Vivi Senigallia al Pdl sul voto: 'Il voto al M5S è sintomo di un disagio ma non tutti i partiti hanno fallito'

vivi senigallia logo 26/02/2013 - I calcoli del consigliere del PPE-PdL (oramai non si capisce più di che partito fa parte, o a nome di chi parla) sono esatti, rispetto alla tornata del 24-25 febbraio. Egli ha però omesso il piccolo particolare relativo all’8,31% preso da Vivi Senigallia nelle elezioni comunali del 2010 e risultato decisivo per l’elezione del Sindaco Mangialardi alla guida del Comune di Senigallia.

Eleggendo 3 consiglieri comunali e il vice-sindaco, siamo la prova concreta che la società civile può perfettamente integrarsi in una coalizione di centro-sinistra.

Il voto al M5S è sintomo di un disagio diffuso relativo a tanti anni di cattiva politica: non si può e non si deve pensare, però, che tutti i partiti abbiano fallito. Il PdL ha fallito, questa è l'unica certezza dopo il voto di ieri.

Pensi a questo, il consigliere Cicconi Massi, e guardi prima in casa propria piuttosto che sviscerare giudizi superficiali sulle forze politiche e sugli altri partiti.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-02-2013 alle 17:04 sul giornale del 27 febbraio 2013 - 3158 letture

In questo articolo si parla di politica, vivi senigallia e piace a AriesM76

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/JYv


Vorrei cortesemente sapere il nome del "fenomeno" che ha scritto "Il PdL ha fallito, questa è l'unica certezza dopo il voto di ieri".
Primo perchè educazione e correttezza impongono che chi scrive abbia il coraggio di firmarsi, e secondo perchè vorrei chiedere, sempre al "fenomeno", chi avrebbe allora vinto queste elezioni. Perchè ad una analisi obiettiva e attenta (cosa che non è avvenuta), quello che era dato per morto, ossia il PDL, non si è fatto "smacchiare", ma anzi ha imbrigliato la sinistra per bene.
Capisco che sia dura da ammettere questa cosa, specialmente quando il Sindaco in persona si permette di dare la colpa a chi ha votato Berlusconi, ma onestà e coerenza dovrebbero invece far dire le cose esattamente come stanno, ossia che gli italiani sono stufi di questa politica praticata fino ad oggi, ed hanno mandato in Parlamento gente nuova "trombando" tanti bei dinosauri.
Vivi Senigallia stia tranquilla e serena, che la "spazzolata" è solamente all'inizio, e nel 2015 se ne accorgeranno molto ma molto bene.
I dati e i numeri sono sotto gli occhi di tutti, e a nulla servono le arrampicate dei "fenomeni", perchè l'italiano non è per nulla stupido, e ve ne ha data ampia prova.
Divertitevi per altri due anni che dopo, bene che vi vada, vi aspettano le panchine al parco per leggere con tutta calma i giornali.
Marcello Liverani

P.S.
Mi raccomando, continuate a dare per morto sia Berlusconi che il PDL, questo vi sarà molto utile...

mario fiore

26 febbraio, 22:42
Caro Marcello, tu sai bene che quelle panchine del parco,che per altro sono confortevoli e molto comode, da ben 67 lunghi anni, sono servite per far leggere i giornali alle persone di estrema destra...!!!

Non è concepibile che voi vi esercitiate qua nelle vostre polemiche per apparire e evedo il continuo di questo non è concepibile parassitare esprimere giudizi non è concepibile che un ex teserato di Forza Ialia e suoer simpatizzante Mario Fiore intervenga così... su un altro consigliere di Forza Italia non è concepibile prendersi troppo sul serio Mario non posso staccare un attimo... calate la prepotenza che siete tre consiglieri di una " città"? Mah'.. . di un dormitorio direi... non parassitate su questo, c'è chi a quetso dromitorio si dedica ci vive non da oggi nn da ieri e io sono stufo si subire passivamente controbattute dialettiche che sono soltanto fini a se stesse siamo prima di tutto nel demanio pubblico italiano che già è sgangerato di cui voi fate le voci di un ente territoriale e non di potere non è di marcello di liverani non è di mario fiore on è di nesuno un posto ma come dirlo come evitare... edo solo che chiude cardiologia io... Non è tollerabile parassitare , ma purtroppo questo è sintomo di una cittadinanza che non eiste, ok, fatevi apparire a i vostri settantasei lettori postate la vostra cosa e così siete contenti beata felicità.No. E tocca anche incontravi per stead siete invasivi.La notorietà è facile oggi col web. tommaso bucci.

....ehmmm, ad essere sincero nel leggere quello che ha scritto Cicconi Massi mi veniva in mente solo una constatazione che valeva per TUTTI i partiti politici, compreso il suo.
In ogni caso è inutile tirare ad usare cifre e percentuali, perchè tra 2008 e 2013 sono cambiate molte cose: sono scomparsi partiti, apparsi altri, e poi si parla di elezioni nazionali, quindi come si fa a considerare nella giusta maniera le liste civiche?
Roba da statistici fortunati, perchè quelli di professione non avevano minimamente azzeccato il risultato delle politiche.
E poi, a ben vedere, confrontar 2008 a 2013 sarebbe come confrontare birra e vino: certo, sono emtrambi liquidi alcoolici, e pure buoni, ideali nei pasti e fuori, ma cavolo sono due cose completamente diverse!