Manifestazione nazionale degli operatori balneari, modifiche alla viabilità

divieto di accesso 2' di lettura 08/10/2012 - Senigallia ospiterà martedì 9 ottobre, una manifestazione nazionale organizzata dal Sindacato Italiano Balneari di Confcommercio e alla quale parteciperanno le principali associazioni di categoria degli operatori balneari.

Già nel pomeriggio di lunedì 8 ottobre, è previsto alle ore 15.30 un appuntamento tecnico presso la Rotonda a mare, dove si svolgerà una riunione di Giunta delle sigle nazionali di riferimento degli operatori (oltre a SIB anche FIBA-Confesercenti e probabilmente Assobalneari di Confindustria).

La manifestazione principale è comunque prevista per la mattinata di martedì 9: i partecipanti si raduneranno alle ore 10 sul piazzale della Libertà, davanti alla stessa Rotonda, per formare un corteo che sfilerà lungo il sottopasso di viale Quattro Novembre per dirigersi lungo via Chiostergi, piazza del Duca e via Manni, fino a raggiungere la piazza del Foro Annonario, ove è prevista una iniziativa collegiale a partire dalle ore 11 circa. In questa sede interverrà a portare il saluto della città anche il Sindaco di Senigallia, Maurizio Mangialardi.

Durante il passaggio del corteo verrà naturalmente sospesa la circolazione sulle strade interessate, deviando il traffico sulle vie limitrofe per il tempo strettamente necessario al passaggio della sfilata. Questa disposizione è contenuta nell’ordinanza (la n° 443/2012) appositamente istituita per permettere il regolare svolgimento della manifestazione. Lo stesso atto contiene anche altre due previsioni: lo spostamento del mercato in piazza Manni, così da lasciare libero il Foro, e la riserva del piazzale Morandi per la sosta dei veicoli dei partecipanti che raggiungeranno Senigallia con mezzi propri (sono previsti anche numerosi pullman, una decina circa, che saranno collocati nei parcheggi di via Podesti). Il divieto di sosta su piazza Manni sarà in vigore dalle ore 4 alle 15, mentre quello su piazzale Morandi andrà dalle ore 8 alle 22.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-10-2012 alle 14:34 sul giornale del 09 ottobre 2012 - 2601 letture

In questo articolo si parla di attualità, comune di senigallia, senigallia, divieto

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/EF7


Attendo con trepidazione le foto in maglietta, calzoncini e ciabatte, tutto rigorosamente in rosso, del Presidente Monachesi. Non c'entrano un fico secco con il salvataggio, ma vuoi mettere con un look così in ?
ps : dopo aver portato i saluti, solidarizzerà anche il Sindaco in divisa "bagnina" e fascia tricolore ?

Un sindaco non dovrebbe solidarizzare con una qualsiasi categoria. La categoria, per definizione, non è il popolo. La categoria è tenuta insieme dall'interesse proprio. Non dall'interesse dei cittadini (quello sì che è l'unico interesse con cui dovrebbe solidarizzare il sindaco).
Men che meno con una categoria che protesta contro una norma. Mi aspetterei che il sindaco difenda, semmai, la norma.
A meno che il sindaco e il Comune non vogliano mantenere il controllo assoluto sulle concessioni, concedendole a chi gli pare e non a chi fa un'offerta migliore in una gara imparziale e trasparente.

radom Utente Vip

09 ottobre, 09:30
La cosa curiosa è che quando si parla di concessione di frequenze televisive, allora tutti urlano, Di Pietro in testa, alla gara, alla gara, tanto i voti di mediaset non li prendono.

Quando è ora di parlare invece di concessioni balneari allora Di Pietro urla no alla gara!! magari perchè prende qualche voto dai bagnini.

Credo che l'IDV si giochi la faccia per molto poco.

Commento sconsigliato, leggilo comunque

La considerazione di radom è pienamente condivisibile e dà il senso della coerenza di qualcuno...

Stefano alessandroni

09 ottobre, 15:03
Nessuno di voi ha un genitore, un nonno o comunque una persona cara che fa il "bagnino".. vero??

radom Utente Vip

09 ottobre, 19:49
No, però abbiamo tutti parenti che pagano le tasse!

valter morganti

09 ottobre, 20:04
ma chi dice che qualcuno non paghi le tasse...ma cosa avete in testa, gli studi di settore non lasciano scappatoie.
Te lo garantisce uno che come balneare le paga eccome e sinceramente sono felice e a posto....l'unico dubbio che ho e che piu gliene diamo e più ne sprecano.

stefano alessandroni

10 ottobre, 09:58
random, ma tu sei in grado di dimostrare che tutti i bagnini non pagano le tasse? perche' non sei venuto alla manifestazione di martedi' a dire che i bagnini non pagano le tasse? e se io andassi in giro a dire che tu non paghi le tasse? facile cosi' vero? io quest'anno a causa di una disgrazia capitata a mio zia ho aiutato mio zio nella gestione dei bagni, ti posso assicurare che ti sbagli di grosso!!

radom Utente Vip

10 ottobre, 13:52
In nessun commento ho mai affermato che tutti i bagnini evadono. Ho sempre detto, e lo riconfermo perchè anche quest'anno non ho visto uno straccio di ricevuta, che nella categoria esiste evasione ed elusione.

Per quanto riguarda il resto basta guardare le dichiarazioni dei redditi, delle attività e dei singoli, confrontandole con il tenore di vita, e ci si accorge della differenza.

Se non bastasse qualcuno mi deve spiegare perchè per un'azienda che consente un guadagno di ventimila euro, quando va bene, a stagione, si chiedono dai 200.000,00 ai 300.000,00 euro a seconda della posizione.

Poi i casi singoli ognuno se li gestisce come meglio crede.

Puoi anche dire che io le tasse non le pago, ma se dovesse occorrere sarei invece in grado di dimostrare l'esatto contrario, visto che me le prelevano fino all'ultimo centesimo.

stefano alessandroni

10 ottobre, 19:39
perche' non la richiedevi la ricevuta? ora tutti contro i bagnini, come se fossero una categoria di delinquenti o chissa' che cosa...Quanti bagnini o singoli cittadini saranno disposti a partecipare ad aste di migliaia di euro? quindi aspettatevi che arrivino le multinazionali o la malavita ad investire sulle nostre spiaggie, perche' e' cosi' che andra' a finire, e poi vediamo se faranno le ricevute o forniranno gli stessi servizi che vengono forniti adesso! pero' l'importante e' che i bagnini che hanno lavorato una vita nelle loro piccole imprese familiari vadano a casa.... contenti voi!




logoEV