Massaccesi (Pdl): le bugie di Binci e del Pd

Daniele Massaccesi - Pdl 20/09/2011 -

Binci si lamenta a voce alta e dice anche qualche bugia, forse consapevolmente, perché è in qualche modo corresponsabile della sciagurata attività amministrativa di Belcecchi e Co., a Jesi: sostiene impunemente, fra l’altro, che il Governo è responsabile anche dell’incuria e del degrado della città, fatto che invece, evidentemente, ha ben altri colpevoli!



Eppure è lo stesso Binci, unitamente al PD (il gruppo di maggioranza è uscito dall’aula consiliare quasi per intiero!) (il Consigliere Massaccesi si riferisce al fatto che il Pd durante il Consiglio comunale aperto di venerdì 16 è uscito dall'aula per far mancare il numero legale al momento della discussione della risoluzione presentata dal Pdl, ndr) ed al Sindaco, ad aver bocciato idee dell’opposizione per una più efficace azione amministrativa, volta a non prevedere tagli, soppressioni o falcidie di servizi, ma la razionalizzazione di alcuni servizi, quelli non “sensibili”, fatto che, peraltro, potrebbe permettere economie, da un lato, e recupero di risorse, dall’altro, con soli benefici per la gestione Comunale, ed a curare la manutenzione della città, sopperendo all’attuale incuria.

Certo non è, e non può essere, la panacea di ogni male, ma è stata rifiutata anche la sola idea di un piano/progetto prevedente:
- una razionalizzazione dei servizi, con l’indicazione di possibili miglioramenti, delle priorità e della essenzialità degli stessi, e l’individuazione di eventuali correttivi e/o disservizi
- la valorizzazione del patrimonio immobiliare del Comune, sì da evitare, da una parte, una dismissione di beni immobili a prezzi non congrui e, dall’altra, una gestione degli stessi fatta in modo non redditizio
- l’attuazione di un approfondito controllo di gestione
- la rinuncia ad alcuni dei rapporti instaurati, come quello attuale, ed oneroso, in essere con il Direttore Generale
- una riduzione delle figure, previo accorpamento delle relative funzioni, dei Dirigenti Comunali
- l’attenzione ai vari finanziamenti esistenti (regionali, nazionali, europei), ed ai relativi bandi, per avere opportune risorse, mediante la istituzione e la responsabilizzazione di un Ufficio interno al Comune, da necessariamente formare
- la manutenzione e la cura della Città, a cui va ridata credibilità, con la individuazione di priorità e di interventi concreti, anche ricorrendo a forme e modalità di intervento finora mai sperimentate od utilizzate.
- la nuova gestione della riscossione dei Tributi ed un recupero, in termini di risparmio, di quelli che, fino ad oggi (fra IVA ed aggi pagati a “Equitalia”), sono stati costi assai elevati, e non recuperabili.

Il PD dice sempre no alle proposte dell’opposizione, bollando come “maquillage” quello che invece, e purché lo si capisca, è un serio contributo a migliorare la sua deficitaria gestione della città, fatto e proposto per il solo interesse della intera comunità.


da Daniele Massaccesi
Popolo delle Libertà – PDL




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-09-2011 alle 14:01 sul giornale del 21 settembre 2011 - 703 letture

In questo articolo si parla di attualità, Daniele Massaccesi, pdl, Popolo delle Libertà – PDL

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/pwO





logoEV