L'IdV delle Marche abbandona Di Pietro e passa con Diritti e Libertà di Donadi

1' di lettura 30/12/2012 - La maggior parte dei membri dell'Italia dei Valori delle Marche esce dal partito per aderire al nuovo movimento di Massimo Donati Diritti e Libertà. "Dobbiamo rispettare il mandato che ci è stato dato dagli elettori - spiega il presidente del consiglio comunale di Senigallia Enzo Monachesi che è quello di restare nel centrosinistra".

Non tutti gli esponenti dell'IDV regionale lasceranno Di Pietro, ma domenica mattina, in una conferenza stampata convocata in tutta fretta si sono dati appuntamento l'on. David Favia, l’'assessore regionale Paolo Eusebi, la vicepresidente del consiglio regionale Paola Giorgi, i consiglieri comunali del Comune di Ancona Daniele Tagliacozzo e Daniele Micheli, l’assessore alla sicurezza del comune capoluogo Roberto Signorini, il presidente del Consiglio comunale di Senigallia Enzo Monachesi e altri amministratori e dirigenti dell’'Italia dei Valori per comunicare la loro uscita dall'IdV e l'adesione a Diritti e Libertà.

"Non possiamo seguire la strada scelta dal solo Di Pietro di non presentare il simbolo dell'Idv ma di presentarsi insime a De Magistris ed Ingroia - ha spiegato Monachesi - ma dobbiamo seguire il mandato degli elettori, quello in virtù del quale stiamo governando la regione insieme al PD e a SEL, come nella foto di Vasto".

Diritti e Libertà si presenterà alle elezioni con il proprio simbolo e nella stessa coalizioni di SEL e PD.






Questo è un articolo pubblicato il 30-12-2012 alle 17:23 sul giornale del 31 dicembre 2012 - 2610 letture

In questo articolo si parla di michele pinto, politica, enzo monachesi, idv, diritti e libertà

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/HKP


Stanotte dormirò più sereno!

E' tutto calcolato.
Nel senso che è tutto un calcolo.
Di poltrone.

Finalmente!!!
Dopo aver sfogliato a lungo la margherita il caimano Favia torna alle origini. Fu lui a fondare Forza Italia nelle Marche e ora, coerentemente, anche la sua "nuova" formazione sa molto di.....Popolo delle Libertà.

----- Original Message -----

Che poveracci!!! e poi Monachesi deve rispettare il mandato degli elettori.....non conosce vergogna.

Viva il balleto macabro delle poltrone!!!

Angelo D.

31 dicembre, 14:46
Commento sconsigliato, leggilo comunque

quella coalizione che si è presentata all'Idv dicendo se volete star con noi eliminate a DPietro prima

radom Utente Vip

31 dicembre, 15:03
Dagli Appennini alle Ande, basta trovare una poltrona su cui adagiare il posteriore.

Mi ricorda un film già visto, sempre poco prima delle elezioni.

Tratto da qui:
http://temi.repubblica.it/micromega-online/c%E2%80%99e-del-marcio-in-danimarca-l%E2%80%99italia-dei-valori-regione-per-regione/

"....Nel febbraio 2008, infine, quando Clemente Mastella aveva da poco fatto cadere il secondo governo Prodi e il suo screditato partito cominciava a perdere pezzi, Favia entrava in Idv, e Di Pietro lo candidava immediatamente alla Camera dei deputati, secondo nome in lista nel collegio delle Marche...."

Franco

01 gennaio, 10:34
Commento sconsigliato, leggilo comunque

ha ragione franchino, tutto populismo, la verità è che Monachesi ha solo seguito i bagnini, per resto segue Favia (che la su base elettorale post-ideologica che lo vota dovunque stia) ed in comune è stato il notaio della maggioranza con Canti megafono "idv" del Sindaco; quelli che dissentivano o volevano un partito con più spina dorsale son usciti