Jesi: lutto per l'ex assessore e candidata a sindaco. Daniela Cesarini ha scelto il suicidio assistito

Daniela Cesarini 1' di lettura 02/05/2013 - Daniela Cesarini ha deciso lasciarsi morire in Svizzera in un giorno simbolico, il 25 aprile, ricorrendo al suicidio assistito.

Cesarini, ex Assessore ai servizi sociali, candidata al ruolo di Sindaco a Jesi nelle ultime elezioni amministrative nelle fila del Prc, partito con cui era attivamente impegnata da sempre, anche con iniziative sociali per le categorie più deboli, basti ricordare le lezioni che teneva per i bambini stranieri che avevano difficoltà ad inserirsi nelle scuole o le battaglie contro le barriere architettoniche, aveva recentemente perso prima il marito e poi il figlio.

A ricordarla il Sindaco Massimo Bacci, a nome di tutta l’amministrazione, il Partito Democratico jesino ed i compagni del circolo Carl Marx del Prc di Jesi, l'ex consigliere Luca Angelucci ed il Partito dei Comunisti Italiani di Jesi, il Presidente del Consiglio comunale, Daniele Massaccesi, Sinistra Ecologia e Libertà. Il Movimento 5 Stelle di Jesi nell'esprimere cordoglio ai familiari sospendono oggi e domani tutte le comunicazioni stampa e mediatiche.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-05-2013 alle 17:14 sul giornale del 03 maggio 2013 - 3845 letture

In questo articolo si parla di attualità, paolo picci

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/MsL





logoEV