Senigallia: distrutta dai vandali la sede del PdL

14/11/2010 -

Domenica mattina alle 4:25 un gruppo di tre persone ha distrutto la vetrata della sede cittadina del PdL in via Nazario Sauro entrando e mettendo a soqquadro i locali.



A compiere l'atto di vandalismo - secondo i racconti di alcuni testimoni raccolti dagli agenti del Commissariato di Polizia di Senigallia - sono state tre persone, di cui una faceva da palo. Alle 4:25 di domanica mattina si è sentito un botto che ha aperto la porta a vetri, ma ha anche svegliato alcuni vicini, che sempliceme affacciandosi dal balcone hanno messo in fuga i criminali.

All'interno della sede tanto caos, ma pochi danni. Da una prima occhiata non sembra sia stato rubato nulla.

"E' un atto gravissimo - sottolinea Maurizio Perini del PdL - in linea con il clima nazionale di tensione nei confronti del PdL. Non abbiamo ricevuto nessuna minaccia recentemente. Solo otto mesi fa è stato affisso un volantino".

"In Italia non è nemmeno possibile tenere una bacheca - si lamenta Anna Maria Bernardini, vicecoordinatrice comunale del PdL - ed oggi questo".

Chi non ha argomenti per esprimersi nel confronto politico si affida alla viltà di gesti inconsulti ed ingiustificati” ha sottolineato il consigliere regionale Giacomo Bugaro.

“Un atto gravissimo, su cui pesa l'asprezza senza precedenti dello scontro politico di questi giorni -fa eco il senatore Francesco Casoli- .Questi gesti devono essere un monito per tutti ad abbassare i toni e a riflettere sul peso delle parole pronunciate. Troppo spesso, invece, assistiamo ad affermazioni e comportamenti che anzichè prospettare soluzioni ragionevoli per il bene del paese, esasperano il clima politico. Chiunque cavalchi questa linea di veleni e delegittimazioni non potrà non assumersi la responsabilità delle conseguenze”.








Questo è un articolo pubblicato il 14-11-2010 alle 11:33 sul giornale del 15 novembre 2010 - 1175 letture

In questo articolo si parla di cronaca, michele pinto, senigallia, pdl, vandali

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/el8


Ad oggi, vista la situazione politica Italiana, ci sarà anche il dubbio se dare la colpa ai soliti comunisti, a qualche dipietrista, a qualche grillino o a qualche finiano...

Certo ci sarebbe anche da chiedersi come sia possibile tirarsi addosso tanta avversione.

sicuramente opera del partito dell'odio... ma il partito dell'amore e delle escort trioferà! si, trionferà! BOOOM! XD

Come sempre:invece di criticare il gesto si fanno scadenti battute.

Adesso vorrei una manifestazione in piazza del duca contro la violenza da parte del sindaco e anche da parte del mezza canaja(cosa che sarebbe successa se l'attacco fosse avvenuto verso un locale di sinistra)

Hai ragione Guerenica. Se organizzerai una manifestazione di solidarietà io parteciperò. Chissà che non lo faccia anche il sindaco come ha fato in passato per altri atti di violenza.

Simili atti trovano spazio solo per la condanna per quanto accaduto e per la solidarietà, umana e politica, che porgo a nome del circolo di Futuro e libertà di Senigallia.

Sembra che di persone che inneggiano alle monetine a Craxi, alla statuetta in faccia, al pugno a Capezzone sia piena l'Italia,più che sembra è così.
è a questo punto curioso sapere chi sono i referenti , i modelli civili , istituzionali di queste persone e cosa pensano seriamente questi modelli, al di là di dichiarazioni di facciata un pochino timide, talvolta.Il clima italiano è quello di una lotta fra fazioni diu tipo medioevale senza alcun fine di rigoroso senso del giusto.Come al solito, la bacheca di questo articolo è esemplificativo;è e sarà sempre così, sembra.Il marchio politico, la politica sono modi per passare il tempo e per sfogare il prorio animo insoddisfattoi.Altro che ideali...Il degrado civile sta a 360 gradi;se qualcuno cianciasse un po' meno e parlasse o evitasse di cianciare...senza rigore, senza regole rispettate e parlo di ogni ambito , senza questioni di coscienza personale, senza coscinza non c'è civiltà.Pare che posarla da una parte la coscienza, la morale, il senso etico, sia più comodo,certamente non esiste evoluzione umana in assenza di rigore morale;ci sono le solite persone che fanno commenti qua che si possonoanche risparmiare, perché hanno capito tutti come la pensano, non c'è bisogno che lo rimarchino...o forse ad un proprio predellino molti, ,consciamente o no, aspirano?!Mah'...che tristrezza comunque.

