Dal 1° aprile nuove regole sull'arenile: multe da 1.000€ per i cani in spiaggia

cani in spiaggia 30/03/2012 - Dal 1° aprile inizia la stagione elioterapica, che si concluderà il 30 settembre. In questo periodo i cani non potranno accedere alle nostre spiagge anche se provvisti di museruola e guinzaglio.

Per i trasgressori è prevista la sanzione fino a 1000 euro. L’unica eccezione, secondo il Regolamento comunale, riguarda i cani-guida per i non vedenti ed i cani in possesso di brevetto per il soccorso in acqua, riconosciuti dall’Ente Nazionale Cinofila Italiana e condotti da personale munito di brevetto assistente bagnanti. Durante la permanenza in spiaggia, sia i cani guida che quelli da soccorso devono essere tenuti al guinzaglio ed indossare l’apposita imbracatura.

Devono, inoltre, essere coperti da idonea assicurazione per danni a terzi ed essere in regola con le vaccinazioni previste dalla vigente normativa. I loro conduttori o accompagnatori devono indossare una maglietta distintiva del servizio di salvataggio ed avere al seguito idoneo sistema per la raccolta degli escrementi, che, in nessun caso, devono permanere sulla spiaggia. Si ricorda inoltre che in spiaggia si possono praticare giochi pericolosi per l’incolumità delle persone, come giochi con la palla, solo all’interno di spazi appositamente attrezzati e autorizzati. Il volume degli apparecchi di diffusione sonora non deve essere tenuto alto e, nella zona adibita ad ombrelloni, non devono essere accesi dalle ore 13 alle 16.

Dopo il tramonto del sole non si possono lasciare tende, ombrelloni, sdraie e lettini, nei tratti di spiaggia libera e non si possono utilizzare le attrezzature balneari dalle ore 1 alle 5 del mattino. Sulle spiagge è vietato, per tutto l’anno, campeggiare, transitare e sostare con veicoli, eccetto quelli utilizzati per la pulizia e la sistemazione della spiaggia e quelli necessari al rimessaggio delle imbarcazioni nelle aree in concessione. Non si può gettare a mare o lasciare sull’arenile rifiuti di qualsiasi genere e accendere fuochi.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-03-2012 alle 12:27 sul giornale del 31 marzo 2012 - 10891 letture

In questo articolo si parla di attualità, polizia municipale, cani

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/w0Z


medici martina

trovo scandaloso che ancora nel 2012 in una città turistica come Senigallia sia vietato portare i propri animali in spiaggia e quindi che non ci siano ancora dei bagni attrezzati. Ormai ci sono in tutta italia...se vogliamo più turismo dobbiamo modernizzarci!

Mi associo come sempre siamo indietro anni luce rispetto agli altri
l, assesore Ceresoni e, da mo che predica di istituire una spiaggia ma nulla
Andiamo a Marotta li c,e,

Comprendo come ci siano persone che si spaventano al vedere i cani, e come spesso le reazioni dei cani (e delle persone) siano imprevedibili, ma onestamente non ho MAI visto in passato persone condurre cani sulla spiaggia durante la stagione estiva: era considerata una "maleducazione" al tempo, proprio per questo (...e per i "ricordini").
Ma come dicono in tanti, è ora di organizzare delle spiagge anche per loro, dove poterli portare senza alcun problema.

monica gori

Credo che piu che fare multe a chi porta i cani in spiaggia, sarebbe ora di iniziare a fare le multe a chi non raccoglie i "ricordini" e a volte anche "ricordoni"....vado tutte le mattine a camminare e spesso devo fare zig zag sul marciapiede.....e non credo che siano tutti di cani senza padrone....gli animali sono gli umani.....ho anche un cane....grosso...ma quando lo porto a passeggio è l'unico che indossa la museruola che, pur non essendo obbligatoria, credo sia segno di rispetto per le persone che hanno paura e soprattutto per tutti quei bambini che, curiosi, partono in quarta per andare ad accarezzare il cane......educazione ci vuole e rispetto...in questo e in tutto quello che si fa e che ci fa mettere a confronto con gli altri,.,.....

monica gori

Credo che piu che fare multe a chi porta i cani in spiaggia, sarebbe ora di iniziare a fare le multe a chi non raccoglie i "ricordini" e a volte anche "ricordoni"....vado tutte le mattine a camminare e spesso devo fare zig zag sul marciapiede.....e non credo che siano tutti di cani senza padrone....gli animali sono gli umani.....ho anche un cane....grosso...ma quando lo porto a passeggio è l'unico che indossa la museruola che, pur non essendo obbligatoria, credo sia segno di rispetto per le persone che hanno paura e soprattutto per tutti quei bambini che, curiosi, partono in quarta per andare ad accarezzare il cane......educazione ci vuole e rispetto...in questo e in tutto quello che si fa e che ci fa mettere a confronto con gli altri,.,.....

cristian olivi

Premesso che non ho un cane, non vedo che problema ci sia a portare Fido al mare, rispettando le regole e raccogliendo la sua popò. Inoltre trovo profondamente ingiusto che non sia possibile sdraiarsi sui lettini di notte, nnemmeno sotto il proprio ombrellone. Queste libertà sono presenti in tutte le altre località balneari.
Cittadini! La spiaggia è nostra, non del Sindaco! Riprendiamocela!

