Maiolati Spontini: Il Comune cerca volontari per la vigilanza e le attività della biblioteca La Fornace

Gruppo di lettori volontari 15/09/2011 -

L’amministrazione comunale cerca volontari per supportare le attività della biblioteca La Fornace di Moie. E’ già una pratica che viene utilizzata, ma sulla quale si intende puntare ancora di più, anche alla luce dei sempre più pesanti tagli imposti ai Comuni dal Governo centrale. Quella del volontariato è una risorsa importante per Maiolati Spontini, dove è altissimo il numero di gruppi e associazioni. Una risorsa che viene declinata anche per le attività che si svolgono nella splendida struttura ricavata nell’ex fornace di laterizi.



“Il polo culturale eFFeMMe23 al cui interno si colloca la biblioteca La Fornace – osserva il sindaco Giancarlo Carbini – è oramai diventato un punto di riferimento, i cittadini ci chiedono sempre più servizi e orari di apertura più ampi, a dimostrazione che investire nella cultura come elemento base della qualità della vita è un’esigenza, oltre che una scelta, condivisa. L’Amministrazione comunale sta cercando caparbiamente di rifuggire dalla logica dei tagli che vorrebbero la cultura come prima ad essere colpita, e pur cercando in tutti i modi forme di risparmio e di ottimizzazione ha come obiettivo quello di non ridurre la qualità e la quantità dei servizi erogati”.

La biblioteca è stata inaugurata il 1° dicembre 2007 e a 4 anni e mezzo dalla sua nascita è diventata una buona abitudine quotidiana per i cittadini di tutto il territorio, non solo di Maiolati Spontini, visto che la metà degli iscritti proviene dai Comuni vicini. “Da noi si viene per ascoltare una conferenza – spiega l’assessore alla Cultura Sandro Grizi – ‘giocare’ alla lettura con i propri figli, prendere un dvd, leggere una rivista magari sorseggiando un buon tè al Caffè letterario. Un luogo dove le persone incontrano i libri ma anche altre persone, dove sono mescolati pubblici di età e di estrazione sociale diversa. Da sempre la biblioteca La Fornace cerca di lavorare in sinergia con le scuole, gli enti e le associazioni pubbliche e private del territorio. In particolare la collaborazione è costante con l’Università degli adulti della Media Vallesina e con il Gruppo di lettori volontari che ci supportano adoperandosi nelle attività più varie con il volontariato”.

Adesso l’Amministrazione comunale si rivolge ai cittadini domandando “Perché non essere uno di noi?”. La biblioteca, infatti, sta diffondendo una scheda per l’adesione al “Gruppo volontari biblioteca”, in cui si spiega che “abbiamo bisogno di persone volenterose per la vigilanza e l’organizzazione degli spazi durante gli eventi ma anche settimanalmente, per svolgere le attività più varie come mettere le copertine, i chip e le etichette ai libri, risistemare i libri negli scaffali e così via”.

L’invito è anche ad entrare a far parte del “Gruppo lettori volontari”, una vera e propria associazione che svolge attività varie come “dover fare un mantello per il principe azzurro delle favole – si legge nel volantino di adesione – una maschera horror per la festa dei ‘Libri viventi’, oppure ci serve qualcuno che sappia suonare uno strumento come accompagnamento alla lettura di un brano, o un appassionato di deocupage che voglia insegnarlo ad altri, un esperto in decorazioni natalizie. Insomma, se hai un po’ di tempo, una dote o una capacità manuale, compila il format e… sarai dei nostri”.

La bibliotecaria Stefania Romagnoli sottolinea come “non abbiamo bisogno di esperti ma solo di persone con un po’ di abilità e tempo libero. Il format per l’adesione si trova in biblioteca e può essere compilato indicando le disponibilità sia riguardo le attività da svolgere sia riguardo i tempi. La scheda sarà inserita in una banca dati e quando servirà una determinata competenza le persone che hanno aderito saranno contattate e, se disponibili, potranno iniziare la collaborazione. La compilazione della scheda rende automaticamente iscritti all’Università degli adulti della Media Vallesina, ma solo per permettere al Comune di stipulare un’assicurazione per infortuni e non per frequentare i corsi dell’ateneo”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-09-2011 alle 14:15 sul giornale del 16 settembre 2011 - 713 letture

In questo articolo si parla di attualità, comune di maiolati spontini, Maiolati Spontini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/pmF





logoEV