Maiolati Spontini: Gambini-Rossano muove contro la gestione dei rifiuti e l'ampliamento della discarica

Marco Gambini Rossano 4' di lettura 26/09/2011 -

Il Consigliere di opposizione Marco Gambini-Rossano, della LIsta Civica per Maiolati, torna ad attivarsi nella sua battaglia contro la gestione dei rifiuti e, soprattutto, dell'ampliamento della discarica "La Cornacchia" a Moie, per il quale, ad agosto, l'Amministrazione aveva, con la delibera 137, approvato lo studio di fattibilità e il mandato alla Responsabile dell’Ufficio Tecnico di provvedere all’incarico per la progettazione



L'azione di Gambini-Rossano prende la forma di due interrogazioni ed una richiesta formale di documentazione. Con la prima interrogazione punta dritto sull'ampliamento della discarica e sull'inerente parere dell'Asur regionale. "Preso atto di quanto già conosciuto - si legge nell'interrogazione - ma comunque ribadito in sede del Consiglio Comunale U.S., secondo cui la ASUR sarebbe impossibilitata ad effettuare ricognizioni ed indagini sull’effettiva incidenza ambientale e sanitaria della discarica della Cornacchia, intesa nella sua interezza, stante l’inesistenza a livello regionale di un registro tumori ed a livello di Vallesina di qualsivoglia indagine epidemiologica", il consigliere dell'opposizione parla "della volontà di questa maggioranza di procedere in ogni caso all’allargamento del comparto rifiuti speciali".

Gambini-Rossano continua ricordando al Sindaco, Giancarlo Garbini, il suo ruolo di "responsabilità in termini sanitari, in quanto primo ufficiale sanitario del Comune di Maiolati" e "la necessità di applicare, in tempi di ristrettezze, un elementare principio di prudenza nell’avviare opere pubbliche di incerta realizzazione, come il palazzetto dello sport di Moie insegna" dichiarando "che qualsivoglia progetto di ampliamento non può prescindere da un parere sanitario dell’ASUR, pena il blocco del procedimento, con conseguenti danni erariali per i costi fin lì sostenuti".

In conclusione il consigliere chiede "di sapere se l’ASUR sia attualmente in grado di rilasciare un qualsivoglia parere sull’incidenza sanitaria e/o ambientale della discarica Cornacchia. Si noti che non si chiede di sapere se il parere sia favorevole, dal momento che lo stesso sarebbe eventualmente rilasciabile solo al momento della conoscibilità del piano stesso. Si chiede invece di sapere se, in astratto, l’ASUR sia in grado di rilasciare, all’atto della presentazione di qualsivoglia piano di ampliamento, un parere, stante l’attuale disponibilità di dati. Qualora il Sindaco non sia in grado di rispondere a detta domanda, si chiede di trasformare detta interrogazione in mozione che impegni il Sindaco ad assumere informazioni ufficiali in tal senso da parte dell’ASUR, ricordando ancora una volta le responsabilità sanitarie ed erariali in caso di mancata assunzione di tale informazione."

L'esponente dell'opposizine rende pubblico poi di aver proceduto a richiedere "in via ufficiale, copia della relazione sull’andamento della gestione dell’esercizio sociale in corso (primo semestre – esercizio 2011) inoltrata, ai sensi dell’art. 30 dello Statuto Sogenus dalla Presidente della Sogenus, Eddy Ceccarelli".

Ma non finisce qui. Con una seconda interrogazione Gambini-Rossano rivolge la sua attenzione al Centro Ambinete di Castelplanio alla cui gestione dovrebbe prendere parte il Comune di Maiolati Spontini. "Venuto a conoscenza di una lettera datata 22/09/2011 del Sindaco di Castelplanio Pittori, con cui annuncia in pompa magna l’approvazione del piano di gestione del centro ambiente di Castelplanio, in data 21/09/2011, cui il Comune di Maiolati partecipa", attacca il consigliere e "considerando che il sottoscritto consigliere, ormai da più di un anno va chiedendo prima informalmente, ultimamente per vie ufficiali anche detta documentazione" Gambini-Rossano chiede "di sapere in base a quale documentazione economico-contabile, amministrativa e finanziaria si sia provveduto a lavorare su detto centro ambiente, bandendo appalti ed assegnando incarichi".

"In mancanza di documenti previsionali economici e finanziari su detto centro ambiente, concordati con gli altri Comuni partecipanti, si chiede di sapere in base a quali normative si sia proceduto a bandire appalti ed assegnare incarichi, e quale sia stata la pubblica amministrazione che ha provveduto in tal senso", prosegue l'interrogazione che si conclude con la richiesta di "sapere chi siano gli assegnatari di incarichi ed appalti in questa opera" e "di conoscere con precisione l’impegno del Comune di Maiolati, la cifra stanziata ed erogata, e le delibere do Consigli o di Giunta che hanno autorizzato tali spese".



...

Il testo integrale dell'interr...

...

La richiesta di documentazione...

...

Il testo integrale dell'interr...






Questo è un articolo pubblicato il 26-09-2011 alle 14:47 sul giornale del 27 settembre 2011 - 923 letture

In questo articolo si parla di attualità, marco gambini rossano, paolo picci

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/pI9