Complanare: Mangialardi, 'Nessun problema, a Pasqua l'inaugurazione della prima bretella'

maurizio mangialardi 20/01/2013 - Nessun dubbio sull'apertura ormai imminente della prima delle due bretelle in complanare che collegheranno nord-sud la città. A fugare possibili dubbi su eventuali slittamenti di tempi di consegna dell'importante arteria viaria alla città da Società Autostrade è il sindaco Maurizio Mangialardi.

“Non ci sono problemi di alcun genere, la prima bretella è pronta, mancano solo alcuni piccoli interventi finali e presto procederemo con l'apertura”. Il primo cittadino rassicura i cittadini dopo lo slittamento dei tempi di inaugurazione inizialmente annunciati per Natale e poi per l'inizio del 2013. Un rinvio che, con i tempi di crisi che corrono e con i maggiori cantieri cittadini bloccati, aveva fatto preoccupare. Ma si tratta solo di “apprensioni ingiustificate”.

“Non c'era mai stata una data stabilita -tiene a precisare il sindaco Maurizio Mangialardi- ovviamente sono diversi i soggetti coinvolti nell'apertura della bretella, a cominciare da Società Autostrade e dunque occorre individuare anche il momento più adatto per tutti, stando anche alle disponibilità dei vari enti”. Per ultimare la prima bretella che va da Strada della Marina fino al nuovo casello autostradale mancano solo gli ultimi raccordi alla viabilità ordinaria come quelli su via Po e su strada della Marina. Stando agli ultimi aggiornamenti degli incontri fra Società Autostrade e il Comune, la data su cui si sta lavorando per arrivare all'inaugurazione è quella della Pasqua. Una data tra l'altro non casuale che ricorderebbe quella dell'apertura del nuovo casello, due anni fa, primo tassello del maxi intervento viario di Società Autostrade che vede anche l'ampliamento della terza corsia dell'A14.

“I tempi ormai sono maturi e direi che per primavera la prima bretella potrà essere aperta -assicura il primo cittadino- con questa bretella verrà rivoluzionato il traffico di attraversamento nord-ovest e con l'entroterra grazie ai collegamenti con le provinciali arceviese e corinaldese ma per beneficiare degli effetti definitivi, che alleggeriranno il traffico dalla statale, occorrerà attendere il completamento dell'opera con l'apertura della seconda bretella”.

I lavori alla seconda complanare, che va dal nuovo casello al Ciarnin stanno procedendo secondo il cronoprogramma e la sua apertura è prevista entro il prossimo anno. In quanto alla prima bretella, il problema principale riguarda la “gestione”. Il comune infatti punta ad affidare la gestione all'Anas. “Bisognerà decidere la competenza della nuova arteria -aggiunge Mangialardi- per il momento ci stiamo muovendo per una presa in consegna provvisoria, poi decideremo con l'Anas e Società Autostrade”.






Questo è un articolo pubblicato il 20-01-2013 alle 23:58 sul giornale del 21 gennaio 2013 - 5412 letture

In questo articolo si parla di attualità, giulia mancinelli, complanare

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Irq


Se la memoria non mi inganna ma non credo, il primo annuncio è stato per la Pasqua del 2012, poi a setttembre ed infine a Natale sempre dello stesso anno. Secondo una dichiarazione di Autostrade per l'Italia, c'è la volontà di aprire la terza corsia nel tratto Senigallia-Ancona Nord per la fine di giugno di quest'anno, in anticipo rispetto ai tempi previsti. Non comprendo, perchè la seconda bretella, debba essere finita, il prossimo anno, dovendo costruire, solo il nuovo viadotto sul Morignano, che la collega all'attuale canna nord del Cavallo. Da questa al vecchio casello, utilizzando una parte del tracciato esistente, non credo che ci vogliano un'anno di lavori.
Leonardo Maria Conti

Ciao Leo
Credo dipenda dal fatto di rifare la galleria per il tratto ANCONA-SENIGALLIA: al momento è attiva solo la nuova SENIGALLIA-ANCONA.
Inoltre hanno accelerato i lavori per l'allargamento del viadotto autostradale, ma per quello della complanare per il momento sono arrivati solo ai pilastri.

Per l'inutile parcheggio da una marea di posti separato dal casello da un muro di Berlino niente speranze?
Non vi dico i commenti che sento ogni volta...
...un ponticino, un passaggio pedonale...niente eh...

Commento modificato il 21 gennaio 2013

Per Melgaco.
Se intendi quello proprio a fianco al casello, verso i pompieri, non credo: non per i pedoni, che non devono entrare in autostrada.

Piuttosto non ho capito per quale motivo occorre fare tutto quel tortuoso ed inutile percorso per arrivare al parcheggio, sia che si arrivi dalla città che se si esce dall'autostrada: occorre arrivare alla rotatoria oltre i pompieri e poi tornare indietro ed entrare nell'area e fare due strade.
Non ha alcun senso: un parcheggio a disposizione di chi deve prendere l'A14 o deve arrivare dall'autostrada doveva essere immediatamente e facilmente raggiungibile, senza fare tutto quel giro.
Mi viene il sospetto che sia destinato solo alle nuove edificazioni....
(e quindi Senigallia sarebbe l'unica città senza posti d'attesa vicino al casello: anzi quei pochi che c'erano son stati pure chiusi)

Luca Principi

21 gennaio, 18:48
Provenendo dalla città per andare verso il parcheggio e Borgo Ferretti bisogna arrivare fino alla rotatoria dopo i Vigili del Fuoco. Nonostante ciò ho visto anche un'auto dei Vigili Urbani infrangere questa regola e svoltare subito a sinistra per evitare un po' di strada in più.

A rigor di logica dovrebbe esserci proprio un collegamento carrabile tra il parcheggio e l'entrata del casello, uno pedonale come minimo sindacale. Ma la logica spesso non è inclusa nei titoli di studio di chi progetta e costruisce.