'Toni era il più grande', centinaia di persone per l'ultimo saluto ad Antonio Tarsi

funerale antonio tarsi 2' di lettura 12/08/2010 -

La bara blu come il mare e sopra la sua canna da pesca. Centinaia di persone hanno preso parte oggi pomeriggio al funerale di Antonio Tarsi.



La cerimonia si è svolta giovedì alle 14.30 in un Duomo gremito di persone. A salutarlo per l'ultima volta sono accorsi in tantissimi. Tanti gli esponenti politici presenti, dalla senatrice Silvana Amati alla Presidente della Provincia Patrizia Casagrande fino all'ex primo cittadino Luana Angeloni. A sostenere l'assessore alle Attività Economiche Paola Curzi, compagna di Tarsi, c'era l'intera giunta comunale, il sindaco Maurizio Mangialardi e il presidente del Consiglio Comunale, Enzo Monachesi. Numerosi i Consiglieri Comunali e gli imprenditori senigalliesi, come Ferdinando Rosi, Alfonso Benvenuto e lo chef Mauro Uliassi. Ma sopratutto la famiglia, con i figli Claudio, Elena, Manuela e Andrea in prima fila.

A ricordare il papà morto ci ha pensato il figlio maggiore, Claudio. “Chiunque conoscesse mio padre sa benissimo che nessuna tomba e nessuna bara potrà mai contenere la sua voglia di vivere, la sua allegria, la sua forza -ha detto Claudio dopo le celebrazione-. Vedere oggi la chiesa gremita ne è la prova. Ognuno di noi porta con sè un pezzo della felicità di mio padre. Anche mio padre ha sofferto per la morte di un genitore ed oggi quest'evento ci avvicina ancora di più alla sua figura. Un uomo amorevole con i propri figli ma frenato dalla voglia di fare bene. Un secondo padre per tutti.” E poi Claudio ha lanciato un appello. “Noi figli vogliamo conoscere il Toni che gli altri conoscevano. Ecco perché invito tutti coloro che lo conoscevano a contattarci e a raccontarci come lo ricordano.” Un momento di grande commozione spezzato da un grido “Toni era il più grande” che ha sciolto l'assemblea in un lungo applauso.

Parole di ricordo sono arrivate anche da don Andrea Franceschini, il sacerdote che ha celebrato la messa. “La vita di Toni è stata una vita di passioni ed una morte per passione. Anche la fede è passione per la vita ed è per questo che ci troviamo vicini a questo nostro fratello.” Il feretro con il corpo di Antonio è stato portato a mano dagli amici per alcune centinaia di metri. Giovedì 19 alle ore 18 sempre in Duomo si svolgerà la messa settima.








Questo è un articolo pubblicato il 12-08-2010 alle 16:19 sul giornale del 13 agosto 2010 - 3880 letture

In questo articolo si parla di cronaca, riccardo silvi, funerale, antonio tarsi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bb2

Leggi gli altri articoli della rubrica fatti tragici


"Ma perché pria del tempo a sé il mortale<br />
&#8232;invidierà l'illusïon che spento<br />
&#8232;pur lo sofferma al limitar di Dite?<br />
Non vive ei forse anche sotterra, quando&#8232;<br />
gli sarà muta l'armonia del giorno,<br />
&#8232;se può destarla con soavi cure&#8232;<br />
nella mente de' suoi? Celeste è questa&#8232;<br />
corrispondenza d'amorosi sensi,<br />
celeste dote è negli umani; e spesso&#8232;<br />
per lei si vive con l'amico estinto<br />
&#8232;e l'estinto con noi, se pia la terra<br />
&#8232;che lo raccolse infante e lo nutriva,&#8232;<br />
nel suo grembo materno ultimo asilo&#8232;<br />
porgendo, sacre le reliquie renda<br />
&#8232;dall'insultar de' nembi e dal profano&#8232;<br />
piede del vulgo, e serbi un sasso il nome,<br />
&#8232;e di fiori odorata arbore amica<br />
&#8232;le ceneri di molli ombre consoli."<br />
<br />
(Ugo Foscolo - Dei Sepolcri, vv. 23-40)<br />




logoEV