Pesaro: terrorismo, arrestato 28enne senigalliese convertito all'islam, oscurati blog jihadisti

Andrea Campione, 28enne nato a Senigallia (An) e residente a Montelabbate (Pu), e' stato arrestato a Pesaro 23/04/2012 - Andrea Campione, 28enne nato a Senigallia (An) e residente a Montelabbate (Pu), e' stato arrestato a Pesaro nel corso di una vasta operazione antiterrorismo condotta dalla Polizia di Cagliari in varie citta'. Il giovane si era convertito con il nuovo nome di Abdul Wahid As Siquili.

La polizia di Cagliari, nel corso di una vasta operazione antiterrorismo, denominata ‘Niriya’, ha arrestato lunedì mattina un italiano convertitosi all'Islam in un'operazione contro un gruppo di estremisti islamici che diffondevano su Internet documenti in difesa del terrorismo e che ha portato a oscurare gli spazi web sui quali si appoggiavano i blog jihadisti.

Andrea Campione, 28 anni, è stato arrestato a Pesaro con l'accusa di addestramento ad attività di terrorismo internazionale. Nel corso del blitz, coordinato dall'Ucigos, sono stati anche oscurati vari blog jihadisti. Il giovane si era convertito con il nuovo nome di Abdul Wahid As Siquili. Il ragazzo, fidanzato con una marocchina, stava per lasciare l'Italia alla volta del Marocco. Voleva andare ad addestrarsi in Afghanistan.

Nell’ambito dell’operazione ‘Niriya’, perquisizioni sono in corso a Cagliari, Milano, Palermo, Pesaro, Salerno e Cuneo nei confronti di altri dieci indagati, tutti gravitanti nella galassia fondamentalista islamica. Le indagini della Digos di Cagliari sono strettamente connesse all’arresto avvenuto il mese scorso a Brescia dell’estremista marocchino Jarmoune Mohamed nel cui computer e’ stato trovato una sorta di sopralluogo virtuale della sinagoga di Milano.


L’operazione che ha portato all’arresto del 28enne pesarese, ha avuto inizio oltre due anni fa nell’ambito dell’attivita’ di monitoraggio degli spazi web che ospitano documenti e video che esaltano il terrorismo di matrice jihadista.







Paul Manoni

24 aprile, 06:37
Oltremodo comico che il TG2 di ieri (13.00), abbia prima fatto partire il servizio su Napolitano in visita alla moschea di Roma, che elogiava la capacità della religione islamica di essere veicolante di valori come pace e fratellanza, e mezzo secondo dopo, abbia fatto partire il servizio su questa operazione antiterrorismo, che vede un fondamentalista islamico come protagonista, intento a preparare attentati dimostrativi. Lo hanno montato benissimo il TG...Bella figurina ci ha fatto Napolitano!
Ad ogni modo non vorrei essere frainteso. Non sto facendo affatto un "di ogni erba un fascio", intendiamoci. Però e' bizzarro il modo in cui vengono date le notizie in questo paese.

Nel 90% dei casi, se si ha a che fare con un convertito, che si cambia il nome, frequenta blog islamici, e si compra un biglietto di sola andata per paesi islamici dove transitare per andare in Afghanistan o Pakistan, dove ci sono i campi di addestramento dei terroristi, quasi sempre si tratta di persone da attenzionare a dovere. E non lo dico io, ma lo dicono le più autorevoli agenzia di intelligence del pianeta.

La vera notizia, secondo me, e' che stavolta l'operazione antiterrorismo, ha riguardato soli cittadini ITALIANI. Meditate gente...Meditate.

Religioni... brutta bestia.
La Bibbia resta cmq il libro che più ha ispirato gli psicopatici di tutto il mondo.
E non lo dico io, lo dicono i più autorevoli criminologi del mondo.

Paul Manoni

24 aprile, 10:39
Dioniso, te lo spiega bene Sigmund Freud il perchè i sedicenti testi sacri, ispirano gli sbarellati assetati di odio di questo pianeta. ;)

Commento modificato il 25 aprile 2012

Ispirerà una minoranza di sbarellati, ma anche una maggioranza di gente.
La stessa maggioranza che si vanta di chiamarsi "civile", anche se spesso non lo è.
E guarda caso non lo è proprio quando si comporta in maniera contraria a quel sedimentato morale umano di cui spesso la religione è stata traghettatrice o confermatrice sotto molti aspetti.
Paradossalmente tutti sembrano dimenticare che le peggiori stragi umane del secolo scorso hanno assommato un numero di morti, di sopraffazioni e distruzioni pari a molti secoli passati: eppure non erano spinti dalla religione, anzi dalla totale estraniazione della religione e la visione dell'uomo fine a se stesso.

Paul Manoni

26 aprile, 06:40
Daniele, pensi che la religione di cui parli non abbia responsabilità nell'acesa al potere di Mussolini? I Patti Lateranensi ed una Chiesa che già lo chiamava "L'uomo della Provvidenza", ti dice nulla?
Pensi che la Chiesa non abbia appoggiato il regime nazista in Germania? Se vuoi ti mostro i documenti.
Pinochet in Cile di chi era grande amico ed a chi ha stretto la mano in mondovisione?
La dittatura di Franco, in Spagna, da chi era voluta e sostenuta?
Videla in Argentina, quello dei 30.000 desaparecidos, non andava forse a braccetto con la Chiesa?
E dimmi, se davvero la religione e' traghettatrice di quel "sedimento morale umano", come te le spieghi le torture, le caccie alle streghe, le inquisizioni, i roghi, le abiure, e le crociate?

A mio avviso, la cantilena ed il mantra di Benedetto XVI che definisce il regime totalitario nazista, un regime Ateo perchè ha escluso dio, devi averla imparata proprio bene. Buffo però che i nazisti avevano la loro bella scritta "Gott mit uns" (dio e' con noi) sulle fibbie delle loro cinte, e che ci fosse una messa ad ogni loro raduno. Eppure il tuo Papa Joseph Aloisius Ratzinger, se lo dovrebbe ricordare bene, visto che nel 1943 faceva parte del personale di supporto alla Luftwaffe come artigliere contraereo.

Io personalmente cerco di ricordarmele tutte le stragi, ed i loro motivi. Anche quelle accadute ben prima dell'ultimo secolo passato. Onestamente però, non mi metterei mai a farne la conta matematica dei morti...Pensi che argomentare le stragi facendone una questione di quantità, possa vagamente servire alleviare il peso sulle coscienze di qualcuno? Io penso di no.

P.S: Non serve un libro obsoleto e superato di millenni da leggere alla lettera o dal quale interpretarne le pratiche semi tribali, per trarre ispirazione e definirsi una persona civile. Sarebbe triste ed avvilente se fossimo ridotti al questo livello. Una ragione tutta tua ce l'hai e basta utilizzarla, senza farsi delegare da altri o da questi libri il suo utilizzo.