Fossombrone: lega da record

luca paolini 1' di lettura 29/03/2010 - La soddisfazione degli esponenti della Lega Nord è palpabile: il 6,30% delle preferenze raggiunte nell’ambito regionale lo promuovono quarto partito delle Marche, secondo indiscusso nella coalizione di centro destra. “Con delle punte d’eccellenza inaspettate” dichiara Paolini riferendosi al dato record di Fossombrone (PU) dove il partito del carroccio ha sfiorato il 19% delle preferenze.

0,9% è il risultato che ottenne la Lega Nord alle elezioni regionali del 2005, una crescita costante ha portato negli anni il partito ad affermarsi fino al 5,5% raggiunto alle elezioni europee de 2009. “Il 6,30% è un risultato eccezionale” commenta l’Onorevole della Lega Luca Rodolfo Paolini ricordando come, nonostante la sconfitta di Marinelli, per la prima volta la Regione Marche avrà tra i suoi consiglieri due esponenti del partito: Roberto Zaffini che ha ottenuto nella provincia di Pesaro e Urbino 1.662 preferenze ed Enzo Marangoni, già consigliere provinciale, che a Macerata ha raccolto 1.281 voti.


Una vallata che si sta aprendo al nostro modo di fare politica” continua Paolini riferendosi al 9,05% raccolto nella provincia di Pesaro Urbino. Ma anche gli altri risultati parlano di una crescita evidente: Macerata - 6,96%, Ascoli Piceno - 4,36%, Fermo - 5,41%, e Ancona - 4,89%. Proprio riguardo i dati di quest’ultima provincia Paolini ha commentato gli exitpoll di viveresenigallia.it che vede la Lega raggiungere quota 5% nel comune senigalliese, “aspettiamo dati sicuri, certo si tratterebbe di un grande risultato per un partito nato in città appena pochi mesi fa”.








Questo è un articolo pubblicato il 29-03-2010 alle 22:00 sul giornale del 30 marzo 2010 - 972 letture

In questo articolo si parla di politica, Elena Serrano, luca rodolfo paolini, Luca Paolini, lega nord, elezioni regionali 2010


Con le chiacchere e l'omissione delle notizie di fanno i risultati.<br />
<br />
La Lega sono 20 anni che dice meno immigrati. E' stata al governo nel 94, poi nel 96 con il CSX, poi di nuovo nel 2001 con Berlusconi e di ancora nel 2008.<br />
<br />
TOTALE: 2 + 5 + 5 + 3 = 15 anni di GOVERNO<br />
<br />
Nei quali ha fatto 1 legge, LA BOSSI / FINI, che non ha assolutamente risolto il problema di immigrazione.<br />
<br />
La Lega una cosa la sa, ma è attenta a rilevarla:<br />
se risolvesse veramente il problema immigrazione e federalismo non avrebbe più nessun programma elettorale. In 15 annni non lo ha fatto nonostante è stata sempre al governo, ma intanto ha ingrassato a Roma Ladrona i proprio parlamentari.<br />
Ha sfruttato il reNano per avere maggior visibilità e sta rendendo il paese sempre più rozzo e incivile.<br />
<br />
Certo, ha anche governato bene nei suoi comuni, ma a quale prezzo?<br />
<br />
E' come dire che Mussolini era efficiente e questo basta per un giudizio politico sul Fascismo.<br />
<br />
Comunque, complimenti alla Lega per lo splendido risultato.<br />
<br />
Certo, essere votati da un elettorato mediamente semi-analfabeta non è una gran vittoria morale. <br />
Altrimenti come vedere l'elezione del figlio di Bossi, pluriRimandato all'esame di maturità?<br />
<br />
MERITOCRAZIA?<br />
<br />
NO, analfabetismo imperante.<br />

