<| /yobee 2>

Biagio Antonacci al Palarossini canta l’amore e il degrado politico

Biagio Antonacci 2' di lettura 16/05/2012 - Biagio Antonacci approda al Palarossini e presenta con il nuovo tour il suo ultimo album “Sapessi Dire No” dove accosta all’universo dell’amore brani a carattere politico e sociale.

Sono proprio questi i temi che contraddistinguono il suo ultimo lavoro uscito lo scorso 17 aprile e salito direttamente al n° 1 dei dischi più venduti in Italia.

Il concerto si apre con l’assenza dell’artista dal palco, lui, il cantautore dell’amore apre lo show con la sola voce e un brano rivolto alla classe dirigente del Paese. Sul palco si materializzano le maschere di politici che ballano al ritmo di “Con Infinito Onore”.

Il palco è essenziale: niente effetti speciali ne video-proiezioni, solo una struttura metallica frontale stile industry e una passerella centrale lunga tutto il Palarossini che consente all’artista di arrivare vicino a tutti e di rendere tutti partecipi.

Lo spettacolo prosegue con le note di “Vivi l’avventura” alternando i brani del suo ultimo cd ai pezzi che lo hanno reso noto. Si passa dall’atmosfera di “Cosi presto no” all’energia straripante di “Liberatemi”, dalla melodia di “Iris” alla sensuale “Coccinella” , dal tango di “Alessandra” alla storica “Se io se lei”.

Con lui un entourage minimalista di soli sette elementi: Mattia Bigi al basso, Simone Deusanio al violino, tastiere e fisarmonica, Emiliano Fantuzzi alle chitarre, Gabriele Fersini alla chitarra elettrica, Fabrizio Morganti alla batteria, Gabriella Peretti alle percussioni e Massimo Tagliata al pianoforte, tastiere, flauto traverso e fisarmonica.

Ad arricchire lo spettacolo un gruppo di artisti di strada: ballerini, giocolieri, acrobati si esprimono liberamente attraverso danze, acrobazie e costumi originali donando allo spettacolo ora uno spirito gitano ora una nota magica.

Biagio canta, balla, corre, ammicca, parla, incita e interagisce con il suo pubblico. Non si risparmia dimostrando ogni volta di puntare sul rapporto diretto con lo spettatore. Cattura l'attenzione dei presenti sia nei momenti decisamente rock che in quelli più intimi. Mescola ballate dai suoni puliti, a pezzi dalle sonorità più “sporche” e rock, brani dai toni morbidi ai ritmi dal sapore latino.

Accarezza temi contrastanti quali gioia e dolore, sogno e paura, rabbia e serenità, fino a spunti di riflessione sull’attualità e la politica.

Un ritorno gradito al pubblico delle Marche, quello di Biagio Antonacci che regala ai suoi fan oltre 2 ore di spettacolo salutandolo sulle note dell'attuale singolo "Ti dedico tutto".








Questo è un articolo pubblicato il 16-05-2012 alle 07:43 sul giornale del 17 maggio 2012 - 9222 letture

In questo articolo si parla di ancona, martina moroni, spettacoli, palarossini, biagio antonacci

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/y7k





logoEV