Io invece trovo scandaloso che i proprietari di cani (evidentemente più bestie dei cani stessi) usino i marciapiedi del lungomare come latrine per i cani.

In inverno non si può passeggiare senza calpestare la merda di cane.

Ben vengano le multe, sperando che vengano effettivamente fatte.

Perchè, cari proprietari "distratti" di cani, agli incivili si fanno le multe.

Imparate a comportarvi bene e nessuno vi criticherà, fino ad allora, dato che le aree pubbliche sono, per l'appunto pubbliche, vanno rispettate, non usate come fossero proprie e non ci fosse nessun altro.

Imparate l'educazione, prima di parlare.

Perchè i cani si ed altri animali no ?
E se ho un boa lo posso portare al mare ?

Marina

Già dal primo aprile non possiamo più portare i cani in spiaggia, come se già l'arenile fosse pieno di gente... E poi che ancora a Senigallia non esista una spiaggia per cani o un'area al mare attrezzata per farli correre e' inconcepibile.

E fortuna che in giunta ci sono i Verdi ....

Roberta

Personalmente dissento da questa decisione della nostra amministrazione per molti motivi che siamo in molti a condividere. Certo, la tanto agognata bandiera blu non aiuta: la FEE fissa le norme per averle e al link
http://www.bandierablu.org/common/criteri.asp?tipo=bb

sotto GESTIONE AMBIENTALE, al punto 18 ho trovato

Deve essere strettamente osservato il divieto di accesso alla spiaggia di cani e di altri animali domestici (i)

Benissimo.
Segnalo però che in base alla legge regionale 10/97 chi non applica il microchip al proprio cane (LA CUI IDENTIFICAZIONE E' OBBLIGATORIA DA 21 ANNI!) è soggetto ad una sanzione amministrativa di appena 78 euro. I 50 cani per cui il noctro comune paga attualmente hanno evidentemente meno di 20 anni, e chi doveva vigilare perchè non finissero in canile grazie al chip non l'ha fatto. I "vigilanti" sono l'ASL, che non può arrivare ovunque, e la POlizia Municipale, che NON HA MAI SVOLTO CONTROLLI DI QUESTo TIPO PUR AVENDO RICEVUTO IN DONO DALLA REGIONE MARCHE UN LETTORE DI MICROCHIP ALCUNI ANNI FA.
Ora, se un cane senza microchip viene, diciamo, dimenticato in giro, finirà a carico del contribuente. Ed ora il comune di Senigallia per ogni cane che ha in canile all'anno spende 914 euro circa. Dunque il danno sociale (in quanto economico) alla nostra collettività per un cane abbandonato è nettamente maggiore di un cane che passeggia sulla spiaggia dal 1 aprile alla fine di settembre, ma la sproporzione della sanzione è evidente. Chissà se la nostra amministrazione valuterà l'emissione di una ordinanza "urgente" per 1) mandare la polizia municipale a verificare i chip dei cani padronali; 2) rivedere la sanzione amministrativa per chi ha un cane non chippato.

Infine ricordo un fatto curioso. L'anno scorso un solerte vigile urbano ha prontamente sanzionato il malefico proprietario di cane per averlo fatto passeggiare sulla spiaggia, in un'area adibita a ricovero di barche, alle 18.30 di sera, in ottemperanza dell'ordinanza del sindaco (senza invotarlo ad andarsene vista la sanzione). Allora perchè la polizia muinicipale della nostra città non ha mai fatto vigilanza sui chip suddetti?

Carlo

Si fanno regole per i cani, ma i veri cani chi sono? Specialmente nel fine settimana in spiaggia si trova di tutto. Vetri,cicche, sboccate,( vomito) vera sporcizia . E nn son stati certo i cani. Ma dove sono i stabilimenti tanto sbandierati, per poter andare al mare con il mio cane ?? Nn ci sono?? Bene tt qst E assurdo. La mia protesta?? Nel mio piccolo ,Sono 2 anni che nn prendo più il lettino .

Vedo circolare in spiaggia, sprovviste di museruola, molte persone che mi fanno molto più schifo dei cani.

