Apre Zona Vissani, il nuovo locale del pluripremiato chef di Baschi

09/08/2012 - Nel regno di Cedroni e Uliassi sbarca anche Vissani. E' una concorrenza culinaria del tutto eccezionale quella che si è aperta ieri sulla spiaggia di velluto. Alle 19 ha ufficialmente aperto i battenti Zona Vissani, il nuovo bar che porta la firma del noto chef, anche lui protagonista sulla Guida del Gambero Rosso e conquistatore delle Stelle Michelin.

Senigallia, che venta già i due ristoranti di Mauro Uliassi e di Moreno Cedroni sempre premiati dalle Stelle Michelin, aggiunge metaforicamente un'altra stella alla propria offerta culinaria d'eccezione. La nuova avventura ha un gancio tutto senigalliese, quello dell'imprenditore Stefano Bartolini, titolare di diversi negozi di abbiamento in città. Nei mesi scorsi Bartolini e Vissani hanno lavorato a stretto contatto per arrivare all'inaugurazione del nuovo locale in via Cesare Battisti 56. Per entrambi lavorare in “concorrenza” con Uliassi e Cedroni (quest'ultimo titolare anche del bar Anikò in piazza Saffi) è stato uno stimolo in più.

“Abbiamo voluto lanciare un nuovo concept, non un semplice locale. Questa è la vera sfida -spiega Bartolini- vogliamo fare un discorso serio sulla qualità e per questo abbiamo puntato moltissimo sulle eccellenze, sia marchigiane che nazionali. La formula del locale è variegata: si va dalle colazioni a partire dalle 7 del mattino passando per gli aperitivi, pranzi, cene a anche agli after dinner fino all'una di notte".

Nel piano sotterraneo al bar è stato realizzato anche uno spazio da 120 metri quadrati dedicato all'abbigliamento e all'high tech. Se Vissani ha curato passo passo l'impostazione gastronomica del bar-ristorante, di tutto rispetto lo staff che accoglierà i clienti. Con lo chef di Baschi, lavorano in laboratorio e alla pasticceria la sorella Paola e Mario Alò, storico collaboratore ai fornelli di Vissani, che si dedicherà al banco e alle preparazioni a vista. A dirigere il tutto sarà un altro uomo di fiducia di Vissani, Goffredo D'Andrea. Attraente l'organizzazione quotidiana proposta da Zona Vissani.

La colazione sarà in stile Vissani, con gusto e raffinatezza con le immancabili brioches. Poi c'è l'ora del lunch-brunch da gustare sia all'aperto che ai tavoli interni, per proseguire con le merende a base di dolci e salati, tè e cioccolato e quant'altro. L'aperitivo arriva con la formula dell'happy hour da 8 euro, arricchita anche dalla possibilità di scegliere anche dal banco a vista del sushi. Anche la cena propomette prelibatezze tutte garantite dal marchio Vissani.

Al taglio del nastro, oltra al sindaco Mangialardi e al suo vice Memè, anche tanti curiosi e addetti del settore.






Questo è un articolo pubblicato il 09-08-2012 alle 19:19 sul giornale del 10 agosto 2012 - 10288 letture

In questo articolo si parla di attualità, giulia mancinelli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/CHb


Oh mamma mia.
L'idea in se non mi spiace affatto: anche se al momento c'era un sano "armistizio" tra Cedroni e Uliassi (in puro ordine alfabetico) che stranamente sembrava essere stato positivo per i due, e pure per la città che viene sempre citata in diversi programmi nazionali.
Di certo costoro sono di chiara matrice "locale", Vissani logicamente no: e temo che, a parte all'inizio, la cosa si potrà far sentire nel proseguio.
In ogni caso un altro locale in cui giocoforza non entrero' mai: e al momento sopravvivo benissimo.

alk Utente Vip

10 agosto, 11:12
Commento con una canzone di Fabio Concato...TUTTO QUA!nella parte in cui dice "Serve immaginare per comprendere...."

ghost Utente Vip

10 agosto, 12:24
Non mangerei da Vissani neanche se fosse l'ultimo chef del mondo. Ho lavorato tanti anni nei ristoranti, anche in diversi di prima categoria e adesso, alla mia veneranda età, preferisco di gran lunga un bel panino con la porchetta e un bicchiere di vino rosso.

Vissani è stato criticato alquanto sulle guide espresso.

Per quelle cifre (come uliassi e cedroni) sarebbe il caso di aspettarsi anche delle location migliori, heinz beck docet.