Chiaravalle: manifattura tabacchi, occorre definire un quadro di certezze per i lavoratori

maurizio quercetti 22/06/2010 -

Si è svolta martedì la prima riunione del tavolo convocato dal Comune di Chiaravalle per affrontare, insieme alle altre istituzioni del territorio, la complessa vertenza della Manifattura Tabacchi ora MIT.



Oltre al Sindaco, altri amministratori chiaravallesi, il rappresentante della Regione e il sottoscritto - riferisce l’Assessore al Lavoro della Provincia di Ancona Maurizio Quercetti - erano presenti le Organizzazioni Sindacali di Categoria e la RSU aziendale. Purtroppo abbiamo tutti dovuto constatare l’assenza della Direzione Aziendale che, senza adeguate motivazioni, ha disertato l’incontro. Valuto tale comportamento, anche in prospettiva della riunione fissata in Regione per il prossimo 24 giugno, particolarmente grave.

L’ipotesi di accordo per la salvaguardia dei livelli occupazionali passa infatti, anche per esplicita richiesta dell’azienda, attraverso ipotesi di riconversione e riuso di parti importanti dello stabilimento che vanno necessariamente costruite in sinergia con il territorio e le sue istituzioni. Da parte nostra ribadiamo l’obiettivo di definire percorsi condivisi che portino al rilancio dell’attività produttiva e alla salvaguardia dei posti di lavoro. Ma l’azienda deve dare dimostrazione concreta di perseguire anch’essa questa volontà, prima di tutto accettando il dialogo e il confronto a tutto campo con il sindacato e le istituzioni locali.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-06-2010 alle 16:28 sul giornale del 23 giugno 2010 - 1309 letture

In questo articolo si parla di attualità, provincia di ancona, chiaravalle, maurizio quercetti, ancona, Manifattura Tabacchi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/rc