Paradisi: 'Ciccioli deve pensare alla sconfitta regionale del Pdl'

roberto paradisi 2' di lettura 01/04/2010 - 'L'onorevole Carlo Ciccioli farebbe meglio a pensare alla sconfitta regionale del Pdl e non a quella locale”. Non ha peli sulla lingua Roberto Paradisi nel replicare alle critiche avanzate dal vice coordinatore regionale del Pdl. Ciccioli aveva commentato aspramente la sconfitta della coalizione di centro destra e del Coordinamento Civico guidata da Fabrizio Marcantoni, ribadendo che la sconfitta elettorale è frutta della mancanza di novità nella candidatura dello stesso Marcantoni.

“Non mi sembra che Ciccioli sia la persona più indicata ad erigersi a paladino della novità -commenta l'esponente del Coordinamento Civico- Con Marcantoni, che ringraziamo pubblicamente, abbiamo fatto una battaglia coraggiosa e coerente insieme al Coordinamento Civico e alla Lega Nord. Il Pdl di Ciccioli piuttosto dovrebbe spiegarci come mai non ha fatto campagna elettorale”.


Il verdetto delle urne in effetti ha evidenziato una “debacle” per il Pdl. Se la coalizione di Marcantoni, composta da Coordinamento Civico, Pdl, Lega Nord e La Destra, ha ottenuto il 28,14% dei voti, il Pdl ha raggiunto solo il 18,11% quando alle regionali invece aveva totalizzato ben il 25,93%. Per Ciccioli questo risultato deve essere letto con la scelta di una candidatura “non nuova” rispetto alla quale il dirigente del Pdl avrebbe preferito una figura in grado di catalizzare una coalizione più ampia possibile.


“Nonostante quello che è successo noi andiamo avanti con più determinazione di prima perchè vincere con il 50,7% non significa avere poi il consenso della città -aggiunge Paradisi- Continueremo nelle nostre battaglie civili, con rigore e fermezza promettendo un'opposizione intransigente e puntuale. Non abbandoneremo la lotta per fare chiarezza sulla ex Gil, sull'antenna delle Saline e anche sul parco. Quelli di Mangialardi è il governo che ha voluto solo una parte della città e noi non rinunceremo alle nostre battaglie. Saremo ancora più determinati di prima perchè evidentemente le nostre verità non sono arrivate a tutti i cittadini”.






Questo è un articolo pubblicato il 01-04-2010 alle 23:43 sul giornale del 02 aprile 2010 - 3795 letture

In questo articolo si parla di roberto paradisi, giulia mancinelli, carlo ciccioli, politica, coordinamento civico


Non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire e <br />
fra Paradisi e Ciccioli non si sà chi non lo voglia di più.<br />
Il PdL senigalliese si spera possa essere finalmente messo in piedi sul serio e non rimanere l'attuale gruppetto miope ed autoreferenziale.<br />
Servono una larga base e dirigenti seri, competenti e disinteressati alle sorti elettorali personali.<br />
E Paradisi (ed anche Marcantoni) non hanno voce in capitolo in un partito cui non appartengono.<br />
Meditino piuttosto sulla clamorosa sconfitta delle liste civiche da loro rappresentate, passate da 6 consiglieri col 18% dei voti nel 2005 a 2 consiglieri con meno del 6% oggi.<br />
Dov'è finito quel 12% in meno ?

La verità è che Ciccioli ha perfettamente ragione, solo che la destra senigalliese non vuole fare un po' di autocritica neanche quando consegue dei risultati ridicoli.<br />
<br />
Con un candidato diverso dall'ormai veterano Marcantoni ed in un contesto nazionale che vede la destra avanzare quasi ovunque, potevate e dovevate arrivare almeno al ballottaggio!

leggendo i comunicati stampa, i battibecchi in campagna elettorale del PDL dicevamo in parecchi, se questa è l'alternativa per Senigallia Mangialardi farà il sindaco a vita !! sbagliato poco.

"Ogni uomo dovrebbe conoscere i suoi limiti" avv. Paradisi (ispett. Callaghan)

Mi risulta che la destra non avanzi nemmeno in Regione. Il PD arretra (e non potrebbe essere diversamente), ma il PDL arranca...

<b>Quando esce il prossimo numero di Logos? :-) chissà di cosa parlerà? I can't wait to see it!</b>

2 cose ...<br />
Paradisi tanto preciso nei suoi interventi, si innervosiscese se si parla male del PDL ... ma lui stesso ha preferito far parte di una lista civica, forse nemmeno lui ci credeva ...<br />
Poi si domanda perchè il PDL regionale non ha fatto campagna con loro ... semplicemente perchè non volevano un perdente come Marcantoni e in più gli avevano anche detto chi avrebbero preferito ...<br />
Ma Paradisi non ci ha sentito ed è finito travolto ... ora fare opposizione insieme ai comunisti la vedo molto dura per lui ...

Una volta Marcantoni vinse.<br />
<br />
Ciccioli mai.

