Bimbi della materna Pascoli senza sedie e tavoli per 300 euro: la denuncia in Consiglio

scuola pascoli 13/02/2013 - Un'intera classe della scuola materna lasciata senza sedie e tavoli. La denuncia arriva dalla consigliera del Pd Elisabetta Allegrezza che ieri ha sollevato la shoccante problematica in Consiglio Comunale.

I venti bambini che compongono la sezione aggiuntiva che è stata istituita presso la scuola materna della Pascoli (nel cuore del centro storico) devono rinunciare alla minima strumentazione didattica.

“La classe, quando è stata istituita a settembre, si è trovata priva del materiale didattico essenziale, addirittura mancavano tavoli e sedie -lamenta la Allegrezza- ad inizio anno scolastico c'erano solo un paio di tavoli e quattro o cinque sedie. A quel punto i genitori si sono autotassati per acquistare il materiale minimo necessario ai piccoli. Trovo che la cosa sia scandalosa. Stiamo parlando di una spesa di 200-300 euro, non di più e chiedo che il Comune intervenga immediatamente provvedendo a far sì che la classe sia dotata almeno del materiale didattico indispensabile”.

A farsi carico della questione è stata l'assessore alle finanze Francesca Paci che ha preso l'impegno, sentito anche il collega all'istruzione Stefano Schiavoni, di trovare una soluzione. “Durante questi anni di ingenti tagli al personale e alla dotazione strumentale della scuola pubblica, il Comune si è sempre fatto carico, spesso anche per parti non di sua competenza, di affrontare le varie problematiche emerse nell'assoluta convinzione dell'importanza dell'offerta formativa -replica la Paci- insieme all'assessore Schiavoni approfondiremo la questione per trovare una soluzione a questa problematica”.






Questo è un articolo pubblicato il 13-02-2013 alle 23:55 sul giornale del 14 febbraio 2013 - 2603 letture

In questo articolo si parla di attualità, giulia mancinelli, scuola elementare pascoli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/JqO


floriano schiavoni

14 febbraio, 06:49
facciamo un giro nelle altre scuole:rndi sicuro ne troviamo il doppio inutilizzate!

andrea barucca

14 febbraio, 09:39
è più facile per la "nostra" amministrazione buttare via soldi per incarichi a professionisti esterni (vedi Univ. Tor Vergata, Studio Legale Pinco pallino) piuttosto che investire denaro per il futuro dei giovani. Vergogna!!

Pare questa sia una pratica comune anche ad altre amministrazioni. ai genitori dei bambini delle scuole di Montemarciano è stato chiesto ad inizio anno un contributo di 20 euro ad alunno (di cui 5 per l'assicurazione) per l'offerta didattica. ad oggi alcune maestre dell'asilo sono ancora costrette a chiedere ai genitori di portare diverso materiale, dai pacchi di fazzoletti ai bicchierini in plastica per far bere i piccoli, perchè il comune non li compra..

Mi pare strano.
Se è stata istituita la classe aggiuntiva, doveva essere chiaro subito se la cosa era fattibile o meno a livello di costi.
Oppure si faceva affidamento su rette che non sono state poi incassate? (per vari motivi)