Montemarciano: cerca di abbordare una dodicenne, denunciato un rumeno

carabinieri 24/05/2013 - Poteva avere risvolti anche drammatici l'episodio da cui è riuscita a scampare una ragazzina di Montemarciano. La bambina, una minore di 12 anni, è stata infatti avvicinata da un rumeno che ha cercato di abbordarla.

La ragazzina, nonostante la paura, è riuscita a raggiungere il portone di casa liberandosi dalla “morsa” del rumeno. L'episodio si è verificato mercoledì nel tardo pomeriggio. Secondo il racconto fornito dalla vittima, accompagnata dai familiari presso i Carabinieri della stazione di Montemarciano per denunciare quanto accaduto, intorno alle 19,30 la dodicenne stava percorrendo una via, da sola, diretta verso il casa. A pochi metri dall'arrivo, alla ragazzina si è avvicinato l'uomo, dall'accento straniero.

La minorenne, sentendosi a disagio e capendo che la situazione poteva essere pericolosa, ha affrettato il passo. A quel punto anche l'uomo ha accelerato affiancandosi alla ragazzina. Con gesto fulmineo ha afferrato la bambina sotto braccio e le ha detto di seguirlo. A quel punto la dodicenne ha reagito. È riuscita a svincolarsi dalla presa sotto braccio dell'uomo ed è corsa al portone dell'ingresso condominiale dove vive. Fortunatamente la ragazzina era arrivata praticamente sotto casa.

Capita la situazione l'uomo ha fatto marcia indietro ed è scappato. Salita a casa la ragazzina, comprensibilmente spaventata, ha raccontato quanto accaduto alla madre. I genitori il giorno dopo si sono rivolti ai Carabinieri che hanno raccolto la testimonianza della minorenne e avviate le indagini. É bastato poco ai militari per risalire all'identità dell'uomo. Si tratta di un pregiudicato rumeno di 47 anni, nomade senza fissa dimora, che vive nella zona di Montemarciano. Il rumeno è stato così denunciato dai Carabinieri all'autorità giudiziaria per il reato di tentata violenza privata.






Questo è un articolo pubblicato il 24-05-2013 alle 19:11 sul giornale del 25 maggio 2013 - 3479 letture

In questo articolo si parla di cronaca, montemarciano, giulia mancinelli, carabinieri, investigazioni scientifiche, ris

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/NpE


Commento modificato il 25 maggio 2013

Questo è un fatto molto grave. non ci sono state conseguenze più serie per la prontezza della ragazzina.

Non mi meraviglia che sia un altro straniero a riempire la cronaca, e nemmeno che fosse un pregiudicato in stato di libertà..
cosa allucinante è che qui c'è stata una tentata violenza addirittura su una ragazzina di 12 anni ed il soggetto è in libertà!!!!!!
ma se fosse vostra figlia!?!?!?!?!?!?!?!?!?!?
continuiamo pure a far finta di niente, lasciamo ancora in circolazione questi individui, mi raccomando!!
poi se questo individuò combinerà qualcos'altro di analogo con chi ce la dobbiamo prendere!?!?!? solo con lui o anche con chi avrebbe dovuto far in modo che non fosse più in circolazione?!??!

A mio avviso, al limite, andrebbe bene anche la castrazione chimica o chirurgica se non lo si può mettere in gabbia.

Scusate lo sfogo, ma sono babbo di tre ragazzine, e questi episodi mi imbestialiscono, perchè cmq sia mi immedesimo nei panni dei genitori in questione.

Già pregiudicato, tenta una violenza nei confronti di una dodicenne (questo il reato per cui è stato denunciato dai Carabinieri), ed è in libertà?!
Non esprimo ciò che penso sulla magistratura perchè sarei passibile di querela (questo si considerato grave dai nostri togati!).

Non vi entra proprio in testa che la "magistratura" non c'entra una beneamata?
Esistono le leggi che emana il parlamento e i giudici non fanno che applicarle al limite del "meccanicamente".
Fa ridere che sia così diffusa l'opinione che i "giudici" si facciano la legge da sé. Anzi, fa piangere, visto che CHI da 20 anni inculca questa credenza nella testa degli Italiani, continua dagli stessi 20 anni ad essere votato.
Qualcuno conosce la procedura in caso di fermo per una accusa del tipo dell'articolo in questione? Siamo così informati delle figure istituzionali che vengono coinvolte, dai Carabinieri che ricevono la denuncia fino ai funzionari che prendono i provvedimenti?
La risposta mi pare evidente e per la precisione è "no"!