Il 12% in meno è soprattutto riferito al fatto che Marcantoni si presentç con una lista trasversale,nel 2005,ma che guardava a sinistra,dichiarazioni di Marcantoni stesso al tempo e che aveva al suo interno fuoriusciti dalla sinistra.il Coordinamento Civico non è stato altro che la riproposizione di Liberi per Senigallia,che era una lista apertamente di centro destra e che ottenne il 6,7% delle preferenze o giù di lì.alcuni elettori di Liberi per Senigallia non si sono sentiti rappresentati da Marcantoni,insomma c'è stata una fuoriuscita di voti di sinistra,ma anche di destra,iun poarte.

Marcantoni vinse al ballottaggio con duemila voti in più ,ripsetto al primo turno,molti dei quali pilotati dalla maggioranza dei Ds che non voleva Chiappa sindaco.Riorganizzzatisi i Ds,dopo nove mesi arrivò la mozione di sfiducia verso Marcantoni,votata anche dai due consiglieri eletti di Senigallia rinascita.Marcantoni passò,ora sono numeri apprrossimati ,ma di poco,dalle 7700 preferenze del primo turno alle 9900 del secondo.Vi ricordate della lista Sinistra Democratica alle sucessive elezioni del 2000 con Chiappa candidato sindaco?Perché non viene qua a esprimersi Chiappa e conferma tutto quello che disse con le sue parole?Comunque,fra Mancini,Mangialardi,e anche Marcellini,l'area di centro sinistra a Senigallia ha ottenuto quasi il 70% dei consensi a queste elezioni.è un rapporto di sette a tre.Di questo nessuno parla,o per lo meno io non ho letto.Personalmente sono estremamente contento di questo.I problemi rimangono.La stessa gestione partitocratica che c'è qua è presente anche in Emilia con gli stessi metodi,quelli dell'ostracismo verso chi la pensa diversamente,leggevo oggi un articolo del Corriere in cui si parlava di questo.Comunque la qualità amministrativa emiliana è indubbiamente superiore.Questione antropologia ,cma pure a Reggio emilia si continua a costruire,altri 15mila alloggi per la precisione nonostante dodicimila già presenti siano ancora invenduti e ciò,nelle stesse proporzioni percentuali,sta succedendo a Senigallia.I costruttori pure sono in crisi perché non vendono.Industrie importanti del comprensorio stanno per chiudere.Qualcosa non va e i primi arimetterci sono le clasi sociali deboli.

Molti voti della lista Marcantoni saranno confluiti verso le due nuove liste civiche presenti e poi c'è da considerare pure l'astensionismo.Io espressi il mio voto di Lista per la lista Marcantoni,per il sindaco votai altro.Stessa cosa è successa quest'anno col coordinamento civico,ma per motivi diversi,personali,che non riguardavano il Coordinamento Civico.

Marcantoni vinse quella volta che Paradisi non era d'accordo, e nemmeno Ciccioli.<br />
Tipi votati alla minoranza.

Paradisi entrò in politica un anno dopo la vittoria di Marcantoni.Bucaniere,vedo comunque che distingui sempre per essere mol,to ciecamente di fazione.te lo dice un'integralista contro chi appartiene ciecamente a fazioni e purtroppo voi che scrivete qua e anche i politici rappresentate questa pochezza umana che non ha bandiera.Le distinzioni le ho già fatte io,le distinzioni da questo.Chi è diverso purtroppo non viene premiato. Comunque...si va sempre avanti.Barack Obama mi sembra una persona che crede nelle sue idee,non in quello che vuole fare pensare.Cito il mio pèiù grande esempio umano e politico,cito una persona che riscuote una persona trasversale,cito il capo del mondo,che comunque si è fatto strada anche in modo macchiavellico parlando di Dio patria sanità a pagamento alle primarie democratiche,tutti slogan populistici,per poi cambiare rotta una volta eletto presidxente per entrare nel realismo umano,lavorando veramente per la gente.Voi siete tuttyi lontani gtalassie da questi esempi di umanità,ma proprio andate nel verso opposto.Voi tutti qua dentro,siete proprio pochini,voi quasi tutti,dico quale è la tendenza generale,poi sono cose che si sanno in giro,si dicono,è risa<puto,è la favola del re nudo,c he normalmente la cifra dei dibattiti su questo server è penosa perché tanto qua c'è lo specchio di quella che è l'umanità senigalliese,chiusa,gretta,sottocolta.Parlo di tendenza,non mi riferisco a tutti.Comunque leggo un sacco di boiate,dette da pèolitici e da non politici.Panzanate da vergognarsi.Sul web del Corriere della Sera leggo comenti veri.Quando si scrive tanto per scrivere.Si mandano comunicati politici tanto per mandarli.è penoso questo.

Altri tipi si fanno eleggere in minoranza e lavorarano per la maggioranza

Sì Melgaco,non so se alludi solo a Monachesi che è passato dall'opposizione alla giunta comunale,oppure alludi pure ad altro.

Poi magari ci poteva stare che Monachesi non acccettasse che Paradisi di venisse il capo di tutte le opposizioni apartitiche,ma fra queswto e diventare consigliere e poi assessore di maggioranza,ce ne corre,è un attimo incoerente,puzza di qualcosa,anche se io della coerenza me ne sbatto,l'importante è essere coerenti con la propria coscienza e pochi perseguono questo scopo,pochissimi.




logoEV