruzione a Senigallia è di 1000 Euro al mq, il costo di costruzione a Ostra è ugualmente di 1000 Euro al mq<br />
<br />
una casa normale a Senigallia costa dai 3.000 ai 4.000 Euro al mq, una casa normale a Ostra costa 1.200 - 1.500 Euro al mq e non perchè a Ostra i costruttori siano fessi, ma perchè a Ostra c\'è un mercato immobiliare meno vivace di Senigallia, se Ostra fosse in riva al mare i prezzi aumenterebbero<br />
<br />
probabilmente avrai visto il progetto della ex-Sacelit (anche se non ne sicuro) e avrai notato tutte le opere necessarie a rendere accessibile l\'area, sottopassaggi, ponti, strade, rotatorie<br />
<br />
se è stata fatta la scelta di costruire un quartiere turistico a due passi dal centro, dovranno essere realizzate delle opere per rendere quel quartiere accessibile e i 20 mln di Euro sono il costo di quelle opere<br />
<br />
o pensi che debba essere il Comune (noi) a pagare quelle opere?<br />
<br />
il costruttore avrà fatto le sue valutazioni e avrà stabilito che ci rientra ugualmente, quindi di cosa ti preoccupi? ti ho anche dimostrato che il costo delle case è indipendente dal costo di costruzione, verifica se vuoi<br />
<br />
su tutto il resto non voglio commentare, mi sembra una polemica spicciola di quelle che scateni ogni tanto e non voglio scrivere un romanzo a puntate<br />

E io che cosa ho scritto?? Quali dati sparati a capocchia se ti ho risposto confermando già la tua tesi? Il significato era quello...<br />
<br />
Lo so bene che il costo di realizzazione di un mq. di civile abitazione è uguale a Milano, come a Ostra, come a Canicattì...<br />
<br />
Se però in certe zone di una cittadina come Senigallia dobbiamo arrivare fino a 8000 Euro/mq. alla vendita a fronte dei 1000 spesi per la realizzazione come dobbiamo agire secondo te???<br />
Le ipotesi sono due:<br />
<br />
-assassiniamo, terroristicamente parlando, il mercato nazionale ricominciando da capo (cosa che non saremmo in grado di fare nessuno dei due neppure a volerlo...)<br />
<br />
-Blocchiamo l\'edificazione di nuovi appartamenti, almeno finchè non vengono smaltiti (occupati, venduti, affittati) gli altri a disposizione. <br />
Sennò tra un pò avremo più appartamenti che persone. <br />
<br />
E molte di quest\'ultime paradossalmente passeranno le notti un pò dove capita (sotto i ponti, stazioni, parchi, ecc.)<br />
<br />
Riguardo \"tutto il resto\" come dici tu, io ribadisco quello che ho sempre affermato e praticato con tutti: disponibilità, umiltà e ascolto.<br />
<br />
Queste sono le mie caratteristiche che possono essere confermate da chi mi conosce da tempo...<br />
<br />
Ciò però non significa sottomettersi al ducetto di turno...In un paese dove i ducetti spuntano ogni dove e ogni 5 minuti...