Idv Senigallia: 'Solidarietà e fiducia al presidente del consiglio Enzo Monachesi'

idv senigallia logo 1' di lettura 12/07/2012 - L’Idv Senigallia esprime massima solidarietà e fiducia al presidente del Consiglio comunale Enzo Monachesi che negli ultimi giorni ha subito una vera e propria campagna mediatico-politica per offuscare il suo buon lavoro di garante delle Istituzioni cittadine.

La critica d’opposizione, legittima, non è politicamente corretta quando si mescolano più piani, in particolare il piano politico e quello lavorativo, in modo demagogico e superficiale. Si invitano tutte le forze politiche rappresentanti della città a parlare quindi con cognizione di causa di promozione turistica e non di alimentare polemiche vuote.

Anche perché promuovere qualità nel turismo è un obiettivo facile da enunciare ma piuttosto complicato da raggiungere. E Senigallia sta promuovendo il suo territorio con qualità e sviluppo per il suo tessuto sociale nonostante la recessione economica che attanaglia il Paese.

L’eccellenza della programmazione e organizzazione della città per la stagione estiva rende il turismo un’attività di alto profilo e uno strumento per mantenere viva la città rivelandosi anche un ammortizzatore sociale vero e proprio per i soggetti e le famiglie di Senigallia. Offuscare gli spiriti creativi capaci di trasformarlo da capitale morto a risorsa viva per attaccare l’Amministrazione comunale è poco lungimirante.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-07-2012 alle 10:15 sul giornale del 13 luglio 2012 - 5771 letture

In questo articolo si parla di politica, senigallia, italia dei valori, idv senigallia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Bv8


Pablo Utente Vip

12 luglio, 11:34
Ok la solidarietà (pressoché d'obbligo) ma neanche in questo comunicato leggo le risposte ai dubbi sollevati da Mariangela e da Roberto Paradisi. Lungi da me (che non rappresento 'na mazza) qualsiasi voglia di offuscare il meritorio lavoro del Presidente del Consiglio cittadino, volto anche alla promozione turistica della città (nel mio infinitesimamente piccolo mi agito come posso, e come mi è concesso fare, nell'ambito di "estati solidali", e mi basta), ma più di qualche dubbio rimarrà tale anche dopo questo comunicato. Mi aspettavo un cosa più puntuale.

Sì hai ragione Pablo.
Sembrano le spiegazioni di Fini sull'affaire Montecarlo

Pablo Utente Vip

13 luglio, 09:06

Off-topic

Off topic: saranno felici, gli amici dell'Idv, dell'inaspettato cambio di fronte ma, Sig. melgaco, sarà su questo che verterà la campagna elettorale del suo sempre redivivo Silvio? Va a scuola da Sallusti o da Belpietro? La stima che nutro nei suoi confronti mi fa evitare di citare Emilio, fra i potenziali maestri.

Considerato che viene da un partito che fa della legalità la sua bandiera, fa un pò uno strano effetto leggere questo comunicato.

Le dichiarazioni di Paradisi non sembravano "polemiche vuote", ma precise, puntuali e imbarazzanti (per Monachesi) osservazioni. Questo comunicato è ancor più imbarazzante per l'IDV perchè con grande attenzione evita di dare risposte entrando nel merito e parlando nel "politichese" più stucchevole; ciò dimostra che l'IDV è in difficolta e non sa che cosa rispondere.

L'IDV di Senigallia è un pò penoso... C'è un conflitto di interessi grosso come una casa ma in questo caso non lo vedono. Per questo è anni che ho smesso di seguire, insieme al PD, anche questo partito.

Paradisi lancia un'accusa ben dettagliata e per rispondergli Monachesi fa un clamoroso autogol.
Nel tentativo di difendere l'indifendibile, l'IdV esce con questo comunicato stampa che non dice nulla se non alimentare ulteriormente le polemiche e screditare il partito stesso.
Avrebbero fatto meglio a tacere: ennesimo autogol.

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Carino questo comunicato del PDL

Roberto Fornaroli

13 luglio, 18:03
In questo link ( http://www.viveresenigallia.it/index.php?page=articolo&articolo_id=360944 ), è possibile leggere una precedente "difesa" del personaggio in questione, che "si difendeva" dicendo così:
"Negli ultimi 13 anni ho preso tantissime multe e sono stato controllato in continuazione" (si tratta di un virgolettato ripreso "pari-pari" dall'articolo...).

