La Fileni BPA torna alla vittoria, ma Pistoia ci crede fino in fondo

Maggioli 5' di lettura 24/12/2012 - Dieci punti di differenza in classifica non sono mica noccioline, anche se l’avversaria non nasconde qualche acciacco, Graves alla vigilia del match è in forte dubbio, Galanda non è al top e non c’è Saccaggi. Di fronte una Fileni BPA finalmente completa, con il recuperato Valentini e, soprattutto col nuovo acquisto Zanelli.

Inutile dirlo: sono due punti importanti per entrambe; Pistoia vuole mantenere la vetta, dopo l’anticipo vincente dell’antagonista Scafati e dopo il -17 di Barcellona sa di non potersi permettere un nuovo stop, Jesi per riconquistare il proprio pubblico, che attende una vittoria casalinga dalla prima di campionato e muovere una classifica da troppo bloccata. Cioppi inizia il match con Maggioli, Hoover, Sanders, Valentini, Griffin, lasciando in panchina il nuovo acquiato Zanelli; Moretti con Meini, Toppo, Galanda, Hicks, Graves. Il primo quarto è uno stillicidio per la Giorgio Tesi Group, ben 8 palle perse in totale ed un allarmante 4/17 complessivo al tiro; per non parlare di -3 in valutazione da incubo. La Fileni BPA mette energia in difesa, con il rientrante Valentini che lavora sodo per isolare dal gioco Hicks, ed i risultati si vedono il panamense chiude il quarto a 0 punti, collezionando 3 palle perse. La squadra di casa sbaglia meno, e soprattutto eccelle nelle recuperate, come si potrebbe supporre. Sta di fatto che arriva a collezionare già il +12, al primo riposo e c’è spazio anche per la prima tripla di Zanelli. La partita di Graves dura appena 5’; Moretti lo richiama in panchina, un problema non da poco per il tecnico toscano. Nel secondo quarto Pistoia rientra in partita: Hicks fa impazzire Valentini e Zanelli e colleziona qualcosa come 12 punti e 4 rimbalzi offensivi che riesce a capitalizzare come meglio potrebbe. E così, dopo essersi trovata di nuovo al massimo svantaggio, -12 a 8’27”, Pistoia si ricorda di essere una delle prime della classe, e comincia a giocare da tale; non sono solamente i 12 punti di Hicks a riportarla in carreggiata, ma anche il lavoro di Cortese e Meini. Sciupa maldestramente la palla del -2 con Cortese, e Sanders la punisce proprio un attimo prima della sirena. Squadre al riposo sul 43-37.

Il – 2 arriva comunque ad inizio di terzo quarto, grazie a 4 punti consecutivi di Toppo e Galanda. In realtà la Fileni BPA riesce a tenere botta, mantenendosi in vantaggio per tutto il terzo periodo; poi il nervosismo tradisce Hoover, al quale viene fischiato un fallo tecnico, mentre siede in panchina. Pistoia ne approfitta solo a metà, perché Hicks mette i due liberi, ma perde palla sul possesso successivo. Santiangeli, oggi più concreto che in altre occasioni, tira fuori dal cilindro due triple che ristabiliscono le distanze; all’ultimo riposo 62-54, con la squadra di Cioppi che mantiene ancora saldamente in mano il match. L’ultimo quarto è inguardabile, per lo meno dopo 3 quarti di buon livello; il primo canestro arriva dopo 3’45” grazie a Toppo (56-62); nel frattempo Meini Toppo e Hoover toccano il loro quarto fallo. A 3’36” dalla sirena gli arbitri confezionano una mezza frittata: quarto fallo a Griffin e fallo tecnico allo stesso per una protesta apparsa non abbastanza grave. Per lui partita finita, per Pistoia il primo sorpasso del match, grazie ad un perentorio 5-0 (3/4 dalla lunetta Galanda e canestro di Cortese). Ma la Fileni BPA non si smarrisce: Hoover si conquista subito un fallo, discutibile anche questa “fischiata”, mette due liberi, poi Hicks segna il suo unico canestro dell’ultimo quarto. Ancora Pistoia in vantaggio di 3. La zampata di Maggioli a 1’58” porta Jesi sul -1, e Cortese, nell’azione seguente, non approfitta appieno del 5° fallo di Sanders, mettendo un solo libero (70-72). A 34” dalla fine Maggioli in lunetta impatta, ed è Hoover a segnare i due punti decisivi a 3”. Non è finita, time-out per Moretti e rimessa in attacco: 3” sono una eternità; il tecnico ospite fa lavorare la squadra per liberare Hicks, nell’attacco precedente l’errore era stato di Galanda, ma il panamense, arrivato visibilmente stanco a fine match, lascia partire un tiro fiacco, che arriva appena a toccare il ferro. Jesi torna alla vittoria dopo 4 stop consecutivi, Pistoia subisce la seconda sconfitta di fila, ma Moretti, al di là di tutto torna a Pistoia con la consapevolezza di aver avuto una prova d’orgoglio dai suoi. E come basket insegna, è mancato davvero poco, perché riuscisse a portare a casa i due punti.

FILENI BPA-GIORGIO TESI GROUP PISTOIA 74-72

Fileni BPA Jesi: Colonnelli, Maggioli 23, Battisti n.e., Hoover 4, Valentini 7, Bargnesi n.e., Gaspardo, Zanelli 5, Griffin 13, Sanders 11, Santiangeli 11, Dolic n.e. All.: Cioppi.

Giorgio Tesi Group Pistoia: Della Rosa n.e., Grillini n.e., Meini 7, Alibegovic 3, Toppo 9, Borra 4, Galanda 19, Hicks 18, Cortese 12, Graves. All.: Moretti.

Arbitri: Pascotto, Boscolo, Cappello.
Parziali: 20-8; 23-29; 19-17; 12-18
Spettatori:2349

Note: Prima del match Michele Maggioli consegna un mazzo di fiori ai familiari di “Karl” Massimiliano Pasquinelli, giovane tifoso della Fileni BPA, scomparso nei giorni scorsi.








Questo è un articolo pubblicato il 24-12-2012 alle 11:13 sul giornale del 27 dicembre 2012 - 1099 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/HDg