Monachesi (Sib Confcommercio): 'Tares troppo alta, pronti a proclamare lo stato di agitazione'

enzo monachesi 1' di lettura 20/07/2013 - Gli imprenditori balneari lanciano l'allarme: "Tares un mostro! tassa troppo alta,le imprese non riusciranno a sostenere i pagamenti".

"Tarsu alle stelle, cosi non riusciremo a pagarla", è il grido d'allarme di Monachesi -Presidente Regionale del S.I.B. Confcommercio sindacato delle imprese balneari che prosegue affermando "è ormai noto che gli aumenti si attesteranno tra il 45% e il 60 %, insostenibili attualmente e quindi scellerati".

Aliquote troppo pesanti per gli imprenditori del turismo balneare che avanzano una proposta sempre per voce del loro rappresentante Monachesi: "E' necessario istituire un tavolo in ogni comune o che la regione ne faccia uno per tutti con l'obbiettivo di ridurre la Tares alle aziende che non generano rifiuti. Inoltre risulta necessario un allineamento su tutta la regione in modo da rendere le imprese egualmente competitive.

Nel caso in cui il nostro appello cadesse nel vuoto e non generasse nessun tipo di risposta da parte delle istituzioni, proclameremo lo stato di agitazione permanente e organizzeremo manifestazioni di protesta eclatanti".

Certo che proprio non ci voleva, dopo la crisi che attanaglia il paese, il maltempo e ora gli aumenti con il mostro Tares che bussa alla porta....


da Enzo Monachesi
S.I.B Sindacato Italiano Balneari/Confcommercio

 





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-07-2013 alle 15:03 sul giornale del 22 luglio 2013 - 2195 letture

In questo articolo si parla di attualità, enzo monachesi, sib, sib confcommercio, sindacato italiano balneari

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/PGH


radom Utente Vip

20 luglio, 19:56
Punto uno, Monachesi è il Presidente del Consiglio Comunale che ha approvato il bilancio, senza opposizione. O fa il presidente del Consiglio Comunale o lotta per la categoria, tertium non datur.

Punto due, che gli stabilimenti balneari, con annesse attività di somministrazione e tutte le altre attività accessorie consentite non producano rifiuti mi sembra una forzatura.

Punto tre, che il momento sia critico, che la crisi morda, ma che la stiano sopportando soprattutto pensionati e dipendenti a reddito fisso è cosa che sanno anche i muri.

A reddito fisso sono anche tutti i dipendenti pubblici....... mi dici cosa stanno sopportando questi ultimi?
Invece gli artigiani, i commercianti, le imprese, fanno soldi a palate, tanto da chiudere in massa per godersi i frutti del proprio lavoro.....




logoEV