Qualcuno è in grado di dare patenti di chiccheria?<br />
E chi sei tu per dare dei rozzi e analfabeti alle persone che liberamente hanno scelto di votare Lega?<br />
<br />
Sarei curioso anche di sapere qual è il prezzo di cui parli....<br />
Forse la lega ha iniziato qualche guerra?<br />
Ha invaso qualche paese?<br />
Ha dato olio di ricino a qualcuno?<br />
Ha spaccato qualche vetrina a genova nel 2001?<br />
Ha occupato illegalmente qualche fabbricato?<br />

Se pensi che chi vota Lega Nord sia un analfabeta fai lo stesso sbaglio che facevano al nord qualche anno fa, guarda com'è andata a finire. Quelli che tiravano i gavettoni in Piazza del Duomo urlavano a quelli della Lega Nord che qui a Senigallia non ce li voleva nessuno, lo stesso pensavano gli squadristi del Mezzza Canaja quando li hanno riempiti di insultii e li hanno costretti fisicamente ad allontanarsi dal Corso con il loro banchetto e le loro bandiere. Oggi la Lega Nord ha preso democraticamente il 5-6%, se per te questo è un rospo da ingoiare per altri è il frutto di un onesto lavoro.

Si, lo penso e lo confermo. Non tutto il suo elettorato, ma gran parte.<br />
<br />
Ancora niente di quel che dici se non qualche RAID RAZZISTA da parte di qualche ESPONENTE DI PRIMO PIANO come il SIG. BORGHEZIO, dedito a dare fuoco agli immigrati che dormono sotto i ponti oltre che a dare consigli alle forze di estrema destra xenofobe francesi.<br />
<br />
Non parliamo poi della violenza verbale di alcuni esponenti, come Gentili, al quale è stato proibito di fare comizi per i prossimi 2 anni a causa delle sue parole poco democratiche e civili.<br />
<br />
Oppure Savini, quello che vorrebbe la metro per i Milanesi e per gli Extracomunitari.<br />
<br />
Comunque confermo tutto il mio libero pensiero, come voi potete continuare nella vostra politica.<br />
<br />
Il voto non è l'unico metro per misurare la "bontà" di un partito. Il nazismo è andato su con i voti della gente, le porcherie sono arrivate dopo. <br />
<br />
Non pensate che se uno a i voti può fare quel che vuole in nome di quei voti. Se pensate questo non avete capito niente della DEMOCRAZIA e pertanto rischiate anche voi di essere degli ANALFABETI della DEMOCRAZIA.<br />
<br />
PS.<br />
secondo me l'intolleranza del CSA, del quale condivido sicuramente nel merito le loro proteste, ma non nei modi, è del tutto simile all'intolleranza che la Lega ha nei confronti degli extracomunitari. La Lega li lascia affogare in mare, lontano da telecamere ed occhi indiscreti, il CSA affoga di merda la LEGA in p.zza. <br />