Io non darò solidarietà al Pdl.
Guiderò la controffensiva.
La guerra mi piace. Sono un ultras.

Ma che cosa strana questo "ATTENTATO"... se si osservano con attenzione le foto si può notare che hanno distrutto tutto meno che le bandiere del Pdl... Ma secondo voi chi avrebbe voluto attaccare il Pdl non avrebbe icolpiton primis il suo simbolo!
Bellissima la foto della vetrata rotta da una parte e dall'altra intatta con i manifesti integri... non è che puzza di belpietrata??? Mah ... ai posteri ardua sentenza!!!

Sicuramente non è distruggendo bacheche o sedi di partito che si cambiano le cose.
I fascisti durante il ventennio usavano questa tattica per opprimere e intimorire gli oppositori, quello che hanno ottenuto è scritto nei libri di storia.

Ma contro chi sarà questa guerra?

La guerra sarà contro il "pensiero unico" che vogliono imporci.

Ovviamente esprimo solidarietà.
Una sola domanda: ma questa sede è quella ufficiale?
Come mai c'è il cartello "affittasi" sulla porta?

"...Fini vuole eliminarmi, mi vuole morto fisicamente per la storia di Montecarlo, è convinto che gliel’abbia montata io. Ma se questi faranno il governo tecnico noi gli scateneremo contro la guerra civile, avranno una reazione come nemmeno s’immaginano".

Silvio Berlusconi
Presidente del Consiglio Italiano
La Stampa - 12 Novembre 2010


"...Questi gesti devono essere un monito per tutti ad abbassare i toni e a riflettere sul peso delle parole pronunciate. Troppo spesso, invece, assistiamo ad affermazioni e comportamenti che anzichè prospettare soluzioni ragionevoli per il bene del paese, esasperano il clima politico. Chiunque cavalchi questa linea di veleni e delegittimazioni non potrà non assumersi la responsabilità delle conseguenze”.

Francesco Casoli
Senatore PDL
Vivere Senigallia - 14 Novembre 2010

Allora sarà una guerra tra pensieri unici.

Per imporre un pensiero unico son necessarie due cose:
un pensiero da imporre;
un cervello a cui imporre il pensiero.

Siamo sicuri ci siano entrambe?


La mia era ironia per melgaco, andrea.

Quindi Casoli è il megafono di B.?
(domanda retorica).Bisognerebbe farci una ricerca filologica.:-)

E' un gesto INCIVILE E STUPIDO.
...E ma madre di queste persone è sempre incinta...
La mia personale solidarietà come appartenente al PD.

Ricerca filologica? dici?
Ma io la butterei più sullo "sdoppiamento della personalità", "schizofrenia"... Roba da TSO più che altro! ;-) Anche se il rischio vero è che con tutte queste dichiarazioni discordanti (amore o guerra?!?!) chi ne esce pazzo è il cittadino italiano!

omniabyte tra 3 messaggi scriverai che è stato lo stesso Berlusconi ad organizzare l'assalto al locale ...che tristezza

Ma figurati Guernica!
Ne lo penso ne lo scriverei mai solo perchè ho il legittimo sospetto che a quell'ora di sabato notte sia più impegnato a fare il Bunga Bunga! ;-)

tutti contro tutti
e' balenata mai l'idea che qualche buontempone pieno di vino e anfetamine urini e scorreggi, giri x la citta' e non trovi di meglio il prendere a sassate e bastonate tutto quello che e' Vuoto .
visto il girare di notte certe personaggi......
vedi le botte che si danno il venerdi' e sabato x il centro.
Addirittura organizzano banchetti il sabato appena abbassate le saracinesche con tanto di cartoni contenente birra borghetti rhum gin addirittura caffe'..tutto sotto il controllo delle aime' forze dell'ordine.
senza scomodare il berlusconi e tanti altri---

Off-topic

OFF TOPIC
x Redazione:
il sito quando inviavo il commento si "impallava" e non dava risposta, per questo dopo un pò ho bloccato e ripostato il commento. Potete lasciare solo l'ultimo. Grazie!