Un signore scrisse una lettera a un piccolo albergo in una cittadina che prevedeva di visitare durante le vacanze. Scrisse: Mi piacerebbe portare con me il mio cane. E’ pulito e ben educato. Mi consentireste di tenerlo nella mia camera durante la notte?

Immediata giunse la risposta del titolare dell’albergo che disse: Gestisco questo albergo da molti anni. In tutto questo tempo non ho mai visto nessun cane rubare asciugamani, coperte o argenteria o quadri appesi alla parete. Non ho mai dovuto cacciar via un cane in piena notte per ubriachezza molesta. E non ho mai visto un cane andarsene senza pagare.
Si’, effettivamente il Suo cane e’ il benvenuto, nel mio albergo. E se il Suo cane garantisce per Lei, anche Lei sara’ il benvenuto.

Questa lettera dice tutto!
Ci soffermiamo sempre a parlare dei quadrupedi ma la realtà è ben diversa..
I nostri quadrupedi non rubano in spiaggia, non distruggono il nostro patrimonio culturale, non vomitano in spiaggia causa alcool e non causano risse. Non lasciano in giro mozziconi di sigaretta, siringhe, o corpi metallici pericolosi. Non gettano rifiuti per terra.
I cani devo essere di certo educati, come lo dovrebbero essere i loro padroni, vanno portati al guinzaglio quando la spiaggia è affollata, e i loro escrementi vanno raccolti.
Vietare ad un padrone consapevole, rispettoso, ed a un cane educato di godersi quello che è il SUO PAESE e il SUO MARE per scopi turistici lo trovo immotivato e ingiusto. Nella maggior parte del mondo e in città sicuramente molto più famose e visitate di Senigallia i cani hanno libero accesso alle spiagge, vengono multati i padroni non "educati", ed esistono spiagge per cani.
Un turista che si porta dietro il suo amico a quattro zampe cosa dovrebbe pensare? Il ministero fa tanto la pubblicità del "portati dietro il tuo cane durante le vacanze" e poi si ritrova in città come Senigallia.
Capisco il disagio che potrebbero causare i cani durante l'orario di "frequentazione" delle spiagge da parte dei turisti, ma perchè non concedere un permesso durante l'orario di "chiusura" degli stabilimenti? Ma giustamente i cani non favoriscono il turismo e l'economia...seppur lo facciano al loro posto quei padrone che, come me, si sentirebbero INDIGNATI.
Chissà se i vigili, tanto attenti il primo aprile nel controllare la presenza dei cani sulla spiaggia, saranno altrettanto attenti a controllare che non vengano fatte infrazioni dagli esseri umani come: occupare i parcheggi dei disabili; che i tanti numerosi SUV non blocchino passaggi pedonali o vengano quotidianamente parcheggiati in ZTL senza l'apposito cartellino o peggio ancora in zone a rimozione forzata come accade spesso in piazza Saffi senza che mai nessun "negoziante" venga mai sanzionato. Ma giustamente dobbiamo bilanciare il rapporto tra le sanzioni mancate e quelle importanti come il non portare i cani in spiaggia. Se mi multano di mille euro per aver portato il mio cane in spiaggia, per un parcheggio anomalo, per aver causato risse o per non aver rispettato il senso civico cosa mi devo aspettare? lavori forzati?

Alessandro Volpini

Mi lascia senza parole constatare che ancora una volta non sia stata prevista in una città come la nostra (da tutti definita turistica e accogliente soprattutto per un turismo rivolto alle famiglie!!!) una regolamentazione che permetta l'accesso ai cani in spiaggia ovviamente in spazi dedicati e attrezzati. Questo purtroppo denota la pochezza mentale e la grettezza che ahimè caratterizzano ancora Senigallia (città che peraltro io amo profondamnente). Questa non vuol essere una critica a nessuno ma solamente una mera costatazione di una realtà sicuramente migliorabile con poco!! Alessandro.

"La grandezza di una nazione e il suo progresso morale possono essere valutati dal modo in cui vengono trattati i suoi animali". (Mahatma Gandhi)

...fate un po' voi...

Porto Raffaello ai caraibi...

monica gori

oggi 1 aprile sono andata a camminare sul lungomare...ho ftto 13 chilometri....avro contato 40 cani in spiaggia,....nessun vigile....

ciro montella

25 agosto, 15:50
sulle spiagge ci sono miliardi di animali senza alcuna restrizione e regolamenti divieti e quant'altro ma sono invece i nostri cani o gatti a essere incriminati MA CHI SONO GLI ANIMALI??? i nostri molto spesso vengono trattati come figli ,compagni,amici ecc ecc ma non possono seguirci per un ordinanza o cosa no guardiamo al 0,001%di maleducato ok siamo tutti incivili chiudiamoci tutti in .............