Ora... non so da quando "aver preso tantissime multe" sia diventato un "titolo di merito" e... "pensavo" che le MULTE venissero fatte a chi commette delle INFRAZIONI (per cui... mi veniva naturale associare il concetto di "tantissime multe" a quello di "tantissime infrazioni"), ma...
... evidentemente, nel comune del "vuolsi così colà dove si puote / ciò che si vuole e più non dimandare", succede anche che le multe diventino una specie di "medaglie al valore", in base alle quali, maggiore è il numero di multe che una persona ha ricevuto, più alta è la carica che quella persona arriva a ricoprire...

L' "amministrazione comunale", a livello locale, si dimostra e si conferma, una volta di più, sempre più simile a quello che era, a livello nazionale, l'ex "governo"(ed a scriverlo è una persona che, per il precedente "governo", provava, e prova tuttora, SCHIFO e VERGOGNA...).

Roberto Fornaroli

IDV SENIGALLIA esprime solidarietà ad Enzo Monachesi? Che cosa di altro poteva fare se non far quadrato?
Forse chiarirci meglio i dubbi che il Monachesi non ha chiarito e sollevati da Mariangela e Roberto!
Il comunicato IDV parla di un Monachesi "sotto attacco" con una campagna mediatico-politica e senza cognizione di causa.
A dire il vero io leggo i documenti che sono ormai pubblici e pare chiaro che di cognizione di causa ce ne sia parecchia.

@ Robero Fornaroli
Non voglio entrare nella polemica, ma dato che ho raccolto io le dichiarazioni di Monachesi credo sia dovuto un chiarimento.
Paradisi ha accusato Monachesi di essere protetto dalle multe per il suo ruolo istituzionale. Monachesi ha risposto che lui di multe ne ha prese molte quando, per una scelta politica di disobbedienza civile, la sua categoria aveva scelto di non rispettare alcune regole. Monachesi ha anche specificato che ha pagato tutte le multe e che successivamente in tribunale per quelle vicende è stato assolto.

Caro Michele, prendi maggiori informazioni per completare la tua inchiesta giornalistica.
Monachesi tra le varie multe, che ha preso e pagato, ve ne sono alcune che riguardano abusi edilizi, diffide da parte degli organi competenti a permettere che terzi continuassero ad utilizzare spazi del demanio a lui concessi e guarda caso il terzo che utilizzava quegli spazi a lui concessi era proprio il bar Mascalzone che di certo non li utilizzava per mettere scivoli ed altalene per bambini bensì per uso commerciale.

Detto questo, le scelta politica di disobbedienza civile che lo avrebbe portato a non rispettare le regole è alquanto dicutibile

Non ho fatto nessuna inchiesta, mi sono limitato a raccogliere una dichiarazione, a riportarla e ha spiegarla perché mi sembrava che fosse stata travisata e decontestualizzata.

Non intendo esprimere giudizi sull'operato del Presidente del Consiglio. Non è la linea editoriale del nostro giornale che si limita a riportare fatti ed opinioni.

Io ho semplicemente letto i documenti allegati alla denuncia del consigliere Paradisi e di conseguenza mi sono fatto la mia idea basata su fatti accaduti e lungi da me l'intenzione dare consigli o criticare la vs linea editoriale bensì quella di invitare la gente a leggere le carte prima di esprimere giudizi o idee.
Senza dubbio credo di poter criticare la nota dell'IDV di Senigallia che tanto di politichese odora.

Esatto. VS esiste proprio perché tu possa fare quello che dici qui sopra.

E per chiarezza Michele, Paradisi non ha accusato Monachesi di essere protetto dalle multe per il ruolo che ricopre bensì di godere di favoritismi, avendo chiesto ed ottenuto il permesso di fare serate musicali, e questa autorizzazione arrivava proprio pochi giorni dopo che ill bar mascalzone a lui consorziato era stato raggiunto da un ordine di stop per 20 giorni perchè trovato fuori dai limiti dall'arpam e ci ha raccontato la cosa con una chiave di lettura, da me condivisa, di "raggiro dei divieti" riuscendo a stare comunque nelle regole.
Tutto questo fatto da un rappresentante delle istituzioni della città lascia pensare.