Senigallia: concorso Ostetricia truccato all'ospedale, quattro le denunciate per abuso d'ufficio

22/02/2013 - Prove d'esame “taroccate”, con alcune risposte sbagliate corrette con segni grossolani, graduatorie aggiustate per favorire alcune concorrenti assegnando loro punteggi più alti di quelli effettivamente avevano ottenuto, il tutto a danno di altre candidate che avrebbero meritato di vincere la selezione.

E' una bufera giudiziaria quella che si è abbattuta sull'Ospedale di Senigallia, a seguito del concorso per l'assunzione a tempo indeterminato di quattro ostetriche per il reparto di Ostetricia e Ginecologia del presidio ospedaliero cittadino. Un concorso truccato dalla commissione d'esame che si sarebbe accordata con alcune candidate affinchè risultassero prime in graduatoria. Sono accuse pesanti e infanganti per tutto l'ospedale quelle che gravano sulla testa di tre ostetriche e di una funzionaria amministrativa, a conclusione dell'indagine avviata dal Nas di Ancona e coordinata dalla Procura di Ancona.

Nella lente d'ingrandimento della magistratura è finito il concorso pubblico per titoli ed esami indetto dall'Area Vasta 2 dell'Asur Marche per l'assunzione a tempo indeterminato di quattro ostetriche da inserire nel reparto dell'Ospedale di Senigallia. Ora ad essere indagate per abuso d'ufficio e falso sono le quattro componenti della commissione esaminatrice. Secondo i carabinieri del Nucleo antisofisticazioni e sanità, diretto dal capitano Antonio Esposito, le quattro commissarie si sarebbero accordate per spingere avanti nella graduatoria quattro candidate che avevano già prestato servizio, a tempo determinato, nel reparto di Ostetricia e Ginecologia di Senigallia.

Al momento non sono emersi elementi che facciano pensare ad episodi corruttivi, come regali o dazioni di denaro in cambio del punteggio maggiorato, ma l'inchiesta, coordinata dal pm Paolo Gubinelli, è ancora in corso. Le procedure concorsuali erano partite nel 2011 e il concorso, che si articolava in una prova scritta, una orale, e la valutazione dei titoli pregressi, si è era concluso nel 2012. Alla selezione si erano presentate 600 ragazze provenienti anche da fuori regioni.

A sospettare che ci potesse essere qualcosa di “insolito” nei risultati finali (che guarda caso avevano favorito ostetriche già conosciute in ospedale) è stata per prima una delle candidate, sconcertata dai risultati del bando. La candidata dapprima ha fornito una prima segnalazione informale, poi ha presentato un esposto ufficiale. A quel punto sono scattate le indagini. Gli investigatori hanno raccolto anche altre testimonianze e sequestrato numerosa documentazione, compresi i fogli delle prove scritte, che comproverebbe la falsificazione dei test e la manipolazione delle valutazioni finali.

“Che qualcosa non andava l'avevamo capito subito -riferiscono alcune delle ragazze che avevano partecipato all'esame- ad esempio non ci quadrava il fatto che i test non fossero stati fotocopiati all'esterno prima di essere consegnati alle esaminande”. Altre candidate avevano espresso dubbi sulla trasparenza della graduatoria dalla quale attingere in caso di ulteriori assunzioni, tanto che, oltre all'esposto che ha dato il via all'indagine, era stata ipotizzata anche la costituzione di un comitato.








Questo è un articolo pubblicato il 22-02-2013 alle 16:53 sul giornale del 23 febbraio 2013 - 3137 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli, concorso, ostetricia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/JQW


Strano, non credevo che in Italia esistessero concorsi truccati e raccomandazioni.

Komunisti

Non mi stupisce, ma mi rattrista.

