Inchiesta Prota-Ubertini: cinque carabinieri rischiano il processo

tribunale 1' di lettura 10/01/2012 -

La procura ha concluso le indagini per il caso dei carabinieri accusati di falso in verbali di arresto, peculato e cessione di droga ed ora dovrà pronunciarsi se archiviare il caso o procedere con il rinvio a giudizio.



A rischiare il processo però non sarebbero solo Massimo Prota e Simone Ubertini, i due appuntati della compagnia di Senigallia finiti in manette lo scorso 8 luglio. Altri tre sono i militari al momento solo indagati e con una posizione marginale che però potrebbero rischiare il processo: si tratta del maresciallo Gennaro Idea, attualmente in servizio a Falconara, del collega Andrea Mecocci e del brigadiere Luciano Olivieri.

Il procuratore capo Elisabetta Melotti e il sostituto Marco Pucilli hanno ufficializzato le ipotesi di reato (diverse e più pesanti per Prota e Ubertini rispetto agli altri tre militari) formalizzando ai cinque l'avviso di chiusura delle indagini. Gli altri tre carabinieri, infatti, secondo l'accusa, avrebbero prodotto verbali taroccati e sarebbero intervenuti, al momento degli arresti, a rinforzo dei colleghi.

Devono rispondere di omissione di atti d'ufficio, falsi verbali e concorso in corruzione. A riguardo è stato sentito anche il titolare di un'impresa di autodemolizioni, Francesco Fratini, anche lui indagato. Le memorie istruttorie verranno depositate a metà gennaio poi, entro la fine del mese, l'eventuale richiesta di rinvio a giudizio e quindi il processo.






Questo è un articolo pubblicato il 10-01-2012 alle 16:30 sul giornale del 11 gennaio 2012 - 4640 letture

In questo articolo si parla di cronaca, francesca morici, carabinieri, tribunale, senigallia, massimo prota, simone ubertini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/tLk