Chiaravalle: il professor Dante Maffia si racconta

2' di lettura 07/03/2010 - Previsti due incontri, il primo a Chiaravalle martedì 9 marzo alle ore 21,00, presso la Biblioteca Comunale, il secondo, il giorno dopo, mercoledì 10 marzo, presso il Liceo Classico di Jesi, dove il prof. Maffia parlerà agli studenti del Liceo. Insieme al Prof. Dante Maffia, sarà presente Massimo Moscatello che ha scritto un racconto autobiografico “Da qui …. A qui” con prefazione di Dante Maffia.

L’incontro, organizzato, con il patrocinio dei Comuni di Chiaravalle e Jesi e della Banca Popolare di Ancona, si pone l’obiettivo di raccontare il nuovo romanzo di Dante Maffìa dal Titolo “Milano non esiste” che rappresenta un altro importante tassello di quel grande mosaico che è la narrativa calabrese moderna (Alvaro, La Cava, Répaci, Strati, Seminara, Abate, ecc.). Nei due incontri, racconterà aneddoti professionali e personali che lo hanno umanamente arricchito e attraverso i quali riesce puntualmente a sbalordire durante le sue frequenti conferenze, tenute da anni, nelle maggiori università del mondo.

“Milano non esiste” che è la storia di un emigrante calabrese trasferitosi a Milano, racconta di un’Italia ancora tormentata dall’alienazione, dal disadattamento urbano e dalla nostalgia per la propria terra di origine. Vengono in mente illustri antecedenti tra i quali “Memoriale” di Paolo Volponi.

Dante Maffia nato in Calabria, nella provincia di Cosenza, nel 1946, si è dedicato all’insegnamento e alla ricerca, nella cattedra di Letteratura Italiana dell’Università di Salerno. È poeta, narratore, saggista, critico d’arte e fondatore di riviste prestigiose come “Il Policordo”, “Poetica” e “Polimnia”. Intensa la sua attività critica sulle maggiori riviste italiane tra cui “Nuova Antologia”, “Il Veltro”, “Il Belli”, “Idea”, “Poiesis”, “Fermenti”, “Poesia”.

Come poeta, fu segnalato, agli esordi, da Aldo Palazzeschi che ha firmato la prefazione al suo primo volume, e da Leonardo Sciascia che con Dario Bellezza ritiene Maffìa “uno dei più felici poeti dell’Italia moderna”. Il Presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, nel 2004 lo ha insignito di Medaglia d’Oro per i suoi meriti culturali, insieme a Uto Ughi.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-03-2010 alle 17:57 sul giornale del 08 marzo 2010 - 1103 letture

In questo articolo si parla di attualità, banca popolare di ancona