Monte san Vito: Cillo (Pdl), “due pesi e due misure fra Assessori e Sindaco”

Thomas Cillo 3' di lettura 22/09/2011 -

Si arricchisce di un nuovo tassello la querelle monsanvitese sulle indennità di Giunta e sui costi della politica. Infatti, con la delibera di Giunta nr. 86 del 08 Settembre 2011 avente ad oggetto: “Modifica parziale della deliberazione di Giunta nr.25 del 31 Marzo 2011 avente ad oggetto Determinazione delle indennità di carica degli amministratori – Provvedimenti.” , la Giunta con votazione unanime e palese, ritocca nuovamente le indennità degli Assessori.



Ricordiamo infatti la polemica che si sollevò a seguito della deliberazione che di fatto ha aumentato le indennità di Sindaco, Vice Sindaco ed Assessori rispetto alla precedente amministrazione. E ricordiamo anche come tutto il Pdl monsanvitese bollò come inopportuno un provvedimento del genere arrivato in un momento di piena crisi economica ma anche per la tempistica con il quale questo provvedimento è stato adottato (a soli 45 giorni dall’insediamento).

A seguito e solo in seguito di tale delibera, è stata redatta un’apposita determina (nr. 143 datata 20 Aprile 2011) dove si specificavano i compensi degli Amministratori in base al loro regime lavorativo. Il Vice Sindaco D’Angelo e l’Ass. alla Scuola Sbarbati in quanto lavoratori dipendenti, e non avendo fatto richiesta del beneficio dell’aspettativa dal lavoro previsto per legge, hanno diritto a percepire una indennità dimezzata.

Con la modifica della delibera nr.25 di cui sopra, verranno parificate le indennità di tutti gli Assessori e pertanto, a partire dal prossimo 1 Ottobre, anche gli Assessori lavoratori non dipendenti (Ass. Battistini e Ass. Mazzocchini) percepiranno un’indennità dimezzata.

Apprendiamo quindi con favore il segnale e la volontà degli Assessori di voler contribuire fattivamente al contenimento dei costi della politica e riconosciamo che tale provvedimento va finalmente nella direzione da noi tanto auspicata( anche se le indennità rimangono a +88% rispetto alle medesime indennità della Giunta scorsa...)
Peccato che quello che agli occhi dei più sembrerebbe essere stato un atto di responsabilità, è previsto in una norma ad hoc sulla recente Manovra Finanziaria, approvato dalla commissione bilancio in data 04 Settembre 2011 ( e quindi prima dell’approvazione della delibera della nostra Giunta) e ripreso dal governo nel maxi-emendamento pochi giorni fa approvato , che cita:”adesso le sedute dovranno «preferibilmente» svolgersi in un arco temporale non coincidente con l'orario di lavoro dei partecipanti” (art. 16 comma 19-20 Lg.148/2011).

Ed ecco pertanto comparire nella delibera della Giunta monsanvitese: “…che i sei mesi decorsi dall’insediamento della nuova amministrazione, hanno permesso di sperimentare che è possibile limitare drasticamente il ricorso ai permessi retribuiti per gli Amministratori lavoratori dipendenti concentrando la maggior parte del lavoro politico amministrativo al di fuori dei predetti orari “.

In questo quadro, se non bastasse, stona altresì il comportamento totalmente difforme del Sindaco rispetto alla sua Giunta: se infatti tutti i suoi Assessori hanno deciso di decurtarsi l’indennità, nulla ha fatto il Sindaco Avv. Sartini che in questo senso non ritorna sui suoi passi ma decide di rimanere invece con un’indennità piena e massima.

Della serie: “Armiamoci e partite!!”.


da Thomas Cillo
Capogruppo Pdl di Monte San Vito





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-09-2011 alle 16:43 sul giornale del 23 settembre 2011 - 979 letture

In questo articolo si parla di attualità, monte san vito, pdl, thomas cillo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/pCe





logoEV