Castelpanio: l'arte incontra l'arte. Bramati presenta Coaloa

Simona Bramati 2' di lettura 27/12/2012 - Venerdì 28 dicembre, ore 18 a Castelplanio (Ancona), nella Casa-Studio di Simona Bramati, in via don Luigi Sturzo, n. 4, «Come muore un Imperatore. Dialogo intorno alla morte tra un’artista e uno storico». La pittrice Simona Bramati, giovane protagonista dell’arte italiana, conversa con lo storico Roberto Coaloa, autore di «Carlo d’Asburgo, l’ultimo Imperatore».

Un viaggio, attraverso il passato e le rappresentazioni del sonno eterno, sugli ultimi attimi di Carlo V e del Beato Carlo d’Austria, che spirò a soli trentaquattro anni, in esilio nell’isola di Madera, riecheggiando gli ultimi momenti del più grande degli Asburgo. Una riflessione sull’esistenza e la fine dei Grandi, che coinvolgerà altri storici e artisti, in un dialogo a più voci, rimandando alle incisioni di Sedelmaijr sulla Morte con falce e clessidra (che ispirarono la più famosa orazione italiana del Settecento, quella di Domenico Silvio Passionei) alle recenti opere di Simona Bramati, che racconta la realtà e la morte utilizzando il linguaggio del Mito.

Simona Bramati.

Nata a Jesi, vive e lavora a Castelplanio (AN). Artista marchigiana. È laureata in pittura all’Accademia di Belle Arti d’Urbino e diplomata all’Istituto Statale d’Arte di Jesi e al Corso di Perfezionamento (sez. disegno animato) presso la Scuola del Libro di Urbino. La partecipazione alla Biennale di Venezia nel Padiglione Italia regione Marche segue le importanti partecipazioni a grandi mostre come “Il Male, esercizi di pittura crudele” (Torino, 2005), e “Arte Italiana 1968-2007, Pittura” (Palazzo Reale - Milano, 2007). La sua personale “Lachesi, la filatrice del destino” a Palazzo della Signoria di Jesi nel 2008 ha totalizzato oltre 6500 visitatori in tre settimane riscuotendo l’interesse della stampa nazionale. Tra le sue personali “Il peso di un giorno oscuro” (Genova, 2010). Ha vinto il Premio Internazionale d’Arte “Satura Prize 2010”. A Venezia la sua ultima mostra personale "Indiscrezioni" (Giudecca 795 Art Gallery, 2011), curata da Beatrice Buscaroli, ha ottenuto un grande successo.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-12-2012 alle 10:32 sul giornale del 28 dicembre 2012 - 1025 letture

In questo articolo si parla di cultura

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/HE1





logoEV