Quantcast

Due sospetti casi di TBC: rifugiati politici afgani in ospedale, ma non è tubercolosi

ospedale 1' di lettura 09/09/2013 - Due uomini, rifugiati politici afgani attualmente ospiti dell’Ostello di Villa Borgognoni, si sono presentati presso la struttura ospedaliera di Viale della Vittoria, nel pomeriggio di domenica, con sintomi simili a chi ha contratto la tubercolosi.

In casi come questo, l’Asur attiva le procedure di controllo e di eventuale contenimento solo qualora fosse confermato il contatto dei due uomini con il bacillo di Koch, responsabile appunto della TBC.

I due afgani, sbarcati a Lampedusa nei giorni scorsi, sono seguiti dall’associazione Gus attiva nel nostro territorio, che tra le tante attività umanitarie svolte si occupa dell’accoglienza dei rifugiati politici in vallesina.

A seguito di ulteriori controlli, l'allarme contagio è subito rientrato, essendo stato accertato che i due non sono affetti da TBC.


di Cristina Carnevali
redazione@viverejesi.it





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-09-2013 alle 11:37 sul giornale del 10 settembre 2013 - 1172 letture

In questo articolo si parla di cronaca, ospedale, jesi, cristina carnevali

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/RtW





logoEV