La Jesina calcio coinvolta nel progetto per educare i giovani attraverso lo sport

calcio 08/03/2010 - Jesina Calcio, Banca Marche, le scuole di Jesi: tre soggetti coinvolti in un progetto finalizzato all\'educazione dei giovani attraverso lo sport.

Lo scorso venerdì 5 marzo è stata presentata alla stampa locale la seconda edizione di \"Insieme per crescere -- la Jesina Calcio nelle scuole\", iniziativa mirata a diffondere i valori positivi dello sport tra gli alunni delle scuole elementari e medie. Quest\'anno il progetto, ma sarebbe meglio chiamarlo percorso, assume un prestigio e un\'importanza ancora maggiori, grazie alla partnership di Banca Marche, da sempre vicina alla principale squadra di calcio di Jesi e oggi più che mai sensibile alla promozione dello sport tra i giovani. Lo spiega il segretario generale di Banca Marche Stefano Gottin: \"Sappiamo che il calcio oggi non gode di buona reputazione, perciò ci interessa seguire e sostenere la sua parte migliore, cioè i giovani. Anche in un momento in cui la Banca deve razionalizzare i propri interventi, non manchiamo di sostenere la cultura e lo sport giovanile. Ecco perché abbiamo voluto fortemente portare avanti questo progetto con la Jesina Calcio e speriamo che i ragazzi che parteciperanno alle iniziative in programma possano divertirsi e contribuire in qualche modo a dare finalmente un\'immagine diversa del calcio\".



\"Insieme per Crescere\" è un punto d\'incontro tra gli alunni e i giocatori, i tecnici e i dirigenti della Jesina Calcio, per parlare dei veri valori che stanno dietro al calcio giocato. Lo ha spiegato il responsabile della Comunicazione Michele Mancini, vera anima di questa iniziativa: \"Troppo spesso il calcio è un cattivo maestro. L\'intento della società leoncella è proprio quello di far crescere il calcio a Jesi, in campo e fuori. Da qui l\'idea di incontrare gli alunni delle scuole. Lo scorso anno l\'iniziativa è andata molto bene, quest\'anno, grazie a Banca Marche, il progetto sarà arricchito anche da un\'iniziativa didattica che darà modo ai ragazzi di parlare in prima persona degli aspetti più veri e positivi dello sport». Gli alunni saranno chiamati ad esprimere, attraverso scritti o elaborati grafici, il loro pensiero sui temi del fair play e della lealtà sportiva. I lavori più interessanti saranno premiati con gadget Jesina Calcio e Banca Marche.



Gli elaborati più meritevoli saranno anche pubblicati sul periodico \"11 Leoni\" ed esposti allo stadio Carotti durante le partite della Jesina. Un vero e proprio concorso, quindi, che vedrà coinvolti all\'incirca 400 ragazzi e che di sicuro non mancherà di mettere in luce contenuti interessanti. L\'auspicio è quello di ripetere il successo della scorsa edizione di \"Insieme per crescere\", che ha riscosso la piena soddisfazione di alunni, docenti e genitori. In quella circostanza, tra l\'altro, una delle scuole partecipanti scrisse e compose un inno musicale della Jesina Calcio. L\'idea, molto apprezzata dalla società, ha permesso la realizzazione, dopo qualche opportuna modifica e un nuovo passaggio in sala di registrazione, di un nuovo inno che sta per essere presentato al pubblico. La conferenza stampa nella sede di Banca Marche è stata anche l\'occasione per parlare del ruolo dello sport nelle scuole. In questo senso, si spiega la presenza di Gianni Bambozzi, governatore del Panathlon per le regioni Marche ed Emilia Romagna: \"Il progetto Insieme Per Crescere -ha detto Bambozzi- è estremamente attinente alla nostra Mission. Nella dichiarazione di Gand per l\'etica dello sport giovanile che noi promuoviamo c\'è l\'impegno per tutte le agenzie educative, tra cui le scuole, le società sportive e anche gli sponsor, ad inculcare i veri valori dello sport: lealtà, educazione e divertimento. Grazie allo sport -ha aggiunto Bambozzi- forse nasceranno bravi atleti, ma sicuramente cresceranno cittadini migliori\". Lo sport come veicolo di educazione, un concetto ribadito anche dal Presidente della Jesina Calcio Marco Polita: \"Abbiamo investito molte risorse per costruire un settore giovanile che oggi conta circa 350 iscritti, che si pone come punto di aggregazione e socializzazione per i giovani e che, molto importante, offre lavoro a diverse persone. Il nostro obiettivo è quello di valorizzare i talenti calcistici del territorio, ma la crescita del calciatore passa attraverso l\'educazione del ragazzo, per questo motivo è fondamentale la collaborazione tra sport e scuola\".



L\'iniziativa della Jesina Calcio ha raccolto l\'adesione convinta da parte delle scuole cittadine. \"Lo sport serve a coltivare il talento --ha detto Mirella Mazzarini, dirigente dell\'Istituto comprensivo Lorenzo Lotto- ma soprattutto a far crescere come persone. A noi interessa che la scuola sia viva e ben vengano iniziative come queste, che divertono, ma che hanno come obiettivo finale quello di educare\". \"Abbiamo accettato volentieri di aderire al progetto -ha aggiunto Rosa Ragni, dirigente dell\'Istituto San Francesco- perché è un arricchimento di ciò in cui la scuola è già impegnata\". Hanno preso parte alla conferenza in Banca Marche anche il professor Campagna dell\'Istituto Leopardi e la dottoressa Bacci della Federico II.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-03-2010 alle 16:46 sul giornale del 09 marzo 2010 - 1037 letture

In questo articolo si parla di attualità, sport, giovani, calcio, jesina calcio





logoEV