La campagna Uaar sul registro comunale dei biotestamenti va avanti

uaar 1' di lettura 14/02/2011 -

Preso atto della presa di posizione ufficiale del sindaco Simoncini sulla nostra iniziativa-proposta per l'introduzione,presso il nostro comune, del registro dei Biotestamenti, il circolo osimano dell'Uaar(Unione atei e agnostici razionalisti) annuncia che tale petizione popolare andrà comunque avanti allo scopo di informare tutti i cittadini sul senso e la valenza di questa battaglia di difesa dei principi laici della nostra costituzione e di quel diritto inviolabile che ogni uomo e ogni donna ha in natura: quello di disporre del proprio corpo secondo la propria volontà individuale.



Ricordiamo a tutti i cittadini osimani(e non solo!) come la Costituzione italiana difenda questo principio nell'articolo 32,dove il secondo comma dispone che "nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. MA CHE LA LEGGE NON PUO' IN NESSUN CASO VIOLARE I LIMITI IMPOSTI DAL RISPETTO DELLA PERSONA UMANA"

. Non avevamo formulato nessuna proposta vincolatrice alla giunta comunale,ma ci saremmo aspettati almeno una discussione più aperta e profonda a seguito di questa nostra richiesta, che tra parentesi è stata già appoggiata da decine e decine di firmatari osimani! Non deve essere la legge ad obbligare giunte comunali ad esprimersi su richieste specifiche dei propri cittadini,ma il buon senso dettato dalla consapevolezza di essere espressione e rappresentanza di TUTTI i cittadini del proprio comune!

Auspichiamo un confronto più aperto con la giunta comunale nei prossimi giorni, magari attraverso un pubblico dibattito cittadino a cui partecipino promotori e istituzioni pubbliche locali.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-02-2011 alle 15:57 sul giornale del 15 febbraio 2011 - 2048 letture

In questo articolo si parla di attualità, osimo, UAAR, biotestamento

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/hnL





logoEV