Villa Serena: nessun taglio all'occupazione

villa serena jesi 17/06/2010 -

In merito al comunicato stampa di Cgil, Cisl e Uil, del 15/06/2010, la Casa di Cura Villa Serena di Jesi tiene a precisare quanto segue.



1.Nonostante la particolare congiuntura, caratterizzata da una grave crisi che ha indotto molte realtà produttive a scelte amare e difficili, la Casa di Cura non ha effettuato alcun licenziamento, né è ricorsa alla cassa integrazione, limitandosi solamente alla razionalizzazione di alcuni servizi. Ad oggi, il piano industriale non prevede infatti alcun taglio all’occupazione, fatto salvo quanto statuito negli incontri con le istituzioni regionali e le organizzazioni sindacali nell’ultimo periodo. Gli stipendi sono stati sempre pagati regolarmente e se qualche difficoltà si è registrata e si registra nel carico di lavoro, si sta cercando di provvedervi, ben consapevoli però che certe criticità sono comuni anche ad altre realtà del servizio pubblico, dotate di mezzi e risorse ben diversi da quelli in possesso a Villa Serena.

2.La riduzione delle liste d’attesa è confermata dagli indici di performance, i quali dimostrano oggettivamente come si siano conseguiti gli obiettivi prefissati senza gravare ulteriormente sulla collettività, avendo il Servizio Sanitario pubblico solo spostato una quota del budget destinato all’attività di ricovero, in favore di quello destinato all’attività specialistica ambulatoriale, per le prestazioni che registrano le maggiori criticità. Le prenotazioni in questione, inoltre, sono gestite dal Cup dell’azienda sanitaria jesina, non da Villa Serena. Se possono esservi stati dei disguidi, giova ricordare che ogni innovazione ed ogni progetto sono perfettibili e non perfetti.

3.L’Asur non ha che beneficiato della sinergia con Villa Serena e la mole di lavoro dell’attività svolta lo dimostra inequivocabilmente. La Casa di Cura Villa Serena, per mezzo della sua direzione, esprime il rammarico di vedersi attaccata in un momento in cui le polemiche e gli interessi di parte andrebbero evitati, senza peraltro rinunciare al confronto sulle sia pure legittime istanze dei lavoratori. In relazione alle quali si è sempre dimostrata grande attenzione e disponibilità al dialogo: gioverà infatti ricordare che Villa Serena è stata la prima realtà marchigiana a siglare un pre-accordo per il rinnovo del contratto collettivo nazionale del lavoro.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-06-2010 alle 15:41 sul giornale del 18 giugno 2010 - 1192 letture

In questo articolo si parla di Villa Serena di Jesi, villa serena jesi