Cosa dire!!!! certo che è difficile gestire un paese bene, se i posti degli statali sono stati dati solo agli affidabili della sinistra,se non lo avete capito tutti i posti come quelli inquestione vengono dati solo ai compagni. La meritocrazia?? hahahahahah
Provateci a fare quello che hanno fatto in Romania (riduzione degli stipendi del 30% agli statali) o quello che hanno fatto in Grecia ( tagli di 15.000 statali) se la destra o Monti si fossero azzardati a proporre le sopracitate proposte sarebbero stati messi in ridicolo, da un immediato blocco di tutti i servizi statali. E che nessuno dica il contrario.

Antonietta Sgreccia

22 febbraio, 19:40
Siamo in Italia, no?

Be assumevano persone gia conosciute
Piuttosto che rischiare..

Adesso sarei curioso di capire come andrà
A finire!
Per non fare un torto a nessuno asumeranno
Tutti i partecipanti!!

Mark Twain

22 febbraio, 22:09
Commento sconsigliato, leggilo comunque

Paolo T.

22 febbraio, 22:43
Commento sconsigliato, leggilo comunque

floriano schiavoni

23 febbraio, 06:47
divulgate i nomi dei commissari;
questa la giusta condanna

Alberto

23 febbraio, 08:17
Commento sconsigliato, leggilo comunque

Io la penso come lollo22. Avanti gli affidabili della sinistra. A loro volta garantiti da tutte le Istituzioni della Repubblica (delle banane), compresa la Magistratura. Scommettiamo come andrà a finire?

Non parlamo della parentopoli romana del sindaco di roma e del presidente della region
Ii veniva assunta jente senza concorso

Qui il problema è diverso
Sono state preferite persone che aveva o gia lavorato nella struttura
E cbe quindi erano conosciute
Trovare la quadra è difficile cmq

Dici bene Daniele è veramente triste...Saremmo il paese più ricco d'europa se gestissimo le cose diversamente. Le nostre capacità sono innumerevoli in tutti i campi.

Franco

23 febbraio, 10:22
Commento sconsigliato, leggilo comunque

Di incredibili ribaltamenti di classifica i concorsi sono pieni, anzi sono l'unico modo con cui sono state fatte assunzioni (date un occhio anche ai concorsi fatti nel Comune di Senigallia negli ultimi anni). Sempre. Ex-stagisti o collaboratori che al concorso fanno pena allo scritto (più difficile da manipolare) e poi incredibilmente all'orale sono dei geni. Il problema è che la selezione del personale fatta in questo modo è quanto di più stupido possa esserci per scegliere i migliori: se poi ci metti che chi giudica è spesso un incapace (se non addirittura palesemente e dichiaratamente incompetente...). Poi tanto le peggiori ostetriche, i peggiori funzionari, i peggiori addetti ce li becchiamo noi cittadini. Sarà ora di darci un taglio?

Non ho mai avuto fiducia nel reparto di Ostetricia dell'ospedale di Senigallia, tant'è che durante le mie due gravidanze ho scelto di farmi seguire da medici di altri ospedali, proprio per evitare di partorire a Senigallia perchè ritengo quel reparto gestito in modo dittatoriale.
In tutti gli altri ospedali delle Marche c'è un numero verde per prenotare le ecografie, tranne a Senigallia dove ti devi recare personalmente dalle ostetriche, che sono aperte al pubblico solo la mattina dal lun al ven. Per chi lavora fuori questo è un problema perchè oltre a prendere già numerosi permessi di assenza per fare analisi e visite devi pure perdere ore per andarle a prenotare!! Lo stesso vale per il reparto di Diabetologia!! Altri dittatori che non ti prendono una prenotazione per fare un analisi se nn vai direttamente da loro!!! Perchè? mi hanno risposto perchè devono vedere la mia cartella clinica!!
Ma chi si credono di essere per decidere se e come eseguire un analisi ch emi ha prescritto il mio medico!!
Dittatori!!

Sarebbere da deninciare anche per questo, perchè sono dovuta andare a Fano a fere le suddette analisi.

Ora questa altra denuncia se la meritano proprio!!

Matteo Renzi

23 febbraio, 18:23
Commento sconsigliato, leggilo comunque