Quantcast

Insieme Civico: considerazioni dopo il consiglio di giovedì, dov'è il rinnovamento di PD e M5S?

Garofoli, Giampaoletti e Rossetti 2' di lettura 13/09/2013 - Nel corso del Consiglio di ieri si è visto il tanto decantato “ rinnovamento", promesso dal movimento 5 stelle e soprattutto dal PD Jesino dopo la sconfitta alle ultime elezioni Comunali .

Al momento di approvare il contratto di servizio tra il Comune e la Soc. Jesiservizi s.r.l per il servizio di refezione scolastica e la connessa attività di fatturazione e riscossione per gli anni scolastici 2013/14 e 2014/15, entrambi si sono allontanati dall’aula consiliare mentre in altre pratiche all’ordine del giorno hanno presentato emendamenti solo per variare alcune parole per poi astenersi al momento del voto. Così vengono rappresentati i cittadini che li hanno votati e con questi atteggiamenti di puro semplice ostruzionismo hanno detto e dicono di voler cambiare la città !!!

Non crediamo che questo sia il giusto modo di fare politica , né che sia la strada giusta per rendere migliore la città considerando l’enorme debito che ha lasciato la precedente amministrazione e la pessima organizzazione della macchina Comunale. Questa amministrazione di cui Il nostro gruppo fa parte, sta lavorando per migliorare il bilancio, sta attuando progetti per i quali la passata amministrazione aveva dei finanziamenti che, stranamente .. erano rimasti bloccati (emblematico è il caso della scuola Mazzini e della Garibaldi), sta lavorando per ridurre il debito pubblico che già dopo il primo anno ha ridotto di ben tre milioni di euro, sta razionalizzando l’organizzazione dei centri di spesa e del personale.

Chi sta all’opposizione non riesce a fare di meglio che dire “questa amministrazione non amministra”; ma si può permettere il PD di fare certe affermazioni quando negli ultimi decenni ha lasciato la città in stato di abbandono non ha fatto manutenzione né programmazione a lungo termine non ha organizzato e pianificato la manutenzione delle strade e del verde! Non si può accettare che chi critica tutto poi, al momento del voto, lasci l’aula, riteniamo che tale atteggiamento sia irriguardoso e offensivo dei tanti cittadini che hanno votato.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-09-2013 alle 18:59 sul giornale del 14 settembre 2013 - 2037 letture

In questo articolo si parla di attualità, insieme civico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/RKg





logoEV