Bilancio attività Polizia locale: aumentano le pattuglie esterne

Giancarlo Carbini 2' di lettura 09/03/2010 - Ben 710 pattuglie esterne, cioè 89 in più rispetto all’anno precedente, 64 pattuglie notturne, oltre 2.200 veicoli controllati e 1.370 sanzioni al codice della strada accertate, per un importo di circa 121 mila euro, in calo di 3 mila euro rispetto al 2008.

Salgono invece gli incidenti rilevati, da 62 a 71, mentre per quanto riguarda gli aspetti amministrativi balzano da 28 a 66 le violazioni ai regolamenti comunali accertate. Sono solo alcuni dei numeri dell’attività della Polizia locale dell’Unione dei comuni della Media Vallesina relativa al 2009. Quello che fa capo al comando dei vigili urbani di Moie è uno, anzi il principale, degli ambiti di intervento dell’Unione, che gestisce servizi che vanno dalla Cultura alla Protezione civile, ma comprendono anche l’Università degli adulti, le colonie marine, il trasporto sociale. Servizi gestiti in maniera consorziata dalle sette amministrazioni di Maiolati Spontini, Castelplanio, Castelbellino, Montecarotto, Monte Roberto, San Paolo di Jesi e Poggio San Marcello, e che hanno fatto conoscere e apprezzare, in questi anni, il nuovo ente nel territorio. Assessore delegato alla Polizia locale, dell’ente presieduto da Demetrio Papadopoulos, è Giancarlo Carbini, sindaco di Maiolati Spontini.



Sottolinea le tante incombenze che gravano sulla Polizia locale, dal servizio stradale alla polizia urbana, rurale, amministrativa, fino alle notifiche. Impegni che “non sempre consentono agli agenti di essere presenti sul territorio come i cittadini vorrebbero”. Questo anche perché l’organico è incompleto e le ultime leggi Finanziarie hanno impedito nuove assunzioni. “L’impegno è comunque quello di arrivare all’estate, periodo in cui si concentrano il maggior numero di servizi e soprattutto di pattugliamento notturno – spiega Carbini - con un organico adeguato di agenti. Il corpo di Polizia locale è formato in parte da personale assunto a tempo determinato, che più volte è ruotato comportando, nonostante l’impegno e la buona volontà di tutto il personale, una situazione di minore efficienza per la necessità di formare i nuovi agenti e di far acquisire loro l’indispensabile livello di conoscenza del territorio.



Purtroppo le leggi Finanziarie hanno posto un pesante vincolo che impedisce le assunzioni a enti nel cui bilancio la spesa per il personale supera il 51 per cento di quella corrente totale. E se questo può essere giusto per un Comune nel suo complesso non lo è assolutamente per l’Unione dei Comuni, che gestisce solo alcuni servizi associati, principale dei quali è proprio la Polizia locale, dove è naturale superare quel limite proprio perché, per sua natura, il maggior costo è costituito dal personale”. Ma intanto a breve ci sarà un’assunzione a tempo indeterminato. All’inizio di quest’anno è andato in pensione un agente. Ora i suo posto sarà ricoperto con un pubblico concorso per il quale l’Unione sta predisponendo il relativo bando.


da Unione dei Comuni della Media Vallesina




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-03-2010 alle 18:41 sul giornale del 10 marzo 2010 - 996 letture

In questo articolo si parla di attualità, Vallesina, Comuni, unione dei comuni della media vallesina, giancarlo carbini, polizia locale