Fermo: picchia e cerca di violentare una ragazza, denunciato un brasiliano

polizia 1' di lettura 27/07/2010 -

Conosce una ragazza in un locale e, dopo una serata di divertimento, la invita a casa sua, ma al rifiuto di lei scatta la violenza. L'aggressore, un giovane brasiliano residente a Porto San Giorgio, insegue la vittima e la picchia selvaggiamente, facendola finire al pronto soccorso.



La polizia di Fermo, allertata da alcuni passanti che hanno assistito alla scena, indaga sul fatto avvenuto domenica nei pressi del locale 'Le Gall' dove i due si sono conosciuti ed hanno consumato la colazione insieme.

La giovane vittima però, all'uscita, avrebbe negato al brasiliano l'opportunità di proseguire la conoscenza a casa di lui. Da qui la furia del ragazzo che, in evidente stato di ebbrezza alcolica, ha trascinato per i capelli la vittima costringendola a seguirlo.

Approfittando di una distrazione del giovane, la ragazza di Porto San Giorgio sarebbe quindi riuscita a fuggire in spiaggia ma la 'libertà' è durata poco. L'aggressore l'ha raggiunta e picchiata, poi, secondo i racconti della ragazza, l'uomo avrebbe anche tentato di abusare di lei.

Sull'episodio indaga ora la Polizia che, dopo aver ascoltato il racconto della vittima ed aver raccolto le testimonianze, ha individuato il giovane brasiliano. L'aggressore è stato pertanto denunciato alla Procura di Fermo.






Questo è un articolo pubblicato il 27-07-2010 alle 18:25 sul giornale del 28 luglio 2010 - 1053 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia, porto san giorgio, aggressione, Giada Centini, tentato stupro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aGc


Credo che sarebbe giusto, con l'inopinabile diffusione odierna della telefonia mobile, estendere il reato di "omissione di soccorso" a chi, pur assistendo alla consumazione pubblica di un episodio di violenza, non si facesse carico di avvisare tempestivamente via telefono cellulare le Forze dell'Ordine: ciò che raccapriccia di più, in questi casi, è proprio la solitudine della vittima di fronte alla pubblica e consapevole indifferenza.




logoEV