Paradisi sul concorso: secretati gli atti della finta selezione

roberto paradisi 2' di lettura 11/03/2011 -

Il direttore generale Ratiglia mi ha impedito di accedere agli atti della finta selezione bandita dal Comune di Senigallia per l’assunzione di un “esperto” in accoglienza e promozione turistica.



Una selezione in cui, in realtà, sarà il sindaco Mangialardi a scegliere personalmente chi assumere tra una rosa ristretta di candidati proposta arbitrariamente e senza valutazioni di tipo oggettivo da una commissione interna presieduta, con tutta probabilità, dallo stesso Ratiglia. Proprio lui che, giovedì, mi ha comunicato di non aver alcuna intenzione di fornire ad un consigliere comunale eletto copia della documentazione relativa alle domande presentate dai circa 100 candidati. Una nuova ombra sulla già scarsa trasparente procedura seguita.

Il direttore Ratiglia vorrebbe consegnarmi la documentazione a procedura conclusa. Troppo facile. Come dire: lasciateci operare al riparo dai controlli dell’opposizione. La vicenda diventa inquietante. Mi appello ai cittadini che ancora hanno a cuore la trasparenza e l’imparzialità della pubblica amministrazione. Qui ci vuole una reazione civica ferma e intransigente. Gestiscono nostri soldi, le nostre risorse, mettono in gioco le speranze di tanti laureati (escludendo i non laureati che hanno appropriati titoli di studio) e pretendono anche di farlo di nascosto. Senza rendere conto a chi è deputato ai controlli. Cioè l’opposizione. Che ha il diritto e il dovere di verificare. Ad esempio bisognerebbe capire per quale motivo il sindaco si è riservato, oltre al diritto da monarca assoluto di nominare il “fortunato”, anche di aumentargli lo stipendio in deroga alla posizione economica contrattuale prevista.

E bisognerebbe capire quali saranno i titoli non formali presentati dai candidati sui quali dovrà esprimersi la commissione. E ancora: con quali criteri la commissione distribuirà i punteggi? Ratiglia, che è un nostro stipendiato di lusso, ha il dovere di chiarire. Senza negare la dovuta trasparenza.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-03-2011 alle 15:45 sul giornale del 12 marzo 2011 - 2455 letture

In questo articolo si parla di roberto paradisi, politica, coordinamente civico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/il5


Questo "appello ai cittadini che ancora hanno a cuore la trasparenza e l’imparzialità della pubblica amministrazione" è molto simile a quel noto "AL LUPO, AL LUPO !!"

provenzan salvani

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Mi meraviglia questo commento di Maurizio Tonini Bossi, dopo aver letto tutti i suoi commenti non mi sarei aspettato da lui una simile "chiosa"; evidentemente anche il risentimento idelogico è bipartisan e fodera gli occhi e le orecchie di prosciutto tutti quanti

Non ci credevo nemmeno troppo...Il rapace dell'area di rigore, l'Inzaghi de' no' artri!!

Off-topic

Così non si capisce il senso di quello che dico , se mi si pubblica una cosa decontestualizzata da un'altra.




logoEV