L'estate parte tra le polemiche per il Frecciarossa, Assoturismo: 'Non c'era nessun accordo'

claudio albonetti 08/06/2013 - In tanti sabato si sono riversati sul lungomare senigalliese per l’avvio della stagione estiva. Senigalliesi, turisti ma anche pendolari hanno affollato la spiaggia di velluto dove, a differenza di quanto annunciato nei mesi scorsi, salta la fermata del Frecciarossa turistico.

Il Frecciarossa Milano – Ancona ad uso della clientela turistica, che a partire da oggi avrebbe dovuto fermare a Riccione, Cattolica, Fano e Senigallia (oltre le classiche Rimini e Pesaro) per favorire l’afflusso turistico in città, secondo quanto annunciato sul sito Trenitalia, nonostante i biglietti già venduti, è sospeso.

Mentre le forze politiche a vario titolo condannano questo “dietrofront del tutto oscuro ed incomprensibile”, Assoturismo-Confesercenti che ha siglato l’accordo con Trenitalia per offrire il servizio di rimborso biglietti ai turisti che attraverso il Frecciabianca decidono di soggiornare a Senigallia in uno degli hotel aderenti, precisa che non c’è stato nessun contrordine.

Speravamo nel Frecciarossa ma non vi era nessun progetto- annuncia il presidente Claudio Albonetti- Confidiamo invece per l’aumento delle prenotazioni nel ‘Frecciabianca’ che alle 9 di oggi farà la sua prima fermata a Senigallia”.

Intanto la prima giornata di mare e sole sul litorale senigalliese, in cui è in vigore il limite dei 30 chilometri orari di giorno e di notte, non ha fatto registrare nessun problema alla circolazione nè al rispetto delle regole.






Questo è un articolo pubblicato il 08-06-2013 alle 23:59 sul giornale del 10 giugno 2013 - 4998 letture

In questo articolo si parla di attualità, lungomare, confesercenti, senigallia, claudio albonetti, assoturismo, Sudani Alice Scarpini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/N1T


Per rimuovere la situazione, la Regione Marche dovrebbe prendere accordi con la società di "Italo" per fermate anche a Senigallia.
Sicuramente, Trenitalia, si adeguerebbe subito!!!!!!

Luigi Alberto Weiss

09 giugno, 10:14
Ancora il granitico provincialismo della fermata del treno per sosenere il turismo. Ma perchè il presidente Albonetti, forte del suo ruolo nazionale, non dimostra, dati alla mano, quanti nelle stagioni passate sono venuti a Senigallia per levacanze in treno? E poi, se vogliamo essere una nazione moderna, europea, si può pretendere che un treno ad alta velocità fermi a tutte le stazioni "turistiche"? Siamo seri, almeno per una volta. Il trasporto ferroviario non mi sembra tenuto in gran considerazione nelle Marche perchè è meglio "favorire" le società di autobus, spesso in decisa concorrenza con il treno

Commento modificato il 09 giugno 2013

Più strumenti abbiamo per far conoscere e fare arrivare turisti e meglio è: uno dei migliori è il treno, soprattutto in un periodo come questo di turismo "mordi e fuggi".
Mi pare strano che prima si parli di un "servizio",poi scompaia, poi riappaia, poi scompaia etc...
Il Cateraduno inizia solo fra due settimane e porterà tanta gente soprattutto dalle grandi città e per i finesettimana: è necessario che la cosa sia affrontata e risolta da chi di dovere SUBITO.
O almeno studiare accordi per percorsi privilegiati da Pesaro e Ancona (dove fermano le frecce) fino a Senigallia

Tarcisio Torreggiani

10 giugno, 08:28
Bisogna stare con i piedi per terra; o si contesta la politica della gestione ferroviaria o non si può pretendere che ogni treno fermi a Senigallia e allora perché non a Fano, Osimo-Loreto,Porto S. Elpidio Civitanova ecc...ecc...., ma allora non sarebbe più una freccia!

Purtroppo Senigallia non è più nulla in campo turistico, ha perso lo smalto del precedente secolo e questo anche per responsabilità degli albergatori che negli anni '90 non trovarono di meglio che dividersi per assicurare una "presidenza" a tutti i contendenti.

ma si può pretendere che un treno del genere fermi a senigallia!
treni del genere fermano dove ci sta indotto e passeggeri!
fermano in città importanti!
vogliamo contare più di rimini , pesaro , fano e Ancona!
per piacere