sul problema ANALFABETISMO, vi porgo, in riflessione, tale articolo di Giovanni Sartori.<br />
Sicuramente, molti di voi che analfabeti non sono, lo hanno già letto. Per tutti gli altri una buona occasione culturale:<br />
<br />
Sconnessi e somari<br />
<br />
HOMO VIDENS E HOMO ZAPPIENS<br />
<br />
Sconnessi e somari<br />
<br />
Analfabeta è chi non sa l’alfabeto, e che perciò non sa leggere né scrivere. Beninteso, anche l’analfabeta parla e capisce frasi elementari. Per esempio capisce la frase «il gatto miagola», ma è già in difficoltà se la frase diventa «il gatto miagola perché vorrebbe bere il latte». L’esempio è di Tullio De Mauro, principe dei nostri linguisti, che torna alla carica con una nuova edizione del suo libro La cultura degli italiani. Cultura o incultura?<br />
<br />
I suoi dati dicono che il 70% degli italiani è pressoché analfabeta o analfabeta di ritorno: fatica a comprendere testi, non legge niente, nemmeno i giornali. Per il sapere un 70% di somari è una maggioranza deprimente; e per la politica costituisce un’asinocrazia travolgente e facile da travolgere. Perché siamo arrivati, o scesi, a tanto? Quasi tutti puntano il dito sullo sfascio della scuola, a tutti i livelli. Perché è la scuola che dovrebbe «alfabetizzare ». Sì, ma chi ha sfasciato la scuola? Alla fonte, e più di ogni altro, sono stati i pedagogisti, il «novitismo pedagogico», i diseducatori degli educatori. E poi, s’intende, tanti altri: il sessantottismo demagogico dei politici, e anche la marea dilagante delle famiglie Spockiane (illuminate dal permissivismo a gogo del celebre dottore Benjamin Spock).<br />
<br />
Ma quando si discute di trasformazioni della natura umana (io nel 1997 nel libro Homo Videns e di recente altri con la formula dell’Homo Zappiens) allora il fattore decisivo è la tecnologia. Così alla fine del 1400 nasce l’uomo di Gutenberg con l’invenzione della riproduzione a stampa della preesistente scrittura a mano; così, sostengo, l’invenzione della televisione crea un uomo forgiato dal «vedere» il cui sapere e capire si riduce all’ambito delle cose visibili a danno delle idee, delle immagini mentali create dal pensiero. Al limite, l’homo videns sa soltanto se vede e soltanto di quel che vede. Il che equivale a una perdita colossale delle nostre capacità mentali. Invece la teoria dell’homo zappiens trasforma questa perdita in una glorificazione, in un annunzio di nuovi e gloriosi destini.<br />
<br />
La dizione è ricavata dal telecomando che consente e produce il cambiamento incessante dei canali televisivi; il che abituerebbe il nostro cervello al cosiddetto multitasking, al saper fare molte cose contemporaneamente. Davvero? Io direi, invece, che così veniamo abituati alla «sconnessione », a un saltare di palo in frasca che equivale alla distruzione della logica, della capacità logica di pensare una cosa alla volta, di mettere questa scomposizione analitica in sequenza, e nell’accertare se un rapporto prima-dopo sia anche un rapporto causa- effetto. Il progresso della tecnica è inevitabile.Ma deve essere contrastato quando produce l’homo stupidus stupidus. Sempre più i ragazzi di oggi vivono per 12 ore al giorno in «iperconnessione » e così, anche, in «sconnessione». Sono giustamente disgustati dalla politica. Ma dovrebbero anche essere disgustati di se stessi. Cosa sapranno combinare da grandi?<br />
<br />
Giovanni Sartori

Thomas Olivieri

E' nautrale che il voto alla Lega è un voto dell'ignoranza. Scopriamo l'acqua calda. Il messaggio che il buon padre Berlusconi è sempre quello: immigrati = delinquenti. Però poi gli stessi imprenditori che votano PDL e LEGA li fanno lavorare in nero nelle loro aziende. Questo permette poi a questi imprenditori di dichiarare 15.000 euro all'anno.<br />
<br />
Gli italiani sono veramente un popolo miserabile, incline al ladrocinio, con una propensione innata ad aggirare sempre e comunque le regole.<br />
<br />
Ora che c'è un Presidente del Consiglio che dice loro chiaramente rubate, falsificate i bilanci, tanto i ho già depenalizzato il reato, vi ho fatto una legge ad hoc per sciacquare i vostri soldi sporchi con lo scudo fiscale, volete che non lo votino e con lui i fedeli alleati della Lega?<br />
<br />
Quanto ai problemi dei lavoratori, visto che qualcuno dice che la Lega si occupa dei lavoratori:<br />
Qualcono a spiegato loro che le politiche liberiste avallate dalla Lega gli hanno resi disoccupati. La risposta è no perché in televisione Berlusconi e la sua cricca si son guardati bene dal parlare della crisi e delle soluzioni.<br />
<br />
Ma di cosa esultate voi padani della Lega. Quando questo Stato andrà in bancarotta ed è una questione di 12-18 mesi, quelli che vi avranno votato vi vorranno bene come oggi. Io mi preparerei un discorsetto per l'occasione.




logoEV