La "magistratura" (come vi hanno insegnato a chiamare, facendo di tutta l'erba un fascio, le diverse figure coinvolte nell'accertamento dei reati e la assegnazione delle eventuali pene) è solamente l'ultimo stadio di un processo che è malato all'inizio.
Che è malato nel continuare a cercare scappatoie per non far finire nessuno in galera dal momento che di posto in galera FISICAMENTE non ce n'è più. Perché non ci sono soldi per costruire strutture penitenziarie nuove. Perché le strutture penitenziarie nuove, se costruite secondo gli standard attuali europei, sarebbero improponibili alla opinione pubblica, nella loro dotazione di servizi. Ci sarebbero le barricate, in un paese imbarbarito come questo che ha una gran voglia di vendetta e di occhio per occhio.

Quindi ci teniamo i vari "riti abbreviati", i vari sconti di pena, i vari indulti, etc.
Ma poi non pigliatevela con la magistratura se i delinquenti e i matti stanno a spasso.
La magistratura sta lì ad applicare le leggi dello stato.
Se le leggi fanno cagare non ci possono fare niente.

Your System Administrator

brunoblek

25 maggio, 07:41
possibile che bisogna arrivara a ciò i nostri tutori dell'ordine sono capaci di far le multe nascosti dietro il muretto e basta?
la presenza sul trritorio chiedere documenti verifiche diidentità chi le deve fare se ci fosse più attenzione su chi vive ai margini della legalità forse certe cose non succederebbe Sindachessa che ne dice?
quando mi lamentavo che noninteveniva nessuno mi avete denunciato x diffamazione e cacciato dal mandracchio con tutto il comitato brava bravissima

Non mettiamo le nazionalità: se era ungherese, che cosa cambiava ai fini della notizia? Nulla!

Quando volemo da un tetto ed una zappa a questi poveri uomini.
Senza tetto e lavoro le persone diventano dei bruti.
Poi se ricadi in tentazione un chip nellavpelle come ai cani ed un viaggio
Senz ritorno nelle isole dei mari del sud.
Poi i giudici e le forze dell'ordine fanno il loro lavoro
Non essendo stato colto sul fatto la parola della monella vale quanto quea del
Signore indagato anche se romeno.
Sarà il giudice a stabire la realtà dei fatti ed a comminare la pena.
Noi non siamo giudici.
Tra l altro non ha ne..eno confessato ma è stato solo denunciato dai cc
Quindi la pwrola della monella contro quella del signore senza testimoni.
In ultimo sti fatti succedono purtroppo ma anche gli italianii commettono.
Anche noi italiani non semo proprio santi purtrolppom

A

Sono certo che il Signor NOCTES sia una persona che per almeno 40 anni ha lavorato fianco a fianco con la Magistratura, ciò lo si deduce dalla forza e dalla convinzione con le quali ha commentato il lavoro della Magistratura. Io, invece, la penso molto diversamente (senza voler generalizzare perché ciò è sempre errato)affermo con fondata convinzione che la Legge è UNA ma è come la pelle delle p.....e ognuno la tira dove vuole e se in una Procura si è soliti disporre l'arresto per un determinato reato in quella confinante si agisce in modo totalmente diverso, a volte tale diversità si riscontra anche fra Sostituti Procuratori che hanno gli uffici adiacenti. Se il Signor NOCTES vuole approfondire la questione sono pronto a raccontare "de visu" decine e decine di episodi.

Per me non esistono pedofili stranieri o pedofili italiani. Esistono pedofili e basta.
Ed è davvero spaventoso che, nel dubbio, questa persona sia libera di colpire ancora.

