Frecce Tricolori a Senigallia, 50 mila persone in tutto il litorale con il naso all'insù

04/08/2012 - Oltre 50 mila presenze in tutto il litorale senigalliese con il naso all'insù per due ore per il “Senigallia Air Show”. Foto e Video.

La manifestazione, organizzata dall’aeroclub di Ancona, sabato ha tenuto con gli occhi puntati al cielo tra incredulità, entusiasmo e ammirazione senigalliesi e turisti provenienti da tutta Italia, Europa, Svezia e Stati Uniti. Dalle 16 alle 18 il cielo e il mare di Senigallia, dopo due anni di assenza, sono tornati a tingersi del tricolore con l’esibizione della Pattuglia Acrobatica Nazionale - Frecce Tricolori. E per la prima volta sulla Rotonda a Mare. Ogni angolo dei tre lungomari ma anche la spiaggia, il porto e le abitazioni private sono state invase già dalle prime ore del mattino da appassionati e curiosi che non volevano rinunciare allo spettacolo della Pattuglia Acrobatica Nazionale più famosa al mondo.

“E' sempre uno spettacolo assistere ad una loro esibizione- dichiara Catia- Sono bravissimi”. “Ogni volta che assisto ad un loro spettacolo resto senza parole- conferma Riccardo- Sono bravi e lavorano in sicurezza”. L'entusiamo e l'ammirazione delle oltre 50 mila persone presenti in tutto il litorale senigalliese sono evidenti per tutte le due ore di show. Non solo Frecce Tricolori però nell'evento di sabato, in concomitanza del 68° anniversario della Liberazione della città.

Il “Senigallia Air Show”, commentato per tutto il tempo da uno speaker alla Rotonda a Mare, prima delle esibizioni della Pattuglia Acrobatica Nazionale - Frecce Tricolori ha offerto ai presenti anche la simulazione di un salvataggio in mare con l'HH3F – elicottero Aeronautica Militare. Inevitabili e scontati gli schizzi d'acqua che hanno bagnato i presenti tra la gioia dei più piccoli e il fiato sospeso dei più grandi. “Sembra appoggiato sull'acqua”- l'entusiasmo e l'ammirazione di chi per la prima volta assisteva ad un intervento di salvataggio in mare.

Saltate invece a causa del vento, prima dell'attesa esibizione delle Frecce Tricolore introdotte dall'inno di Mameli e il passaggio dell'elicottero con la bandiera italiana, alcune esibizioni in programma che prevedeva tra gli altri il lancio dei Paracadutisti Fano e le esibizioni di ultraleggeri e altri aerei. Un applauso convinto e un saluto con i cappellini o i foulard hanno salutato le Frecce Tricolore che hanno lasciato una lunga scia tricolore sopra la spiaggia di Velluto.

Inevitabile il disagio per gli automobilisti che si sono trovati a fare i conti con le numerose modifiche alla viabilità, dal traffico interdetto sui lungomari al divieto di sosta. A farne le spese la strada statale Adriatica e viale Leopardi dove è stato convogliato tutto il traffico ma senza grandi problemi.








Questo è un articolo pubblicato il 04-08-2012 alle 20:59 sul giornale del 06 agosto 2012 - 11420 letture

In questo articolo si parla di attualità, rotonda, senigallia, frecce tricolori, Sudani Alice Scarpini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/CvO


Veramente un bello spettacolo (anche se l'ho visto con mezzo occhio), a dimostrazione che quando possibili strumenti d'offesa si usano per scopi pacifici (o per aiutare, come nella prova di salvataggio), l'uomo da il meglio di se.
Bravi ragazzi, complimenti.

Difesa. Si chiama difesa. Non offesa.

Maggiore Fantasma

06 agosto, 12:49
Frecce TricolorI, non TricolorE! :-) Grazie!

Allora precisiamo.
Difesa se li usi sul tuo territtorio, offesa se li usi in terra straniera.