Montemarciano: Serrani sul caso corruzione, 'Siamo tranquilli'

liana Serrani 2' di lettura 16/11/2011 -

“Nessun acquisto a prezzi inferiori rispetto a quelli del mercato e nessun mancato incasso da parte dell'Ente pubblico alla base del mancato Patto di Stabilità. Semplicemente una scelta consapevole e moralmente corretta nei confronti della ditta edile che ha realizzato la scuola materna”.



Commenta così l'attuale sindaco di Montemarciano Liana Serrani la vicenda che vede denunciati per corruzione l'ex sindaco Gerardo Cingolani e l'impreditore edile Mario Bolzonetti. Serrani, che all'epoca dei fatti era assessore al Bilancio.

Il Comune di Montemarciano, nel 2009, ebbe difficoltà a rientrare nel Patto di Stabilità perchè il mutuo venne preso nel 2006 e gli anni successivi cambiarono le regole di valutazione del Patto di Stabilità- sottolinea l'ex assessore al Bilancio- I lavori da parte della ditta che ha realizzato la scuola erano terminati a marzo, se non avessimo pagato subito la somma dovuta, il pagamento sarebbe avvenuto l'anno successivo. Pertanto, consapevolmente, abbiamo deciso di pagare i lavori eseguiti alla ditta . E' stata soltanto una scelta moralmente corretta. Questo, insieme all'acquisto di un nuovo scuolabus da 200 mila euro ha determinato l'uscita dal Patto di Stabilità e la conseguente perdita dei previsti contributi statali”.

Il primo cittadino difende l'operato del suo predecessore. “Cingolani -aggiunge la Serrani- ha sempre agito nella trasparenza e regolarità. Il Comune è quindi tranquillo e vicino all'ex primo cittadino, persona di sani principi e correttezza”. Essendo passati 3 anni dai fatti contestati, l'attuale amministrazione comunale vuole però vederci chiaro prima di prendere eventuali decisioni come chiarisce Liana Serrani. “Abbiamo incaricato l'Agenzia del Territorio, ente tecnico e più preparato di noi in materia, di rivalutare il prezzo degli immobili. A breve dovremmo ricevere la risposta. In base a questa prenderemo le eventuali e future decisioni”.

In attesa della rivalutazione da parte dell'Agenzia del Territorio, il Comune di Montemarciano continua la propria attività "nella maniera più tranquilla e limpida, come è sempre stato fatto affidandosi alla giustizia. Unico ente competente in materia, che può esprimere un'opinione ed un giudizio sulla vicenda”.






Questo è un articolo pubblicato il 16-11-2011 alle 13:02 sul giornale del 17 novembre 2011 - 2650 letture

In questo articolo si parla di attualità, montemarciano, Sudani Alice Scarpini, liana serrani

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/rIF





logoEV