Vitale

25 maggio, 12:15
Noctes, la legge è una ma chi la amministra la applica un pò a piacimento essendo molte le attenuanti o le aggravanti.
Un esempio per tutti: il rom che ha deliberatamente investito e ucciso un Vigile Urbano a Milano è stato condannato a soli 16 anni in quanto il giudice gli ha riconosciuto l'"attenuante" di essere cresciuto in un ambiente votato alla delinquenza. E' una vergogna.
Un plauso alle forze dell'ordine. Non altrettanto per il nostro sistema giudiziario che sta permettendo al rumeno dell'articolo di essere libero (libero di riprovarci?). Poi come al solito se ci scappa il morto o lo stupro ... giù lacrime di coccodrillo.

Rapimento dei bambini, abuso di minori, sfruttamento della prostituzione, riduzione in schiavitù, assoluta intolleranza al lavoro e alle leggi.....indovinate quale etnia è bravissima in tutto questo? Si può dire? O è scorretto? E pensare che noi gli diamo vitto e alloggio gratis (e loro se la ridono..)

Vitale

25 maggio, 14:43
Per jac0
Io condivido la scelta redazionale di mettere la nazionalità perchè a questi signori noi diamo ospitalità, cibo, alloggio, assistenza sanitaria gratuita (io mia moglie e i miei 3 figli se facciamo un esame in ospedale paghiamo, loro no) e loro ci ripagano delinquendo.
Dal mio punto di vista è molto più grave se a commettere un reato è qualcuno a cui si è fatto del bene. (e se come mi è stato in passato risposto qui non ricevono del bene beh ... perchè venirci o rimanerci allora).

Sottoscrivo il commento di Noctes.
Troppo facile a volte generalizzare.

@Vitale
un rumeno è cittadino dell'UE esattamente come un francese (o un tedesco) e quindi è libero di girare per l'Europa senza limiti...
Per quanto riguarda ospitalità, cibo, alloggio, assistenza sanitaria gratuita mi sembra che parli un pò per stereotipi perchè niente di tutto questo è un diritto per un immigrato "non per motivi politici" e tanto meno perchè "comunitario" (come i rumeni).
Mi unisco al commento di Noctes sul ruolo dei magistrati e delle forze dell'ordine: un lavoro difficile a cui viene dato nessun risalto per i risultati positivi e enorme risalto per quelli negativi.

Nota:
Noi della redazione continueremo a pubblicare tutte le notizie ed i dettagli che abbiamo. Spetta a voi lettori stabilire cosa è rilevante e cosa non lo è.

@MatteO86
Solo per informarti che a Falconara i ROM, popolazione "nomade"? (Ma quanad'è che riparte per altri lidi?), abita in alloggi dati dal Comune. Non contenti, non pagano le bollette del gas, della luce, ecc. ed il Comune, non gli stacca la luce. Anzi prende i soldi tuoi (per modo di dire) e ripiana i debiti. Mi fermo qui, ma potrei continuare, senza rischiare di parlare per stereotipi. Quelli come te - ma è un'opinione personale - fanno il loro gioco. Ti auguro di non averli mai come vicini di casa..

Vitale

26 maggio, 10:42
@MatteO86
Impara a leggere:
Non ho mai scritto che un rumeno non è cittadino della UE.
Ho detto che trovo giusta la scelta redazionale di scrivere la nazionalità (sia essa UE o extra UE).
Relativamente all'ospitalità se uno di questi si presenta in ospedale ha diritto, ripeto, diritto all'assistenza sanitaria che paghiamo noi.
Quindi prima di scrivere stupidaggini leggi bene ed informati. Relativamente alle forze dell'ordine ed i magistrati ho già scritto in un commento precedente che ammiro Polizia e Carabinieri e cosa penso invece della magistratura.

Angelo

26 maggio, 11:31
Ho letto vari commenti e non capisco perchè secondo qualcuno non bisognerebbe scrivere la nazionalità.
Se per esempio uno svizzero o un australiano vincono un premio nobel lo si può scrivere. Se sempre per esempio un senegalese o un nigeriano o un tedesco trovano un portafogli e lo riconsegnano lo si può scrivere.
Ma se un rumeno o un albanese commettono un reato allora non si deve scrivere la nazionalità?
E perche?
Diceva Andreotti: "A pensar male si farà peccato però ........).
Un'ultima cosa: niente vieta ai signori "buonisti" di prendersi in casa loro e mantenere uno straniero (sia esso della comunità europea o no) senza pretendere che a mantenerlo sia la collettività ma se ne guardano bene dal farlo.