Paradisi: lezione in consiglio di politica clientelare

11/07/2010 -

"Come fare scuola di gestione clientelare della cosa pubblica in un consiglio comunale. Era questo il tema della lezione che si era evidentemente preparato il sindaco Mangialardi il quale, facendo approvare due pratiche blindate, ha dimostrato di conoscere molto bene le vecchie logiche del favoritismo e dell’acquisizione professionale del consenso".



Prima pratica: approvazione della convenzione per la gestione del centro civico del Cesano. Regia di Lorenzo Magi Galluzzi. Il centro civico è sparito e si è trasformato in un’attività economica privata per un’associazione amica della maggioranza (all’interno della quale troneggia il circolo Arci di area Pd). La quale aprirà un bar (e forse un ristorante) e somministrerà, facendo concorrenza sleale agli esercenti veri del Cesano, cibi e bevande saltando a piè pari ogni ostacolo che solitamente si affronta nel libero mercato. D’altronde parliamo del bacino elettorale del capogruppo del Pd Magi Galluzzi, mica si poteva andare per il sottile! Questi i termini della convenzione: l’associazione “La Marina pro-cesano” (denominata “associazione sportiva dilettantistica”) farà finta di contribuire con 100 mila euro al completamento dei lavori della struttura. E farà anche finta di pagare un canone annuo di 1.000 euro per 15 anni di convenzione. Intendiamoci: questi soldi verranno versati nelle casse comunali.

Peccato però che il Comune si è impegnato, a sua volta, a riversare all’associazione sportiva (che aprirà “sportivamente” bar e ristorante e farà cassa) un contributo “per la gestione” di 15 mila euro annui. Vale a dire 150 mila euro. Conguaglio finale: l’associazione amica di Magi Galuzzi (che in consiglio comunale, guarda caso, ha difeso a spada tratta l’operazione) guadagna: 35 mila euro in contanti, la gestione di una struttura nuova senza passare per un bando di gara, l’uso di locali che potrà a sua volta affittare per varie attività, la somministrazione di alimenti e bevande drogando il libero mercato nella frazione Cesano. Anche perché i lavori straordinari li eseguirà a proprie spese l’Amministrazione comunale la quale si è anche riservata di fare avere qualche altro soldino all’associazione. Chissà non dovessero bastare … . La seconda “perla” in termini di sfacciato favoritismo è regia del solo sindaco il quale ha “drogato” il mercato balneare prevedendo una “leggina” ad personam per i gestori degli stabilimenti balneari a fianco della Rotonda. Per loro, il rigidissimo piano degli arenili è carta straccia.

I gestori di quei bagni potranno infatti progettare liberamente i propri spazi (tutti gli altri bagnini hanno vincoli e lacci inaccettabili). In poche parole: sono svincolati dalle regole. Bagnini di serie “A”. Solo la serietà morale del consigliere del Pd Donatiello (che ha aperto una crepa in maggioranza e ha messo in minoranza il sindaco), insieme alle opposizioni, ha evitato che si concedesse anche a quei bagnini la possibilità di somministrare alimenti e bevande. Niente bar balneare. Per il caffè e il digestivo Mangialardi farà una passeggiata fino al circolo del Cesano.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-07-2010 alle 16:04 sul giornale del 12 luglio 2010 - 3516 letture

In questo articolo si parla di roberto paradisi, politica, lorenzo magi galluzzi, cesano, coordinamente civico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/6b


...è pur vero che i bagnini di fianco alla Rotonda dovranno ridursi notevolmente i propri spazi, per lasciare la Rotonda "libera": un minimo di compensazione ci vuole.<br />
Tantopiù che, a sentire notizie degli ultimi giorni, finalmente si modificherà il piano degli arenili.<br />
Sull'argomento principale non entro, non ne so assolutamente niente: e come me immagino molta gente "normalmente non informata" della città.

Caro Paradisi, non ti stupire più di tanto. Quando non si raccolgono consensi perché, dal punto di vista politico, non si ha nulla di serio da proporre, si cerca di raccogliere voti (o di esprimere gratitudine per quelli già raccolti) coi soliti metodi di sempre. Tutto ciò affossa la sinistra, ma chissenefrega... Mica sono di sinistra, loro!<br />
<br />
P.S. Stamattina ho letto sul CorrAdr una allucinante intervista di Campanile che, appprofittando del nuovo piano degli arenili, vuole far costruire un'arena SULLA SPIAGGIA con tanto di tribuna. Solo una battutaccia, spero...

Compensazione? E perché, Daniele? Sono allibita! La spiaggia è demanio pubblico, non proprietà privata. Fare profitti sul suolo pubblico non è un diritto acquisito ma, appunto, una "concessione". <br />
<br />
Mi preoccuperei, semmai, di compensare adeguatamente e CIVILMENTE chi si vede offrire dalla società Autostrade 135mila euro per la sua casa. In quel caso sì che una compensazione sarebbe DOVEROSA! Ma pare che questa giunta mediocre pensi a ben altro. A massacrare la città!

P.P.S. In giunta operano due assessori in evidente conflitto di interessi. Ad Ancona, l'opposizione e l'IDV stanno facendo fuoco e fiamme? Voi, tutti zitti?

...non mi sembra che il bacino elettorale di Magi Galluzzi possa essere sia così influente... quanti voti preso? 150?<br />
Magari invece la questione è che c'è un quartiere che ha bisogno di maggiori servizi e di un centro di aggregazione giovanile come c'è a Marzocca...<br />
<br />
E benvengano leggine ad personam come quelle approvate per i bagni 51 e 52, perché con la zona Rotonda + bella ci guadagnamo tutti!<br />
Che poi tra l'altro il consigliere Paradisi non era neanche presente quando si compiva questo (a suo dire) scempio...<br />
Sicuramente aveva un buon motivo x non esserci ma bastava rivedersi il consiglio registrato x evitare di dire cose sbagliate: Donatiello è stato solo un portavoce! <br />
<br />
E comunque questa coppia Paradisi&Paradisi è fantastica!