Massaccesi (Jesiamo), fiere ed eventi siano gestiti in proprio dal Comune o da una cooperativa del territorio

Daniele Massaccesi 1' di lettura 13/04/2012 - Blu Nautilus: ancora non sappiamo perché il Comune di Jesi, così come invece fatto da altri Comuni, non gestisce direttamente - tramite propri incaricati o Cooperative di giovani, magari appositamente da formare e da preparare - l'organizzazione di fiere ed eventi a cui partecipano, ad esempio gli ambulanti.

Eppure, ci risulta che l'iniziativa dovrebbe essere economicamente vantaggiosa: gli ambulanti pagano cifre rilevanti, gli incassi sono elevati, ma il guadagno finisce tutto - tramite una piccola "fetta" per il Comune di Jesi - in altre zone ed a favore di terzi, magari nel Riminese ("terra di conquista", come pure la zona di Pesaro, di grandi tradizione rosse), depauperando così, almeno come possibilità di guadagno per i ns. operatori, la nostra città.

Mi domando se non sia possibile riprendere in mano questa organizzazione, preparare un nuovo modo di gestione, aumentare l'incasso - o meglio evitare che il guadagno sia tutto di una Società esterna, e neanche del nostro territorio -, e formare il personale interno del Comune o favorire la creazione di una Coop, di giovani e di donne, che abbia simile compito e che pure abbia analogo percorso di formazione?

Se si vuole, si può - ce lo dimostra la nostra Amministrazione in altri casi! -






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-04-2012 alle 23:09 sul giornale del 14 aprile 2012 - 913 letture

In questo articolo si parla di attualità, Daniele Massaccesi, Una bella città, Jesiamo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/xL2





logoEV