E' sicuramente così.
Ciò che è strano è che se la prendono solo con Pdl e Lega.
Di solito gli ubriachi non dovrebbero fare distinzioni

Un classico esempio di vigliaccheria.
Oppure di semplice stupidità.
Delle due non so quale sia peggio (...o forse si).

Sembra che pochi di voi abbiano notato che situazioni ci sono il sabato sera.Poi che colpita sia la sede PdL o altri posti, poco deve interessare il perché e il chi e il resto,sono cose che non devono succedere...può essre che siano stati vandali, può essre che qualcuno lo abbia fatto per strumentalzzare,può essre tutto,chissenefrega, l'assenza totale di sovrastrttura cosciente come elemento carattterizzante della società italiana fa mettere in conto tutto.Noncambia nulla se a nessuno interessa che qualcosa cambi e lo specchio di una società è pure quello che succede in giro per la stada.Annotazione, la sede PD ha i cancelli ben prima della porta d'ingresso.Io credo comunque al raid vandalico, all'intimidazione mirata, non a qualcuno che ci ha fatto a posta per fare apprire vittime le pesone.Il non distruggere tutto risuona un po' come avvertimento, è più intimidatorio che distruggere, perché lascia molto spazio alla non conoscenza di fino a che punto si può arrivare.Via nazzario sauro , tutta quella parte del centro è fatta di viottoli stretti difficilmente accessibili, essi nascondono, si dissociano dal centro;un tmpo comunque veniva costantemente sfodata la bacheca di Forza Italia in città-Il teppismo ovviamente non ha solo un colore politico, né ora né negli anni '70, né nele curve degli stadi non ha solo un colore politico, io sono stato testimone, in passato, di un episodio di vandalismo che aveva per oggetto una struttura non politica, ma comunque un centro di aggregazione giovanile che può essre connotato come luogo freuentato da persone di "sinistra".
Qua non vedo nessuno particlarmente sdegnato da tutto ciò, sono tutti sopratutto impegnati a far sapere come la ensano loro politicamente e mi pare che tutti quelli a cui capita leggere viveresenigallia sappia quali sono le loro idee...la conseguenza di tutto ciò è che non ci sono regole , educazioni, etica condivisa;non ho rimorso, nel senso che non voglio che torni , ma ho nostalgia dell'era del Pentapartito e di quella in cui non c'era internet, almeno c'era meno possibilità di esprimersi senza affermare in realtà niente.
Rimane una cosa di tutto ciò;c'è chi non ne può pù, c'è chi davanti al'imperversare dela feccia, delle gangs , dei locali pubblici che sono arene, delle trasmissioni politiche che sono arene del nulla, è disgustato., ma più che disgustato, è proprio incazzato nero,.
Ieri ho visto l'inizio di Porta a Porta, c'era Ronchi che parlava, poi ho cambiato canale e ho guardato l'Infedele, poi dopo mezz'ora sono tornato su Porta a Porta e ho sentito Ronchi dire le sesse cose di mezz'ora prima e pure Gasparri e pure un invasato Murizio Lupi.Per capire i contenuti della trasmissione Vespa parteggiava spudoratamente e si sa per quale parte, sarebbe bastato assistere a cinque minuti di essa, un gran parlare di niente,accostabile al niente celebrale di molti di coloro che hanno visto.
Una verità è venuta fuori;lItalia è centro moderata, lo è stata sempre, storicamente, la sinistra politica italiana rimarrà sempre parte minoriutauia, l'unica volta che non lo è stata è, negli '80 , la vera sinistra, è adata a finire come è andata...la corruzione pubblica , prvata, interiore , c'è sempre...chi ha guardato l'ultima mezz'ora dell'Infedele ieri in cui si intervistava un magistrato non dal nome altisonante capisce molto bene;penso che pochi lettori abbiano guardato.
Quanto vi piacerà questo bipolarismo e perchè non lo so, è controi valori, è l'apiattimento totale della vita e ciò ha ripercussioni per strada dopo.I problemi non sono motivo di disagio, ma di pretesto, poi uno ovviamete è incazato nero, uno che prova ad essre "perbene", cioè normale,tranquillo, semplicemente civile per quelo che può e non ci vuole troppo impegno.
Non ci vuole nemmeno tropo impegno a lasciare a casa la bandiera di Guevara se si fa la protesta studentesca con la passegiata;non si rappresenta nessuna istanza in quel modo.