Dipendenti comunali: controlli su internet. Mangialardi, 'Anche il mio pc ha i filtri'

Maurizio Mangialardi 03/02/2014 - Filtri in tutti i computer della pubblica amministrazione e divieto di uscire dagli uffici per la pausa caffè esteso a tutti i dipendenti pubblici. L' “Operazione trasparenza” dà un giro di vite sull'operato dei pubblici dipendenti: dagli impiegati ai dirigenti alla Municipale.

La Giunta Mangialardi, dando seguito al decreto trasparenza varato dal Governo, ha deliberato nei giorni scorsi un provvedimento con cui definisce punto per punto i doveri e i divieti cui sono sottoposti i dipendenti pubblici. Dal divieto di assentarsi dal posto di lavoro senza aver timbrato il cartellino, al divieto di utilizzare, ad esempio, il cellulare di servizio per conversazioni private. Disposizioni precise sono state date anche ai dipendenti della Polizia Municipali dal comandante Flavio Brunaccioni. I Vigili Urbani infatti se in servizio o in divisa non possono accedere a esercizi pubblici o luoghi privati per scopi che non afferiscono strettamente al loro lavoro. In particolare un ammonimento a non cadere nella tentazione di entrare magari in un bar per concedersi un caffè se si è con la divisa. Per la pausa caffè si può ricorrere al distributore interno agli uffici.

Un provvedimento che è stato esteso a tutti i dipendenti comunali. La pausa caffè si fa dunque in ufficio e si vuole uscire occorre timbrare il cartellino, registrando l'uscita dalla sede di lavoro come un “permesso”. Ma non solo. La produttività dei pubblici dipendenti rischia di essere minata anche dall'utilizzo improprio di internet. Il proliferare di social network e chat infatti possono rappresentare una distrazione. Per questo sono stati apportati filtri, in tutta la rete internet comunale, che non consente l'accesso a siti “pericolosi”. Fra questi ovviamente i social, con Facebook in testa. Riguardo Facebook poi i dipendenti devono astenersi anche dal rilasciare commenti inerenti l'attività dell'amministrazione comunale. Regole che già da tempo nel settore privato sono state cause di licenziamento e che ora fissano nuovi paletti anche nel pubblico impiego.

Si tratta di norme comportamentali che afferiscono al buon senso -spiega il sindaco Maurizio Mangialardi- i nostri dipendenti non hanno problemi di distrazioni e sono molto efficienti per cui nessuno ha nulla da temere però è anche vero che in un momento di crisi al pubblico si chiede di dare il buon esempio. Le regole ora ci sono e valgono per tutti. Anche il mio computer ha i filtri e non posso navigare liberamente com'è giusto che sia. Sul posto di lavoro serve serietà nel rispetto dei cittadini stessi”.






Questo è un articolo pubblicato il 03-02-2014 alle 23:30 sul giornale del 04 febbraio 2014 - 5596 letture

In questo articolo si parla di attualità, maurizio mangialardi, giulia mancinelli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/XXi


Parole giuste ..... Ma fino alle 11 e 45 ...... Xche poi all12 scatta ..... La furbizia ....!!!!
Comunque a parte tutto .... Sono parole giustissime ... Ma ripeto che così non risolviamo i problemi di ammanco soldi o spese inutili o spesi male .......

tex53 Utente Vip

04 febbraio, 08:46
io non sono dipendente comunale ma per me vigono le solite regole che Mangialardi ha messo nero su bianco, non ci trovo niente di strano...

Insomma....
Anche io preferisco le regole del buonsenso alle lunghe spaginate di divieti.
Ci sono dei responsabili nei vari uffici, allora che siano loro a controllare e prendere provvedimenti: anche perché troppo spesso troppi divieti in realtà risultano inutili, pesanti e vessativi, quando basterebbe solo sapere di avere un capo che controlla per sistemare la maggior parte dei comportamenti "cattivi" di taluni.

Ad esempio quello del caffè vietato nei bar durante i giri di servizio mi pare una cosa eccessiva: secondo me è sufficiente sapere che gira per la città un responsabile a controllare che non si facciano troppe distrazioni.
E chi controlla il controllore?
Semplice, la gente: che così come avrà segnalato l'eccessivo "svago" di alcuni potrà segnalare l'assenza di un controllo.

PS: sono al lavoro dalle 7.50, scrivo queste righe in un momento di pausa.

maurizio caminati

04 febbraio, 10:23
Applausi a scena aperta per il sindaco. Ha portato appena un poco di decenza nel lavoro dei dipendenti comunali per il loro bene anche se non immediato: infatti se questi ultimi osserveranno queste disposizioni semplici e diffuse nelle aziende private, l'opinione publica cambierà il pessimo giudizio su di loro.
I dipendenti comunali hanno una forte qualità: fare i piagnistei.
Non si tratta solo di decenza ma soprattutto di responsabilità.
Perditempo, lungagnoni,per forza di cose fanno aumentare il numero dei dipendenti il cui costo poi grava su tutti noi.
Nelle aziende private c'è disciplina e controllo non per creare un campo di concentramento, ma per il bene dell'azienda che poi si riflette sul posto di lavoro dei dipendenti. Il datore privato guarda i tempi di lavoro non per azione di polizia segreta, ma per vincere la concorrenza e mantenersi sul mercato.
Nel pubblico questo non esiste perchè nessuno si è mai preoccupato: ed ora vediamo quanto spreco di denaro ci sia nel pubblico.
Nelle aziende private il dipendente è più responsabile che nel pubblico ; vieni pagato per quanto lavori ed in oltre se lavori bene.
Ora i dipendenti pubblici fanno i piagnistei perchè vorrebbero continuare a fare questo; ma i tempi stanno cambiando.
Applausi ancora al sindaco, ache se purtroppo un giorno si vedrà ostacolato dai sindacati che proteggeranno il sistema soltanto per ottenere qualche iscrizione in più.
maurizio caminati

Raramente commento in quanto non ho mai tempo "ma poi chi sono io per criticare?" quali esperienze ho per farlo?? vedo la solita gente che critica tutto, a priori, mi chiedo ma avete esperienze dirette per poterlo fare.

E' mio parere che di stupidaggini questa e la precendente amministrazione ne ha fatte tante.
Ma non gli si può dare torto al sindaco se per una volta critica, chi passa il tempo lavorativo su facebook criticando o al bar....durante le ore di lavoro... S I L A V O R A E S I D A' E S E M P I O

Off-topic

"..ha nulla da temere..."

Se davanti alla "A" ci mettiamo "l'H" è un tantino meglio...