E' morto Carlo Peroni, il papa' di Calimero

carlo peroni 14/12/2011 -

È morto martedì sera all'età di 82 anni Carlo Peroni, in arte 'Perogatt', il celebre fumettista papà di Calimero. Peroni era nato il 29 novembre a Senigallia anche se presto i suoi studi lo portarono a trasferirsi in varie città d'Italia.



Peroni iniziò la sua carriera nel 1948 collaborando con Il Giornalino ma le sue creature hanno popolato tante altre riviste, italiane e straniere, tra cui Il Vittorioso, Capitan Walter, Jolly, il Corriere dei Piccoli, Sonny, Tilt, Slurp!, Guerin Sportivo e Bild Zeitung. Tra i suoi altri personaggi famosi figurano anche Draghiottino, Slurp, Gianconiglio, Zio Boris, Nerofumo, Paciocco e l'Ispettore Perogatt.

Peroni lavorò anche per la Rai e case di produzione per Carosello, Topolino e Pecos Bill. Nella sua lunga carriera ha anche pubblicato libri ed opuscoli tra i quali Uffa Charlie Brown quanto rompi, Zio Boris, 30 anni di fumetti, Mondo Lumaca, Parlacosando, Anche i robot hanno un cuore. Tra i tanti premi vinti da Peroni, il riconoscimento alla carriera ad Acqui Terme in occasione di AcquiComics nel 2003 e il Premio miglior sito italiano 2004 a TorinoComics 2004 per il suo sito web, che aggiornava continuamente e dove presentava i suoi personaggi e le sue animazioni.

A dare la notizia della sua scomparsa, a Como, sono stati i familiari che hanno postato un messaggio su Facebook. “Non ha sofferto, è volato via in un attimo breve come il battito d'ali d'una farfalla che vola sorridente verso un luogo felice”.






Questo è un articolo pubblicato il 14-12-2011 alle 19:50 sul giornale del 15 dicembre 2011 - 1555 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli, fumettista, carlo peroni, calimero

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/sXP


Un doppio dispiacere: quello che se ne sia andato il creatore di uno dei primi personaggi televisivi della mia infanzia (urka quanto sono vecchio...) e il non aver mai saputo che fosse originario della nostra città.
Chissà se in questi anni è mai ritornato...

Marco Pagot

Commento sconsigliato, leggilo comunque