Massaccesi: il centro destra comincia a parlare di legalità e regole

daniele massaccesi 1' di lettura 06/08/2010 -

Finalmente il centro – destra, od almeno gran parte di esso, ed al di là delle polemiche, spesso personali e fuorvianti, ricomincia a parlare di legalità e di rispetto di regole, anche istituzionali, ponendoli al centro della propria attività e della propria presenza: non può certamente rinnegarsi il garantismo e/o la presunzione di innocenza, valori fondanti del PDL e dei suoi aderenti, per abbracciare un mero, ed a volte becero, giustizialismo.



Ma se il garantismo diventa quasi un simbolo del temporeggiare, del “permettere”, del consentire, con una larghezza di vedute a volte anche eccessiva, spesso confondendosi con il giustificazionismo, allora si rischia di far diventare il garantismo la pavida difesa di interessi personali, e questo un grande partito, oltretutto di governo, non può permetterselo. Occorre fondare la propria azione, sempre di più, su alcuni valori importanti, non delegabili né appaltabili, e recuperare la voglia, in qualche caso, di alzare la voce e di farla sentire chiaramente.

È possibile che, masticando parole improprie, in questi momenti ed anche localmente, ci si appropri di termini quali “legalità” – o si cerchi di farlo -, e magari solo per nascondere propri interessi con interessi generali, senza distinguere fra gli stessi: è il momento di prestare quel minimo di vigilanza e di attenzione per evitare il ripetersi di vecchi errori.


da Daniele Massaccesi
Popolo delle Libertà – PDL




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-08-2010 alle 18:21 sul giornale del 07 agosto 2010 - 980 letture

In questo articolo si parla di politica, Daniele Massaccesi, pdl, Popolo delle Libertà – PDL

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a3B





logoEV