Basket: l'addio dell'ex azzurro Alberto 'Lupo' Rossini

alberto rossini 3' di lettura 05/08/2010 -

“La Notte del Lupo” calerà il 10 settembre alle 20:30 su Jesi. Quella sera, al palazzetto dello sport “Ezio Triccoli”, l’ex nazionale italiana Alberto Lupo Rossini, uno degli unici quattro giocatori del nostro basket insieme a Dan Gay, all’attuale presidente F.I.P. Dino Meneghin e ad Antonello Riva ad aver superato le ottocento presenze in campionati professionistici (per la precisione 825), appenderà definitivamente le scarpette al chiodo.



L’ultima partita ufficiale dell’atleta nativo di Treviglio (BG) che da dieci anni risiede nelle Marche risale al 2 maggio scorso: Fileni Bpa Jesi - Reyer Venezia ultima giornata di regular season del campionato nazionale di Legadue 2009/2010. Un’avventura iniziata “appena” 825 capitoli prima, il 4 ottobre 1987, in un derby a Varese del suo primo amore Pallacanestro Cantù, club con il quale ha militato 11 stagioni molte delle quali da capitano, raccogliendo il testimone dell’altro monumento del basket nazionale Pierluigi Marzorati.

Poi due stagioni con la maglia della Virtus Roma, altra grande del nostro basket, e l’arrivo in quella che ha rappresentato il secondo, ed ultimo, club al quale Rossini ha legato indissolubilmente il suo nome divenendone il simbolo: l’Aurora Basket Jesi. Saranno in moltissimi ad onorare il Lupo nella sua notte. Ex compagni ed ex avversari che con lui hanno condiviso le fatiche, le gioie e le delusioni in queste sue 23 stagioni da professionista sui parquet di mezzo mondo. E non solo italiani. La partita, come è logico, vedrà sfidarsi le rappresentative dei due grandi amori cestistici di Rossini: Pallacanestro Cantù – Fileni Bpa Jesi. Molti hanno già detto di si, altri sono in forse.

Tra coloro che ci saranno di sicuro nella squadra di Cantù: il suo “maestro” Pierluigi Marzorati, il “bomber” Nembo Kid Antonello Riva, l’attuale commentatore Sky Davide Pessina ed inoltre, Gianolla, Binotto, Zorzolo, Bosa, Foschini, Cessel, Di Giuliomaria, Gatti e Pampana. I coach saranno Fabrizio Frates e Silvio Devincenzi. La squadra in maglia Aurora Basket Jesi, targata Fileni Bpa, sarà composta da: l’amico in campo e nella vita Mason Rocca, l’attuale capitano della squadra (che ha rilevato il suo testimone) Michele Maggioli, l’opinionista Sky e grande realizzatore della nostra pallacanestro Mario Boni, l’altro “coccon” insieme a Rossini del campionato di due anni fa (ex compagno anche in nazionale)

Davide Cantarello e la guest-star della serata, direttamente dalla NBA, James Singleton (che con Rossini e Rocca ha portato l’Aurora in Lega A nel 2004), inoltre Marcos Casini e, dagli States, Ryan Hoover e Rodger Farrington. In più, a rimpinguare le fila jesine, Niccolai, Ambrassa Carioli e Mazzotti. I coach saranno Andrea Capobianco e Luca Ciaboco. L’happening “La notte del Lupo” si concluderà con la cerimonia ufficiale del ritiro della maglia numero 9 dell’Aurora Basket Jesi, con la quale Rossini ha giocato tutte le sue 10 stagione in riva all’Esino.

L’incasso della partita di addio al basket di Alberto Lupo Rossini tra le glorie di Aurora Basket Jesi e Pallacanestro Cantù sarà devoluto in beneficenza alla Onlus “Trame Africane”, di cui Rossini è testimonial da diversi anni e che si occupa di assistenza di bambini poveri africani, in particolare per la costruzione di un ospedale in Kenya.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-08-2010 alle 18:43 sul giornale del 06 agosto 2010 - 4838 letture

All'articolo è associato un evento

In questo articolo si parla di basket, sport, jesi, aurora basket jesi, alberto rossini e piace a Feisbukkiano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aZ2





logoEV