Scissione del centro destra, Cicconi Massi: 'A Senigallia uniti seppur con idee diverse sul futuro'

Alessandro Cicconi Massi 2' di lettura 16/11/2013 - Prendo atto con tristezza, amarezza ma anche con senso di liberazione, della scissione all'interno del centro destra italiano.

La mia storia politica nasce nel 1993, appena entrato al Liceo, con sotto braccio Il Giornale e con il sogno di fare politica per sostenere gli ideali liberaldemocratici. Nel 1997, appena diciottenne la prima tessera di Forza Italia, e nel 1998 sono stato per la prima volta eletto nelle liste azzurre.A Senigallia, per anni sono stato uno dei pochi che ha portato la bandiera di Forza Italia, senza paura, per essendo stato irriso, insultato, emarginato...ma non mi sono mai fermato, ho difeso la causa strenuamente, senza paura.

La mia è stata una storia politica fedele e coerente. Fedele sì, ma mai supiao, mai prona, sopratutto nei confronti dei potenti di turno. Ho sempre contestato la classe dirigente del mio partito, senza se e senza ma, ogni qualvolta ho ritenuto che gli ideali ed i programmi fossero stati disattesi. Già dal 2011 ho contestato pubblicamente le scelte da me reputate sbagliate dei vertici regionali e nazionali del partito. L'ho fatto pubblicamente, senza paura delle conseguenze e delle ripercussioni politiche, anche a scapito della mia carriera, a cui non sono interessato.

Oggi non condivido la scelta di legare la sorte giudiziaria del Presidente Berlusconi con la vita politica del governo delle larghe intese. Un errore grossolano, che mi porterà a non aderire alla nuova Forza Italia.

A Senigallia, assieme ai colleghi del gruppo, anche se oggi con sensibilità ed idee diverse sul futuro del centro destra a livello nazionale, abbiamo però deciso unitariamente di non fare alcuna mini scissione, anche perchè nella nostra città, sarebbe un autogol a favore del centro sinistra e dell'amministrazione Mangialardi. Continueremo a stare insieme, nelle battaglie condotte a livello locale, come quella contro l'oppressione fiscale cittadina, contro lo smantellamento dell'ospedale e contro la morsa burocratica degli uffici comunali. Sono convinto di non tradire nè la mia storia politica, nè il voto che i cittadini mi hanno dato. Sono convinto che la mia sola fedeltà politica sia quella alla mia storia ed alla mia coerenza!


da Alessandro Cicconi Massi
consigliere comunale Pdl




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-11-2013 alle 16:09 sul giornale del 18 novembre 2013 - 1500 letture

In questo articolo si parla di alessandro cicconi massi, politica, Centro Destra, pdl-ppe e piace a Daniele_Sole

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/UBj


Hai fatto bene, penso che in tanti nel centrodestra faranno la tua stessa scelta. Certo adesso c'è da aspettarsi l'attivazione della macchina del fango, il metodo Boffo applicato agli Alfaniani....tuttavia penso che ora ognuno sarà libero di andare per la propria strada; Berlusconi e i falchi risolveranno i propri problemi da soli senza per questo trascinare tutti gli italiani con loro. Berlusconi prenda atto che è stato condannato e che le strategie del "muro contro muro" di Ghedini sono state fallimentari per lui, se ne sarebbe dovuto accorgere prima. Ora c'è il conto da pagare.