Doppi turni e troppi straordinari, la Rieco replica ai sindacati: 'Accuse assurde e strumentali'

02/07/2013 - Grande stupore per la Società Rieco S.p.A. nel leggere il comunicato stampa dei giorni scorsi da parte dalle sigle sindacali FP Cgil e Uil Trasporti sul presunto rigido atteggiamento della società nei confronti dei lavoratori.

Dal primo giorno di insediamento, Rieco Spa si è adoperata su più fronti per mettere a disposizione dei dipendenti le migliori condizioni di lavoro possibili, intervenendo persino su circostanze non di propria competenza. Una tra tutte, un consistente anticipo della retribuzione ai dipendenti per i mancati pagamenti da parte di Aimeri Ambiente: grande sforzo voluto da Rieco affinché i dipendenti potessero lavorare con più serenità.

A livello tecnico/organizzativo, la società ha prontamente dotato i lavoratori di veicoli e attrezzature nuove ed efficienti e di recente ha autorizzato per il periodo estivo l’anticipo alle ore 5.00 dell’orario di inizio dell’attività lavorativa nonché lo spostamento, in orario antimeridiano, della raccolta nella zona ZTL di Senigallia.

In merito al ricorso allo straordinario si precisa che non è e non è mai stata intenzione della Rieco ricorrere a tale strumento se non, ultimamente, a causa dell’elevato assenteismo e scarsa disponibilità – anche occasionale - da parte di diversi soggetti che, per di più, rientrano in cantiere spesso senza completare il proprio turno di lavoro. Ciò, oltre a provocare considerevoli disagi organizzativi e di gestione dei turni di lavoro, incide sia nell’aspetto quantitativo degli straordinari che nella loro distribuzione tra i vari lavoratori, a scapito delle persone maggiormente disponibili.

Numerosi danni agli automezzi (spesso non segnalati dagli autisti), furti di materiali ed attrezzature (carburante, pneumatici autovetture, sacchi e contenitori rifiuti, etc.) avvenuti in cantiere, rappresentano situazioni incresciose riscontrate dalla Rieco sino ad oggi.

La società ritiene, poi, definire eccessive le contestazioni disciplinari, poiché sempre e comunque collegate a comportamenti dei lavoratori che hanno violato norme contrattuali o creato danni alla società. Non si nota, invece, come il nuovo appalto abbia portato un incremento dell’occupazione e della qualità dei servizi, come riconosciuto dalle comunità servite.

Rieco Spa ritiene, pertanto, che la polemica sollevata sia solo strumentale e volta a tutelare politicamente dipendenti che non vogliono riconoscere la nuova organizzazione aziendale.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-07-2013 alle 13:14 sul giornale del 03 luglio 2013 - 4574 letture

In questo articolo si parla di attualità, senigallia, raccolta rifiuti, Rieco S.p.A.

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/OXM


ghost Utente Vip

02 luglio, 21:39
Non si rispettano i turni, ci sono furti, danni agli automezzi ... ma che razza di personale avete? E hanno anche il coraggio di lamentarsi?

Con questo comunicato non si può non dare ragione in molto alla RIECO.
Ma resta il quesito di avere maggiore chiarezza relativamente le "accuse" per cui a quelle persone che veniva concesso di fare straordinari ed erano sotto contratto interinale, coincidenza volesse che venissero lasciati fuori non appena gli interinali chiedevano il pagamento degli straordinari.
Salvo non fosse riscontrato in loro le colpe dei disservizi che si citano.
Non sarebbe meglio chiarire anche questo aspetto, che pare sia la scintilla che ha fatto nascere il tutto?